Novak DJokovic intervistato da Nove TV

di Giacomo Marchetti, @GiackMarket28

Alla vigilia del match di Coppa Davis tra Serbia e Croazia, Novak Djokovic è stato intervistato dal giornalista croato Sasa Lugonji?, per Nove TV.

Novak ha ammesso di attendere con ansia il match di Davis contro la Croazia:

“Sono molto eccitato, sicuramente è sempre una sensazione speciale giocare per la propria nazione, in particolare contro i croati. Giochiamo a Kraljevo, sarà la mia seconda volta in carriera in cui in Davis non giocherò a Belgrado, sarà un’opportunità unica.  Ci saranno meno spettatori, ma sarà un’atmosfera più intima, si tratta di un nuovo stadio, la gente è desiderosa di guardare il tennis e di guardare lo sport in generale.”

Nole ha parlato anche dello scandalo sui biglietti del match tra Serbia e Croazia:

“Scandalo? Tutta questa storia è molto complicata e ha preso una nuova dimensione ora. Sono così entusiasta di giocare a Kraljevo che ho provato molto disappunto, poiché molte persone che erano in trepidante attesa non potranno assistere alla partite per alcune misure imposte dalla federazione. Alla fine solo persone appartenenti alle classi più alte saranno tra gli spettatori, mentre le persone comuni non potranno essere presenti. Oggi ho deciso di evitare questa storia perché non è mia competenza parlarne. Ma mi dispiace molto perché è uno dei più grandi eventi sportivi in questa parte della Serbia.”

13set2013---novak-djokovic-comemora-vitoria-sobre-o-canadense-vasek-pospisil-pela-semifinal-da-copa-davis-2013-1379102910097_1920x1420

Djokovic ha parlato del giovane tennista croato Borna Coric:

“Mi assomiglia molto, ma penso che i media dovrebbero smetterla di dire che è la mia copia poiché, come sai, ognuno è unico a modo suo. Ho riconosciuto in lui dei tratti caratteriali in cui mi rispecchio, come il suo spirito combattivo, la fiducia che ha in se stesso e il suo giocare senza paura. Ci siamo allenati spesso insieme in Australia e a Dubai. Sono molto contento per lui, perché è un bravo ragazzo e si vede che vuole avere successo in questo sport. Ha un grande talento, e spero che possa ottenere grandi successi, dopo le grandi vittorie contro Nadal e Murray.”

Nole sulla relazione con Marin Cilic:

“Conosco Marin da molto tempo ormai. Penso che ci siamo incontrati per la prima volta a Mostar, quando abbiamo giocato il campionato Europeo a squadre. E’ un bravo ragazzo. E’ uno dei migliori al mondo. Dato che parliamo la stessa lingua, è più facile per noi comunicare fuori dal tour. Durante l’anno viaggiamo sempre con il nostro team, vediamo sempre gli stessi alberghi e gli stessi campi, ripetiamo le stesse azioni, ma è una parte integrante della nostra vita. Tuttavia vedo spesso Marin, abbiamo una relazione d’amicizia. Ero molto contento quando ha vinto gli Us Open, se lo è meritato. So quanto sia difficile e quanti sacrifici richieda raggiungere il successo”.

Djokovic v Bedene - getty images Djokovic v Bedene – getty images

Novak ha detto anche come si trova in Croazia:

“Onestamente, ho trovato la Croazia molto confortevole. Ci sono stato tante volte. Sono stato a Vinkovci più volte, per andare a trovare la famiglia. Ho anche giocato spesso in Croazia, due volte ad Umago e a Zagabria. L’anno scorso ho trascorso le mie vacanze lì. Non c’è alcuna differenza tra il mio paese e la Croazia: come sai, parliamo la stessa lingua. Io rispetto tutte le persone. In Croazia ho mangiato il miglior pesce della mia vita, infatti lì c’è una zona costiera molto bella di cui gli stranieri parlano molto.”

Djokovic sull’ammirazione per gli ex atleti balcani:

“Ce ne sono molti, è difficile ora evidenziarne alcuni. Per la Croazia, ci sono stati Goran Ivanisevic e Ivica e Janica, e Nikola Pilic, che ha avuto un ruolo speciale nella mia vita e nella mia carriera. Abbiamo avuto molti sportivi affermati a livello internazionale. I giocatori di basket hanno raggiunto il miglior successo internazionale, quelli di pallanuoto sono grandi. Sono lusingato quando la gente dice che sono uno dei migliori, non posso fingere di essere indifferente. Sto cercando di usare la mia influenza, insieme agli altri atleti, per creare un ambiente adatto a creare nuovi campioni. Se c’è qualcosa di buono allo stato attuale, quello è lo sport.”

Nole ha discusso anche sulle sue responsabilità:

Ognuno sta facendo il possibile nel limite della propria autorità. Sono ancora un atleta e sto cercando di far notare l cose di cui bisogna parlare, come le inondazioni dello scorso anno. I media occidentali a questo proposito non hanno agito nel modo giusto. Ho avuto fortuna poiché ho avuto successo nello sport che amo, ma ho anche responsabilità nel dover aiutare gli altri.”

Novak sulla vita familiare e su come la paternità lo ha cambiato in positivo:

“Mi ha cambiato sicuramente in senso positivo, provo più empatia e compassione, e ho più comprensione della mia vita familiare. Le donne nei miei occhi sono delle dee, poiché dedicano totalmente la loro vita ai propri figli. Sono molto grato a mia moglie, in questo periodo ero lontano da lei, in Australia e Dubai, e lei ha curato nostro figlio. Ogni volta che sono con loro cerco di partecipare attivamente al suo sviluppo. Ora ha quattro mesi.”

djo

Djokovic sul perché ha smesso di imitare i suoi colleghi:

“Dopo sei-dieci mesi che imitavo alcuni giocatori, nonostante nessuno mi abbia detto di essersi sentito offeso, ho provato disagio, perciò ho deciso di smettere di farlo. Volevo solo divertirmi, non avevo intenzione di ferire o offendere qualcuno.”

Infine, Nole ha parlato del suo musicista croato preferito:

“Oliver, Fleetwood Mac, Karan, loro tre… Ci sono molte qualità musicali in Croazia, così come in Bosnia e in Serbia, ma la Croazia in particolare, è una cosa incredibile, mi piace la musica croata.A Banja Luka ho avuto l’onore di incontrare Karan e mi piacerebbe incontrare Mac e Oliver un giorno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy