Jennifer Capriati su Sharapova, bla bla bla

Jennifer Capriati su Sharapova, bla bla bla

A prescindere dai fatti, che verranno chiariti o forse no, è proprio necessario sputare sentenze dal divano di casa?

Jennifer Capriati ha rilasciato un tweet che fa discutere dopo la conferenza stampa tenuta ieri da Maria Sharapova sul test da cui è risultata positiva al doping.

“Sono estremamente arrabbiata e delusa. Ho perso la mia carriera, ma non ho mai voluto barare. Ho dovuto gettare la spugna e soffrire. Non ho avuto a disposizione una squadra costosa di medici che mi aiutassero a trovare un modo per ingannare il sistema”.

Ricordiamo brevemente i fatti: nella conferenza stampa convocata a Los Angeles, la tennista russa ha rivelato di non aver superato un controllo antidoping al quale è stata sottoposta a gennaio, durante l’ultimo Australian Open. Il farmaco, assunto da Sharapova da circa 10 anni, il Meldonium (anti-ischemia e fornitore di magnesio), è stato inserito solo dal primo gennaio nella lista proibita.

“I vantaggi sono sottili, a volte basta poco per raggiungere un livello più alto, a volte è esattamente ciò che ti serve per avere maggiore fiducia nei tuoi mezzi. Tutto questo è lontano dal vero, duro lavoro di uno sportivo”, continua Capriati.

Arrivano le prime reazioni social, dalla Navratilova a Ebden sino alla Shapatava (n. 227 delle classifiche). Tutti parlano senza – ancora – conoscere i fatti, giusto per porre un gettone di presenza. Poi si accerteranno i fatti, quel che conta è dire qualcosa, che generalmente poi cambia nei giorni. Come ad ogni evento di cronaca, la prima cosa che emerge è quella che serve al pubblico per stare da una parte o dall’altra, poi ne emergono altre (attendibili?) e quindi molti cambiano idea, come nulla fosse.

Diciamo che, tesi complottistiche di una nuova guerra fredda tra Usa e Russia a parte, Sharapova ha ammesso pubblicamente di assumere da tempo il farmaco, rinunciando anche alle contro-analisi. Le domande sono tante, una delle più scottanti potrebbe essere questa: Sharapova ha scelto di anticipare tutti e di lanciare la bomba prima che qualcuno le proponesse taciti accordi come capitato con tantissimi tennisti/e? Chi tace, tace perché Maria sta antipatica a tutti/e o perché sono tutti/e pieni/e ed evitano la dichiarazione di facciata per poi eventualmente esser trovati/e con le mani nel sacco? E’ una guerra tra case farmaceutiche? Forse la verità è sempre nel mezzo: non è giusto parlare di doping (se dopo anni e anni, da un giorno all’altro, il farmaco diventa illegale), magari si potrebbe parlare di abuso di farmaci. E qui – credo – ce ne sarebbero da dire… Qualcuno, a prescindere da Sharapova, credeva davvero vivessero a pane e gatorade?

Le domande sono tutte legittime, le risposte dal divano di casa un po’ meno. Il principio vale anche per Jennifer Capriati, forse un po’ di più.

16 commenti

16 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudia Luberti - 1 anno fa

    Adesso si diranno tante di quelle cose. .. la capriati poteva stare zitta solo lei si è rovinata la “carriera” se così si può definire… anche se la Sharapova avesse smesso a gennaio di prendere il medicinale sarebbe uscito fuori comunque visto il lungo periodo che ne ha fatto uso. Dovevano farla fuori e ci sono riusciti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rossa Rosa - 1 anno fa

      In che senso farla fuori ….? A chi dava fastidio …..e perché !!!????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Claudia Luberti - 1 anno fa

      Come tutti gli atleti russi… ti sei chiesta perché stanno controllando solo i russi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. William Venturini - 1 anno fa

    Beh, diciamo anche che le sentenze dal divano sono le cose che vi fanno guadagnare la pagnotta.. Zero appassionati=zero polemiche=zero motivi per parlare di tennis..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giovanna Usellini - 1 anno fa

    Dai Masha non devi ritirarti come on

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Silvia Ulla Baudin - 1 anno fa

    No se enteraba de lo que consumía, siempre ponen cara de yo no sabia nada .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alberto Pagnano - 1 anno fa

    Visto che i suoi guadagni arrivano dalle tasche dei tifosi che si abbonano a Sky o che vanno a guardare le partite dal vivo direi proprio che è necessario!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sandra Sagramoni - 1 anno fa

    Senti da che pulpito viene la predica…. Scagli la prima pietra chi è senza peccato.Nel tennis come in tutti gli altri sport.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lucio Greco - 1 anno fa

    Sport preferito da tanti da un bel po’!!!Semplici esibizionisti di idee senza alcun allenamento né regole!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Theo Salvi - 1 anno fa

    Si, le sentenze sono doverose. I suoi “stakeholders” non sono solo sponsor e soci, bensì anche i tifosi. 4 minuti di conferenza non ti scagionano immediatamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Lucio Greco - 1 anno fa

      Da parte di chi????///

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Theo Salvi - 1 anno fa

      Mi serve un avvocato per dire che a livello sportivo è una grande delusione? Dopo che ha ammesso le colpe? La legge non ammette ignoranza e anche se la storia di negligenza fosse vera, lei si è dopata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Roza Zidanik - 1 anno fa

    Sarapova koza jemala. Doping. Blode. Kuuuuuuu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Valentina Mercy Danzig - 1 anno fa

    Jennifer non ha fatto una gran figura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Umberto Hvalic - 1 anno fa

    mi piacerebbe proprio sapere come vi sareste comportati se al posto della sugarpova ci fosse stata Serena Williams!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Maria Bozzetto - 1 anno fa

    #iostoconmasha

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy