ESCLUSIVA TC – Intervista a papà Fognini: “Fabio va preso così com’è. Avrebbe potuto fare di più ma c’era il pericolo di fare anche meno”

Fulvio Fognini in un’intervista esclusiva a Tennis Circus ci ha parlato di suo figlio Fabio, com’è nel privato e com’era da ragazzino e di quanto lui e sua moglie soffrano in silenzio sulle tribune. Oltre ad anticiparci una novità che Fabio annuncerà tra pochi giorni… .

di Lorenza Paolucci, @1987_Lorenza

 

Fulvio Fognini è il papà di Fabio Fognini, è da lui che parte la tradizione della famiglia Fognini che vede tutti i componenti avere un nome che inizia con la lettera “effe”. Se poi il destino ha voluto che Fabio sposasse anche Flavia (Pennetta) ecco che il cerchio si allarga ed i figli dei due assi del tennis italiano, nonché nipoti di nonno Fulvio, si chiamano Federico e Farah. Papà Fognini è per Fabio da sempre un punto di riferimento importante, come sottolinea spesso anche nella sua biografia “Warning”, uscita a settembre e finita sulle librerie di tanti appassionati.

Fulvio ha seguito Fabio zaino in spalla per tutto il mondo da quando ragazzino il figlio decise che il tennis sarebbe stata la sua vita, nonostante si cimentasse con ottimi risultati in diversi sport.

“Fino a 13 anni praticava calcio sci e tennis ed eccelleva in tutti, poi dopo aver vinto diversi tornei ha scelto il tennis ed è stata una scelta vincente.”

Fabio è spesso stato accusato di aver sprecato il suo talento dietro un carattere sopra le righe e troppa discontinuità. Nonostante un Master 1000 vinto ed un ingresso in top ten (best rankig n.9)

Io sono stato parte integrante del suo team “il FIF” Federazione Italiana Fognini e devo dire che assieme abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi, certo si poteva fare di più ma c’era il pericolo di poter fare anche meno.”

 

 

Che tipo era Fabio da ragazzino?

“Da ragazzino non ci ha mai dato problemi, era un ottimo studente e praticava calcio, tennis e sci.”

 

E nel privato, com’è Fabio?

Nel privato è una persona molto timida, rispettosa ed educata. Il classico figlio che tutti vorrebbero avere.”

 

Cosa significa essere il papà di un personaggio discusso come suo figlio?

“Essere papà di un personaggio come Fabio significa bisticciare con tutti quelli che lo offendono sui social , non lo permetterò mai a nessuno.”

 

Per il suo carattere Fabio è spesso stato paragonato a Dr. Jekyll e Mr.Hyde. Nella vita di tutti i giorni è più Dr. Jekyll o più Mr. Hyde?

“Fabio è Fabio e lo si deve prendere così com’ è, io me lo tengo stretto.”

 

Si dice che Flavia lo abbia cambiato tanto (in positivo), anche Fabio disse dopo la vittoria a Montecarlo che grande merito era della moglie. Quanto è vera questa cosa?

“Per me non lo ha cambiato, a casa sicuramente si ma in campo finché giocherà sarà sempre lui: crazy fogna”

 

Lei e sua moglie siete i tipici genitori che soffrono in tribuna o prendete tutto come va?

“Quando siamo in tribuna soffriamo con il sorriso sul viso perché state tranquilli che lui ci nota anche se è in campo. Quando siamo a casa sul divano soffriamo come bestie fumandoci da pirloni un pacchetto di sigarette”

 

Come sta prendendo Fabio l’exploit delle nuove leve del tennis italiano?

“Vedi l’unica cosa che abbiamo in famiglia è il non essere gelosi. Fabio sa di avere ancora pochi anni di carriera davanti a se e la rivalità sportiva con i più giovani sono sicuro lo stimolerà ancora di più. Dice che Sinner e Musetti sono davvero due fenomeni e che Berrettini e Sonego faranno una carriera al top.

Ps: la settimana prossima annuncerà grosse novità sull’anno che viene”

Ringrazio Fulvio Fognini per la disponibilità

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy