Non è il tipo di impugnatura a decretare il colpo ma il corretto anticipo ed impatto sulla palla

Non è il tipo di impugnatura a decretare il colpo ma il corretto anticipo ed impatto sulla palla

di Federico Bazan

Partendo dal presupposto che non esistono giocatori uguali e che la traiettoria di palla di ognuno è diversa seppur con poche apparenti differenze, anche Federer e Dimitrov, sebbene considerati uno il clone dell’altro, sono giocatori diversi tra loro.
Nel tennis se si ha un’impugnatura aperta non è detto che il colpo giocato abbia sempre rotazione o, se più chiusa, se ne produca sempre uno piatto. Questo perchè sono l’anticipo sulla palla, la distanza del corpo dalla palla, l’impatto e soprattutto la funzione delle gambe a decretare un buon colpo. Se colpisci la palla con il peso del corpo all’indietro, a prescindere da quale impugnatura tu abbia, non puoi sperare di tirare piatto e teso; allo stesso modo se colpisci la palla sopra all’anca se non addirittura sopra la spalla, è più probabile che ti esca un colpo carico di spin piuttosto che una traiettoria tendenzialmente orizzontale. Per quel concerne il dritto, molteplici sono gli esempi che dimostrano quanto appena affermato.


Prendiamo Tomas Berdych; il ceco ha una semi-western grip sul diritto, ovvero un’impugnatura che consente di spingere bene in avanti ed usufruire al tempo stesso di una buona rotazione. In realtà, il dritto di Berdych è interamente piatto in quanto egli stesso dotato di un notevole anticipo ed impatto sulla palla;
Ernests Gulbis ha una western che in linea teorica produce colpi arrotati e con meno spinta. Il lettone, invece, grazie ad una funzione dominante dell’arto superiore sinistro e di un piegamento piuttosto accentuato del tronco riesce ad imprimere molta potenza al suo colpo oltre che ad ottenere una buona rotazione di palla.

Lo stesso Nadal che è il maestro per eccellenza del top spin non ha una full western (impugnatura completamente girata) o una western, come erroneamente molti tendono a pensare bensì una semi-western grip (la stessa di Berdych, il quale gioca piatto). Nonostante questo, Nadal produce rotazioni devastanti grazie ad una tecnica biomeccanica molto complessa delle gambe, del braccio e del tronco. David Ferrer, che ha una western, gioca piuttosto arrotato e, nonostante abbia un’impugnatura più aperta rispetto a Nadal, esegue un top spin molto meno accentuato del maiorchino. L’esempio più calzante è senz’altro Roger Federer, che ha una eastern (impugnatura piuttosto chiusa) con la quale è in grado di produrre qualsiasi colpo che sia piatto o più arrotato, merito di una naturalezza e di una precisione biomeccanica fuori dal comune.
Si potrebbe continuare l’elenco citando tanti altri giocatori ma, in ogni caso, la traiettoria e l’efficacia dei colpi non la rendono tanto le impugnature, quanto la funzione del busto, delle braccia e delle gambe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy