Daniel Koellerer: “L’ATP mi ha distrutto la vita. I Fab Four non sarebbero mai squalificati”

Daniel Koellerer: “L’ATP mi ha distrutto la vita. I Fab Four non sarebbero mai squalificati”

Daniel Koellerer non si smentisce, rilasciando alcune pesanti dichiarazioni. Tante le frecciatine lanciate dall’austriaco, noto per essere stato squalificato a vita dal circuito, in particolare all’ATP, colpevole secondo lui di averlo espulso dal circuito senza prove, e di coprire i giocatori più importanti “sacrificando” i più deboli.

Daniel Koellerer ha dato ancora una volta prova del suo carattere focoso, rilasciando alla stampa pesanti dichiarazioni contro l’ATP. Il tennista austriaco, noto per le sue scenate in campo e per essere stato squalificato a vita dal circuito per avere truccato tre match, ha lanciato tante frecciatine all’associazione, parlando di svariati argomenti, dalla sua espulsione al caso scommesse, passando per Marin Cilic.

Per prima cosa, Dani ha accusato l’ATP di averlo squalificato senza prove: “Le prove mi sono costate 180.000 dollari e non ho vinto. L’ATP ha distrutto la mia vita. La mia casa, mia moglie e il mio bambino, tutto è sparito e io ero depresso. Nel caso di doping sei squalificato a tempo determinato, per match fixing vieni condannato senza prove”. Inoltre, ha insinuato anche che l‘ATP copre i tennisti più famosi e importanti, in particolare i “Fab Four”, sacrificando i più deboli: “Ciò che è scioccante è che si dice che i migliori 4 giocatori siano coinvolti. Io personalmente non ci credo, coi loro conti in banca non se ne accorgerebbero nemmeno se vendesse una partita. Ma l’ATP non bloccherebbe mai Djokovic, Federer, Nadal e Murray. Anche se non credo che questi giocatori manipolino, questo sarebbe un suicidio per l’ATP. I migliori giocatori vengono protetti. Sono quelli importanti a non venir sacrificati. Io sono un pugno nell’occhio dell’ATP. Mi hanno sacrificato per mostrare agli altri giocatori cosa può accadere.  Ci sono giocatori protetti e giocatori di cui l’ATP vuole sbarazzarsi.”

daniel koellerer

Koellerer ha raccontato che ben tre volte gli hanno proposto di truccare un match in cambio di denaro, ma si è difeso dicendo di aver immediatamente rifiutato:” Sono stato avvicinato da un intermediario, una volta sono stato chiamato in una stanza d’albergo, e una volta mi hanno parlato a cena. Per una partita contro Davydenko mi hanno offerto $50.000, stessa cosa per una partita con Tipsarevic. Una volta persino $100.000 per perdere contro Massu. Ho rifiutato immediatamente, non ho nulla a che fare con questo. Sono stato abbastanza stupido sul campo da tennis, racchette distrutte, insulti all’arbitro. Ero solo indisciplinato, ma con le truffe non ho niente a che fare.” E sull’inchiesta della BBC, ovvero il famoso caso scommesse che ha fatto tremare il nostro sport, ha detto: “Ci sono 16 dei primi 50, il che significa che un terzo perde di proposito. Sono sicuro che uno o più giocatori fuori dalla top 20 manipolano partite. Se posso testimoniare? No. Questa è totalmente una supposizione da parte mia. Per risolvere il problema, le scommesse devono essere semplicemente soppresse. Ma ovviamente non si può fare, visto che alcuni tornei sono sponsorizzati da agenzie di scommesse. Questo è qualcosa di sporco. Questa è una mafia. Questo è qualcosa di corrotto.”

Su Marin Cilic, squalificato nel 2013 per doping, ha espresso non pochi dubbi: “Io non voglio fare alcun nome. Ma è palese che pure con lui non sono chiare alcune cose. È semplicemente triste. È risultato positivo e un anno dopo ha vinto lo US Open.” Infine, Koellerer ha ammesso di non avere più grande interesse per il tennis, e di desiderare solo che sua figlia possa vederlo in un torneo: “Non voglio tornare nel tour. Ma ho sempre desiderato che mia figlia piccola possa vedermi in un torneo. E non è mai stato possibile purtroppo. Se questo non dovesse accadere, non mi interessa quello che succede a questo sport. Sono così stufo di questo maledetto tennis“.

 

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Meneschincheri - 2 anni fa

    Pagliaccio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paola Fede Lux - 2 anni fa

    Fuori dal campo un’altra persona. L ‘ho incontrato a S. Marino 10 mesi dopo la morte di Federico che a Genova, anni prima, gli aveva dato un pugno dopo aver perso un match esasperato dei suoi numero in campo. Con me gentilissimo. E sono assolutamente d’accordo con quanto dichiarato in questa intervista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco Lionetti - 2 anni fa

    Il giocatore più insopportabile della storia…più di Connors che almeno era un campione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesco Lionetti - 2 anni fa

    Peter Kama

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy