Omosessualità e tennis, la bufera su Stakhovsky non si placa

Omosessualità e tennis, la bufera su Stakhovsky non si placa

Sport e omosessualità. Se ne torna a parlare perché per qualcuno è una questione da evidenziare in qualche maniera. In Canada, dove è in corso la Rogers Cup, c’è stato un coming out che ha fatto parlare. Perché a farlo è stato un calciatore, Michael Sam dei Montreal Alouettes.

A dare la dimensione della faccenda è lo stesso calciatore, che liquida la questione ricordando che la sola cosa che gli interessava durante il match successivo alle sue dichiarazioni, era quella di giocare bene secondo le indicazioni dell’allenatore. E dal calcio a tennis, dove le affermazioni di Sergiy Stakhovsky, a distanza di quasi due mesi continuano a far discutere.

Riassumendo, l’ucraino, n. 60 del mondo, aveva pacificamente, poi si era scusato su Twitter, sostenuto che non potevano esserci gay tra i primi cento del mondo. Tra questa ristretta cerchia di atleti, sicuramente – aveva detto – non c’erano omosessuali. E poi, per ribadire il concetto, aveva parlato anche della Wta: di là, nell’altra metà della sfera professionistica, tutte lesbiche. Per questo, ha assicurato Sergiy, non manderà a giocare sua figlia a tennis.

2014 Sydney International - Day 5
Lampi, tuoni e saette.
Alle considerazioni di Stakhovsky, ha in qualche modo replicato Filip Peliwo, la wild card canadese che l’ucraino, meglio conosciuto per aver eliminato due anni fa Roger Federer a Wimbledon, ha sconfitto al primo turno del Master 1000 canadese.

In una conversazione con il Toronto Sun, Peliwo ha detto che non era a conoscenza delle precedenti osservazioni del suo avversario, ma non pensa che le preferenze sessuali debbano avere una qualche importanza. Nello sport o altrove.

“Non ho davvero alcun problema con la preferenza sessuale. Non dovrebbe importare affatto. Non fa alcuna differenza per me”, ha ribadito il 21enne prima di partire Montreal per un evento Challenger nella sua città natale di Vancouver.

“E davvero non dovrebbe importare. Dovrebbe essere una non-storia. Che si tratti di preferenze sessuali, o cibo, che non è la stessa cosa, non significa nulla. ”

Wta e Atp si sono affrettati a condannare Stakhovsky, con il presidente esecutivo Atp, Chris Kermode, che ha sottolineato come quelli incriminati, siano commenti “offensivi, inaccettabili, e non hanno posto nel nostro sport”

Per la Wta, le affermazioni di Stakhovsky sono “un triste riflesso di un vecchio modo di pensare”.

“Mi dispiace, non volevo offendere”, Stakhovsky ha scritto sul suo account Twitter ufficiale l’11 luglio, presumibilmente in riferimento ai suoi commenti controversi.

querrey

L’americano Sam Querrey anche ha affrontato questo tema in un’intervista a Usa Today: “Tra i giocatori potrebbero esserci dei gay. Che siano in tour ora o siano emergenti. Io sto bene con loro, non ho alcun tipo di problema”.

Numerosi atleti professionisti in vari sport hanno dichiarato la loro omosessualità nel corso degli ultimi anni ed è ovvio che il punto di vista di Stakhovsky non è l’opinione condivisa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy