Jannik Sinner, la grande speranza del tennis italiano

Jannik Sinner, la grande speranza del tennis italiano

Jannik Sinner è diventata una delle grandi perle del tennis. A 18 anni sta dimostrando di avere tutte le carte per essere uno dei protagonisti del futuro. A tal proposito, lo stesso altoatesino parla dei risultati ottenuti in questo 2019, di come è iniziata la sua carriera tennistica, dell’incontro con Riccardo Piatti e dei suoi obiettivi futuri, tra cui anche diventare il prossimo n 1 mondiale.

di Redazione Tennis Circus

Non dovrebbe essere semplice sopportare la pressione di diventare una delle grandi promesse del tennis mondiale quando si ha appena 18 anni. Ma gli errori di gioventù rappresentano un punto di partenza. L’italiano Jannik Sinner è diventato uno dei giocatori da considerare, nel presente e nel futuro non troppo lontano, in questo sport e tutto questo accade dopo aver scalato la classifica per le Next Gen Finals e aver dimostrato di potersi già confrontare con giocatori con più esperienza nel circuito.

Sulla scelta di giocare a tennis: “Da bambino avevo molti dubbi sul fatto che volessi diventare un giocatore di tennis o no. Ero molto appassionato di sci e a volte l’ho praticato più del tennis. Sono passati sette anni da quando ho capito che avevo tutte le carte per fare una buona carriera in questo sport, mi allenavo solo due volte a settimana e l’ho fatto per divertirmi; ora mi alleno quasi ogni giorno e mi diverto molto più di prima, è anche vero che i miei obiettivi sono diversi e faccio fatica ad ottenerli giorno dopo giorno”, ha dichiarato sul sito web ufficiale dell’ATP.

Quando aveva 13 anni, andò all’Accademia di Riccardo Piatti: “Ho sempre visto Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic e molti altri in TV. Ho sempre sognato di potermi confrontare con tutti loro. Ricordo quando ho incontrato Riccardo che parlò con me e mi disse che avrei avuto un gran futuro in questo sport. Questo mi ha aiutato molto a scegliere il tennis prima dello sci e lottare per i miei sogni. Penso che ora sono in un grande momento di forma e, in base al lavoro che sto facendo, spero a poco a poco di entrare maggiormente nel circuito.”

Lo stesso ha giocato poche partite nella categoria ITF: “Penso che uno dei motivi per cui ho deciso di non prendere parte a molti tornei ITF e di giocare rapidamente i tornei Challenger fosse perché volevo progredire più velocemente in questo sport. Grazie a questa decisione, ho scalato le posizioni in classifica e ora posso dire che ho anche una classifica per giocare direttamente nei tornei principali del Grande Slam. Ho sempre cercato di competere contro giocatori migliori di me, poiché è lì che acquisti esperienza. Mentre ci sono giocatori che preferiscono giocare per un po’ in juniores e poi scalare lentamente, ma il mio team ha visto che avevo già il livello necessario per competere in questo circuito.” 

Jannik Sinner

Sinner rappresenta una delle migliori promesse nel panorama mondiale tennistico: “Uno dei miei grandi obiettivi è diventare non solo il miglior giocatore italiano sul circuito, ma diventare ad un certo punto numero uno al mondo. Penso che sia il sogno di ogni tennista nel circuito, ma sinceramente in questo momento non ci sto pensando. Ora sto semplicemente imparando da ogni torneo che gioco a diventare un giocatore di tennis migliore. Il tempo dirà se riuscirò mai a raggiungere questi obiettivi a lungo termine o meno.”

Su quale sia l’obiettivo a breve termine: “Non sono troppo ossessionato dalla mia classifica, ma è vero che preferirei essere meglio posizionato quando si gioca nei tornei. Ho 18 anni e tutto questo sta andando troppo veloce. Ho iniziato l’anno dalla top 1000 e ora sono praticamente nella top 100. Non è stato facile, ma con il lavoro tutto può essere raggiunto.”

Per quanto riguarda l’emozione di giocare contro Roger Federer: “Mi piacerebbe potermi misurare con i migliori giocatori del circuito. Se dovessi mai giocare contro Roger, sarebbe una grande esperienza, dal momento che è in questo tipo di partite che impari di più. Forse perderei, ma penso di poter arrivare molto bene in futuro, per crescere rapidamente”, ha concluso.

Donato Marrese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy