Estate americana, ecco i dieci outsider con un sogno nel cassetto

Estate americana, ecco i dieci outsider con un sogno nel cassetto

A poche settimane dall’inizio della stagione su cemento, scopriamo chi potrebbero essere i possibili underdog in grado di impensierire i soliti noti. Isner cerca l’impresa in casa. Tra le donne occhio a Keys e Giorgi.

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Keys a caccia del primo grande successo. Giorgi, perché no?

  • Finale a New York, semifinale a Melbourne e Parigi, finale a Roma e Montreal, quarto posto ai Giochi Olimpici di Rio: sempre protagonista delle fasi finali dei grandi eventi, ma mai capace di compiere lo step successivo. Madison Keys vuol togliersi di dosso l’etichetta di perdente di successo, eppure a soli 23 anni raggiungere quel bottino di traguardi non è mai cosa facile. La tennista di Rock Island, quasi sempre underdog di lusso ai nastri di partenza dei vari appuntamenti, potrebbe affidarsi alla salutare aria di casa per tentare il colpo grosso, magari confermando le finali di Montreal e Flushing Meadows, raggiunte rispettivamente nel 2016 e nel 2017, provando a fare anche qualcosa in più.
  • E se fosse proprio Julia Goerges la vera rivelazione della stagione americana? La tennista tedesca, reduce dalla prima semifinale Slam centrata pochi giorni fa a Wimbledon e forte di una nuova raggiunta consapevolezza, sembra avere tutte le carte in regola per mostrare il suo tennis esuberante e aggressivo anche sui campi in cemento, dove in carriera ha collezionato tre dei cinque trofei totali. A fari spenti, ma non troppo visto che proprio quest’anno Goerges per la prima volta è entrata tra le prime 10 giocatrici al mondo, la 29enne di Bad Oldesloe cercherà di inserirsi nell’ambizioso lotto di chi cerca la consacrazione definitiva, magari attraverso un exploit di prestigio.
  • No, non abbiamo dimenticato Noami Osaka. Dopo il netto e sorprendente trionfo centrato ad Indian Wells, anche la giovanissima tennista giapponese nutrirà chances di successo in una stagione agostana che si preannuncia già rovente. Le ambizioni della 20enne nipponica saranno, con tutta probabilità, focalizzate sui prossimi Us Open, dove può vantare due terzi turni in carriera. Osaka, nel corso della sua giovane vita tennistica, non è mai andata oltre un ottavo di finale Major (Australian Open 2018) ed è per questo che lo Slam a stelle e strisce potrebbe consegnarle l’occasione di stupire ancora, spianandole la strada verso l’élite del tennis femminile.
  • Il sogno di Mihaela Buzarnescu. Non è da tutti scalare circa 475 posizioni in classifica in solo un anno a 30 anni, vincere un titolo Wta, battere due volte Svitolina, Ostapenko e arrivare a qualche punto dal successo contro Karolina Pliskova a Wimbledon. Ecco la nuova carriera della giocatrice di Bucarest, che dopo diversi problemi alle ginocchia e il conseguimento della laurea, può finalmente assaporare il tennis che conta, grazie ad un’arrampicata che definire irrazionale, miracolosa, inaspettata sarebbe riduttivo. L’obiettivo di Buzarnescu è quello di superare qualche turno anche nell’ultimo appuntamento Major stagionale, dopo aver fatto incetta di scalpi illustri nella prima metà di stagione.giorgi new york
  • Capitolo Italia. Anche in campo femminile è doveroso inserire un’azzurra tra le possibili outsider della stagione su cemento. Camila Giorgi, reduce dal primo quarto di finale Slam in carriera, vuole confermarsi ad altissimi livelli anche sui campi a stelle e strisce, dove può vantare diversi risultati di prestigio (vittorie contro Sharapova, Radwanska, Wozniacki). Dopo un clamoroso ottavo di finale centrato cinque stagioni fa agli Us Open, la tennista maceratese non è più riuscita a confermare quelle brillanti prestazioni (in quattro anni solo una vittoria presso gli impianti del Billie Jean King National Tennis Center), ragion per cui, complice anche il probabile ottenimento di una testa di serie, proprio l’appuntamento newyorchese potrebbe rappresentare un ottimo trampolino di lancio verso la scalata alla top 20, obiettivo a questo punto dell’anno più che spendibile per l’azzurra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy