Shanghai Rolex Masters: Zverev interrompe il sogno di Berrettini e raggiunge Medvedev in finale

Shanghai Rolex Masters: Zverev interrompe il sogno di Berrettini e raggiunge Medvedev in finale

Alexander Zverev sconfigge con il punteggio di 6-3, 6-4 Matteo Berrettini, approfittando di una giornata storta dell’italiano. Prima finale in un Master 1000 quest’anno per il giocatore di Amburgo, raggiungendo il russo Daniil Medvedev. Nonostante la sconfitta, Berrettini è ancora in corsa per le Atp Finals.

di Redazione Tennis Circus

Terzo confronto diretto tra Zverev e Berrettini: i due precedenti erano stati giocati entrambi a Roma, con il tedesco che aveva vinto nel 2018, approfittando di un Berrettini che era entrato da poco nei primi 100 giocatori del mondo. Quest’anno invece era stato il tennista romano a trionfare con un doppio 7-5. Entrambi i giocatori cercano l’approdo a Londra: dopo la qualificazione di ieri di Stefanos Tsitsipas, i posti rimasti per la qualificazione al Masters di Londra  sono solo due e quasi casualmente entrambi sono attualmente occupati dai due avversari odierni: Zverev al settimo posto della Race con 2615 punti e Berrettini all’ottavo posto con 2545.

La cronaca –  Un po’ timida la partenza di Berrettini: una percentuale di prime palle molto bassa, molti errori di diritto che gli costano nel quarto game il break, cosicché Zverev si porta in appena 15 minuti sul 4-1. Il tedesco mantiene una percentuale di prime molto alta, con il 93% di realizzazione. Il tedesco continua a macinare punti al servizio e in appena mezz’ora chiude il primo parziale per 6-3. È necessario porre all’attenzione un dato: in risposta Berrettini ha ottenuto 2 soli punti su 22, di cui uno su un doppio fallo del tedesco. Per cui bisogna che Zverev abbassi la percentuale di prime nel secondo set  e che lo stesso italiano risponda meglio: in particolare, urge che Berrettini ritrovi il suo miglior diritto.

SECONDO SET-La prima chance sul servizio di Zverev se la procura nel terzo game, quando grazie ad un errore di diritto, Berrettini si porta 15-30 in risposta: nel punto successivo, l’italiano avrebbe potuto issarsi sul 15-40, grazie ad un grande rovescio lungolinea, che viene però vanificato dallo stesso romano, il quale successivamente sbaglia una palla corta che non gli esce dalle corde: altro sintomo di tensione. A quel punto, Zverev, da giocatore di qualità, mette due prime e si porta sul 2-2. Berrettini però aumenta la percentuale di prime e tiene nei primi tre giochi il servizio a zero. Entrambi i giocatori mantengono il servizio fino al nono gioco, quando Berrettini mette poche prime in campo e, nonostante riesca a salvarsi dallo 0-40, perde il servizio, consentendo al tedesco di chiudere il secondo set con il punteggio di 6-4. Con questa vittoria Zverev raggiunge Medvedev in finale e quasi sicuramente stacca il pass per Londra, lasciando di fatto libero un solo posto per il Masters di fine anno. Berrettini comunque rimane ancora il favorito per la corsa finale.

[5]A.Zverev b. [11]M.Berrettini 63 64

di Donato Marrese

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Federica Sueri - 2 giorni fa

    Non mi sembra un’analisi corretta nei confronti di Zverev, che oggi era quasi perfetto, con la prima ingiocabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Federica Sueri - 2 giorni fa

    Non mi sembra un’analisi corretta nei confronti di Zverev, che oggi era quasi perfetto, con la prima ingiocabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Federica Sueri - 2 giorni fa

    Non mi sembra un’analisi corretta nei confronti di Zverev, che oggi era quasi perfetto, con la prima ingiocabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Federica Sueri - 2 giorni fa

    Non mi sembra un’analisi corretta nei confronti di Zverev, che oggi era quasi perfetto, con la prima ingiocabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Federica Sueri - 2 giorni fa

    Non mi sembra un’analisi corretta nei confronti di Zverev, che oggi era quasi perfetto, con la prima ingiocabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Mario Damiano - 2 giorni fa

    Non sono d’accordo sia stata una giornata storta di Berrettini, è stato straordinario al servizio il tedesco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Gianni Bracciaferri - 2 giorni fa

    Pazienza,andra’meglio alla prossima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Marco Perri - 2 giorni fa

    Hanno venduto la pelle dell’orso troppo presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy