Dustin Brown: imprevedibilità al potere

Dustin Brown: imprevedibilità al potere

Dustin “DreddyTennis” Brown continua a stupire noi e probabilmente se stesso. Batte Cilic a Montpellier e si porta a casa l’ennesimo risultato inatteso su un palcoscenico importante e contro un giocatore più quotato.

6 commenti

csshallenger-dustin-brown-manchester-2016 (1)

DustinBrown continua a stupire noi e probabilmente a stupire se stesso. In quel di Montpellier si prende la briga di mandare a casa la prima testa di serie del tabellone e già vincitore slam Marin Cilic, in due set netti (6-4 6-4) senza mai concedere i vantaggi sui propri turni di battuta. Non è la prima volta che Dustin, al secolo noto come il tennista Rastone giramondo, la scheggia impazzita del circuito, ci lascia stupiti con risultati completamente fuori pronostico e talvolta pure fuori da ogni logica.

C’è da dire che Cilic sta dentro da un po’ (forse da sempre) a un periodo psicodrammatico e spesso tragicomico, avido di risultati. Questo però non toglie lustro al buon Dustin, primo per la grande partita giocata, e secondo proprio per questa sua non dichiarata passione pergli scalpi più o meno illustri. Aggiunge ora Cilic ai vari Nadal (due volte), Darcis, Simon, Monaco.

BIOGRAFIA –  Dustin, classe 1982, nasce a Celle, in Germania, da papà Leroy, cui dedica un tatuaggio sul fianco sinistro e da cui eredita (per sua fortuna) i rasta, la natura e la voglia di vivere Jamaicana, e da mamma Inge, tedesca, da cui eredita (sempre per sua fortuna) la puntualità e l’organizzazione. Il mix è potenzialmente esplosivo, e Dustin lo incarna alla perfezione: fantasia, sorriso e un pizzico di pazzia da una parte e metodo, serietà e voglia di farsi un nome dall’altra. Il suo tennis ne è una naturale conseguenza.

I riflettori si accendono su di lui ad intervalli molto irregolari. La sua carriera rimane comunque una storia bella, ma vissuta soprattutto in provincia. Gira praticamente tutta l’Europa a bordo del suo famoso camper con targa personalizzata CEDI100 (dove CE sono le iniziali di Celle, la sua città natale; D per Dustin e I per mamma Inge, e 100, per l’obiettivo dichiarato di posizione in classifica) (dando ogni tanto uno strappo a qualche collega) per farsi un nome fra i tanti tornei Futures e Challenger, dove raccimola la maggior parte dei suoi punti, e se ne porta a casa parecchi soprattutto nel doppio. Per fortuna ogni tanto emerge dal sottosuolo, quasi sempre per prendersi uno scalpo e affacciarsi un po’ più in alto in classifica, per poi risalire sul suo camper e sentirne riparlare dopo qualche mese. Siamo sicuri che a Dustin va benissimo così.

SERVE&VOLLEY D’ALTRI TEMPI – Si fa amare dal grande pubblico per il suo gioco ormai assolutamente retrò, un serve&volley spregiudicatissimo, fantasioso e assolutamente personale, con un gran servizio (bellissimo vederlo tirare anche seconde a 200km/h), seguito sempre e comunque dalla conquista della rete, spesso senza un piano ben preciso, dove la soluzione di tocco fa da padrone, fra demi-voleè, stop-volley, allunghi, colpi da dietro la schiena, tweener e chi più ne ha più ne metta (potete trovare video di suoi colpi spettacolari ovunque su internet). Il gioco da fondo, di conseguenza, è assolutamente precario, soprattutto dal lato del rovescio, da cui piovono errori se lo scambio si fa prolungato, e le strategie messe in campo sono spesso suicide, ma una cosa è certa: Dustin sembra amare il tennis più di se stesso e del proprio risultato finale, almeno su palcoscenici importanti.

Sulle superfici veloci però ha già dimostrato di poter insidiare grandi campioni, primo fra tutti Nadal, di cui è un’autentica bestia nera sull’erba; prima ad Halle nel 2014 (con un secco 6-4 6-1 in 59 minuti), poi sul centrale di Wimbledon nel 2015 in quattro set, Nadal si è dovuto arrendere agli innumerevoli attacchi all’arma bianca del giocatore più spregiudicato del circuito.

PALMARES –  La spregiudicatezza di Dustin emerge anche dal suo palmares. In singolare vince 4 Futures e 6 Challenger sparsi per il mondo, su tutte le superfici, ma la maggior parte dei titoli arriva dal doppio; alternandosi a vari compagni, diventa il “McEnroe” del circuito Challenger e porta a casa 24 titoli in totale, di cui due ATP 250, 17 Futures e 7 Challenger; gli ultimi 6 Challenger arrivano tutti consecutivi nel 2010, fra Aprile e Novembre, sparsi per l’Europa. Vince solo un torneo più di una volta, a dimostrazione che col suo camper può arrivare dove vuole e può permettersi di giocare tutti i tornei a disposizione.

OBIETTIVI: DIVERTIRE E DIVERTIRSI – Dustin ha più volte dichiarato di essere felicissimo così. Il proprio tennis è completamente fuori dalle logiche del gioco moderno, ma è il proprio tennis, il suo modo di esprimersi e di mette in campo molto di se stesso. Su palcoscenici importanti scende in campo come se giocasse nel campetto con gli amici e poco importa se il risultato arriva solo una volta ogni tanto. Quel risultato rimarrà comunque sempre impresso nella sua memoria e anche nella nostra.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gianluca Colamussi - 5 mesi fa

    Geniale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anna Galbani - 5 mesi fa

    Non annoia di sicuro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Carla Gileno - 5 mesi fa

    Divertente mi e’ sempre piaciuto e’ uno dei pochi che riesce ad inchiodarmi sulla poltrona sempre dopo il grande ROGER.!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesco Leone - 5 mesi fa

    Bravissimo e vederlo giocare è spettacolo puro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Camolli Marco - 5 mesi fa

    Un match tra Brown e Dolgopolov, e’ il massimo del divertimento……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pierpaolo Fortino - 5 mesi fa

    E peraltro sul veloce indoor, grandissimo risultato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy