Julia Goerges si congeda: “Caro tennis, sono pronta a dirti addio”

Julia Goerges dice stop al tennis giocato, a soli 31 anni, con un lungo post sui social e subito arrivano i tanti messaggi dei colleghi

di Diletta Barilla

Caro tennis, ti scrivo perché sono pronta per dirti addio” inizia così la lettera sui social che Julia Goerges scrive e pubblica per annunciare il suo ritiro.

L’attuale numero 45 del ranking della WTA chiude così la sua carriera professionistica a soli 31 anni. Per lei, arrivata anche a toccare la vetta della classifica mondiale, un anno avaro di soddisfazioni e vittorie.

Nessuna gioia in Australia, poi la lunga pausa per il covid-19 e la scelta di non volare negli Stati Uniti per disputare gli US Open. Il rientro solo in Europa per i tornei su terra di Roma e Parigi. E proprio quella del Roland Garros sarà la sua ultima apparizione da giocatrice.

Ho sempre saputo come mi sarei sentita nel momento in cui avrei dovuto salutarti e quel momento è oggi. Sono pronta a chiudere un capitolo per aprirne uno nuovo con grande entusiasmo” continua Julia Goerges che poi ringrazia tutti: “Un enorme grazie alla mia famiglia, ai mei amici, al mio team, agli sponsor e a tutti i fan“.

View this post on Instagram

TIME TO SAY GOODBYE

Subito arrivano i commenti delle colleghe e della stessa WTA che risponde postando le emoticon a forma di cuore così come la regina del ranking Ashleigh Barty. “Mancherai molto sui campi ma ci vedremo fuori. Grazie per tutti i momenti vissuti insieme e per i bei ricordi” scrive Kiki Bertens.

Congratulazioni per la tua carriera ed in bocca al lupo per il futuro” dicono in coro Sara Errani ed Elise Mertens. Ma non sono le sole. Sono davvero tanti i commenti sotto le foto dei Julia Goerges che la ritraggono in campo sin dalla più tenera età.

Più di 26 anni spesi sui campi, sempre in giro per tornei. Tante sconfitte ma anche grandi successi, come ricorda l’ormai ex tennista tedesca che compirà 32 anni il prossimo 2 novembre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy