Nikoloz Basilashvili, com’è cambiata in un anno la sua carriera

Nikoloz Basilashvili, com’è cambiata in un anno la sua carriera

Nikoloz Basilashvili è un perfezionista e anche un artista. Sembra colpire la palla nella maniera più pulita possibile e mettere insieme una combinazione di colpi devastanti. Il suo tennis è brillante segue un piano di gioco, facendolo nel modo più efficiente possibile.

di Redazione Tennis Circus

Nikoloz Basilashvili è un perfezionista e anche un artista. Sembra colpire la palla nella maniera più pulita possibile e mettere insieme una combinazione di colpi devastanti. Il suo tennis è brillante segue un piano di gioco, facendolo nel modo più efficiente possibile.“Non sono un grande fan della perfezione”, afferma Jan de Witt, il suo allenatore tedesco di grande esperienza. “So di avere la reputazione di voler essere molto preciso, ma non puoi esserlo. Devi cercare la soluzione semplice e non complicare eccessivamente una partita. A Nikoloz piace davvero fare le cose alla perfezione, vuole renderlo facile e per questo fatica a vincere.”

Il 27enne georgiano, che è diventato professionista nel 2008 (una volta ha cercato di uccidere ogni palla, “inside in”, “inside out”), affronta una lotta quotidiana contro il suo istinto naturale. “Ora riesco a capire come funziona davvero il tennis”, dice il soave Basilashvili, che non entra mai in campo per colpire una palla senza una bandana – o, per improvvisare, una presa da tennis – saldamente legata intorno alla sua testa. “Non si tratta solo di colpire palline o di fare allenamento, ma lavoro anche sul lato mentale del gioco. È molto importante in questo sport sapere come gestire i nervi nei ​​momenti importanti. Sto cercando ancora di imparare.Fino ai 22 o 23 anni, ero pazzo. Non ero professionale nel mio approccio. Sapevo di voler giocare bene, ma non ero in grado di giocare a questo livello. Non avevo un piano di gioco per arrivare qui. Sapevo che mi mancava qualcosa. Sono stato intorno ai 50-100 del mondo per molto tempo, per due o tre anni. Avevo bisogno di qualcuno che si fidasse al 100%.”

 Per anni, il figlio di un ex ballerino di balletto nazionale georgiano, Nodar, si è trovato in difficoltà per motivi vari: vincoli finanziari, il fatto di non avere sempre le persone giuste, o  non di fidarsi pienamente di quelle  intorno a lui; e di dover escogitare idee per migliorare il proprio gioco. Stephen Koon, che ha allenato un sedicenne Basilashvili a Granite Bay, Sacramento ricorda la sua impressione iniziale: “Ho sempre pensato che fosse un diamante grezzo, come colpisce la palla. Aveva una sopportazione fisica estremamente elevata – non gli importava del duro lavoro – e ho capito subito che questo ragazzo non temeva nulla o nessuno quando si trattava di tennis.”

Il talento non è mai stato messo in discussione. Ma Basilashvili, che per la prima volta ha consegnato una racchetta da tennis quando aveva poco più di cinque anni a Irakli Labadze, sconfitto da un certo Roger Federer nella finale junior di Wimbledon del 1998, ricorda: “Ci sono stati dei momenti in cui mio padre ed io abbiamo dormito in macchina per un paio di settimane. È stato un viaggio interessante. Mi allenavo in cattive condizioni e non riuscivo nemmeno a trovare uno sponsor, quindi ho ottenuto la cittadinanza russa. C’è stato un tempo in cui abbiamo dormito in macchina per un mese intero durante il tour junior e abbiamo anche dormito in tenda ai tornei. Quando avevo 20, 21 anni, ho quasi ricominciato a giocare a tennis da zero, dato che mentalmente ero giù. Tutte queste cose mi hanno fatto davvero capire che i brutti momenti mi hanno reso più forte e affamato di giocare a tennis ad alto livello.”

Le decisioni prese per necessità hanno aiutato il talentuoso junior ad estendere la sua visione ben oltre la Georgia, un paese di fanatici del calcio e del sollevamento pesi. Per Basilashvili, che apprezza maggiormente la lealtà e l’onestà, è stato un periodo di grande frustrazione. “Pensavo solo ad avere abbastanza soldi per arrivare ai tornei”, aggiunge il georgiano. “Volevo prenotare i campi, ottenere palline da tennis e un compagno di allenamento. Era puramente sopravvivenza. È stato solo quando mi sono qualificato a Wimbledon nel 2015 e ho vinto due partite nel sorteggio principale che è avvenuto un grande cambiamento a livello mentale. Stavo giocando a tennis, ma non potevo andare oltre la Top 50. Sapevo di aver bisogno di un mentore che mi aiutasse in questo. Conoscevo le tattiche di Jan e come allenava. Mi è piaciuto ed è per questo che l’ho contattato.”

L’ascesa degli ultimi 13 mesi dal numero 89 al numero 18 in classifica ATP, ha fatto in modo che andasse in porto la partnership di Basilashvili con l’ex allenatore di Gilles Simon, De Witt, che l’ha iniziato a seguire da giugno dello scorso anno. Dopo una prova di successo di una settimana, Basilashvili ha ha perso otto delle sue 12 partite sotto la guida di De Witt., afferma De Witt. “Ciò che mi ha convinto è stato il modo in cui ha reagito durante l’allenamento e ho capito che questo ragazzo era davvero serio nel fare ciò che serve per portare il suo gioco ad un livello successivo”

I risultati sono arrivati ​​presto, tra cui due trofei ATP 500 nel 2018 agli Hamburg Open (battendo Leonardo Mayer) da qualificato e il China Open a Pechino, sconfiggendo in finale Juan Martin del Potro, non al massimo della sua condizione, centrando la terza vittoria contro un top 10. “Prima ero in finale, avevo giocato a Kitzbuhel (luglio 2016) e Memphis (febbraio 2017)”, afferma Basilashvili. “Ma vincere un titolo è diverso, in particolare un 500. Ti dà molta fiducia, che è una delle cose più importanti nel tennis: sapere che quando scendi in  campo puoi vincere questa partita.Diventando più professionale, attuando gli schemi di gioco del mio allenatore e acquisendo maggiore fiducia in me stesso, ho trovato la mia strada. Avevo bisogno di vincere un titolo ATP come conferma del mio lavoro – che mi stavo muovendo nella giusta direzione- e quando l’ho fatto ad Amburgo e Pechino, mi sono rilassato e ho trovato la giusta motivazione.”

di Donato Marrese

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy