Australian Open, secondo turno: avanza Federer, fuori Anderson. Fabbiano supera Opelka al quinto!

Australian Open, secondo turno: avanza Federer, fuori Anderson. Fabbiano supera Opelka al quinto!

Lo svizzero si è imposto in tre set sul bravo Daniel Evans, mentre Frances Tiafoe ha sconfitto a sorpresa Kevin Anderson, sesta testa di serie della manifestazione. Anche il nostro Thomas Fabbiano si è guadagnato il passaggio al terzo turno, prevalendo su Reilly Opelka al termine di un confronto estenuante, che si è deciso soltanto al super tie break della frazione decisiva. Sono avanzati inoltre Marin Cilic e Karen Khachanov.

di Federico Gasparella

Roger Federer si è guadagnato il passaggio al terzo turno dello Slam australiano, prevalendo su Daniel Evans, numero 189 del ranking mondiale, con il punteggio di 7-6(5) 7-6(3) 6-3.  Il britannico ha disputato una gara decisamente al di sopra di ogni più rosea aspettativa, riuscendo a confrontarsi alla pari con il campione svizzero per quasi tutta la durata dell’incontro. La prima frazione è stata la più complessa da gestire per l’elvetico, poiché il suo avversario si è rivelato competitivo in molti aspetti del gioco, soprattutto nel corso degli scambi da fondo campo, all’interno dei quali non ha avuto paura di cimentarsi e di azzardare delle soluzioni vincenti. In merito al punteggio, a parte un occasione avuta da Federer sul 6-5 in proprio favore, che è stata vanificata da Evans, non ci sono stati break. Dunque il parziale si è deciso al tie break, il cui andamento è stato assolutamente rocambolesco, in quanto entrambi, fin oltre la metà del jéu decìsif hanno vicendevolmente concesso un mini break dietro l’altro. Ma alla fine, in occasione dei punti decisivi, Federer si è dimostrato più lesto, trovando l’allungo determinante ed imponendosi con il punteggio di 7-5. Il britannico, in apertura di secondo parziale, ha evidenziato un brusco calo di tensione, che l’ha condotto a cedere il primo break della gara. A quel punto lo svizzero ha cercato di assicurarsi una vittoria agevole della frazione, ma l’avversario, inaspettatamente, è riuscito a tornare ad esprimersi in maniera attenta ed efficace. Al deciso game, ha addirittura ottenuto il contro break, portandosi sul 5-5. Il parziale si è infine deciso al tie break, all’interno del quale questa volta Federer non ha fatto alcuno sconto, prevalendo nettamente per 7-3. Nel corso della terza partita il giocatore inglese non è stato più in grado di mantenere dei ritmi sufficientemente elevati, di conseguenza ha praticato un tennis troppo attendista: al quarto game ha ceduto la battuta, un vantaggio che Federer ha saputo conservato abilmente fino alla vittoria dell’incontro. Per quanto riguarda la sfida tra Frances Tiafoe e Kevin Anderson, quinta testa di serie del torneo, lo statunitense ha avuto la meglio al quarto set. Dopo aver ceduto il primo set piuttosto nettamente, ha dato vita ad una rimonta che l’ha portato a vincere tre tre parziali e ad aggiudicarsi la qualificazione per il turno successivo. Il sudafricano, nel merito dell’incontro, ha sofferto oltremodo il gioco imprevedibile compiuto dall’avversario, non riuscendo, inoltre, ad opporre l’abituale consistenza al servizio, scoprendosi di frequente alle incursioni di risposta dell’americano. Relativamente alle altre gare che si sono giocate nella seconda parte della giornata, Marin Cilic, sesta testa di serie del torneo, ha avuto ragione di Mackenzie McDonald. Il croato si è visto costretto a disputare una gara attenta, a ritmi sempre elevati, trovandosi di fronte un avversario tutt’altro che agevole. L’americano infatti ha cercato in ogni modo di non lasciare la possibilità a Cilic di prendere l’iniziativa nel corso degli scambi, cercando spesso di sorprenderlo attraverso l’esecuzione di accelerazioni improvvise o mediante la costruzione di manovre d’attacco imprevedibili. McDonald, dopo aver concesso la prima frazione, ha pareggiato il conto dei set, ma in seguito è venuta fuori la superiorità tecnica del tennista di Medjugorje, il quale ha saputo condurre l’incontro secondo i propri intendimenti, fino alla vittoria definitiva, ottenuta con lo score di:  7-5 6-7(9) 6-4 6-4. Anche Karen Khachanov, testa di serie numero dieci del seeding, si è aggiudicato il passaggio ai sedicesimi di finale, affermandosi con un triplo 6-3 sul nipponico Yoshihito Nishioka. Sono avanzati anche Taylor Fritz, che si è imposto su Gael Monfils sin quattro set, e Fernando Verdasco. L’iberico ha avuto ragione in tre set su Radu Albot. In conclusione, va evidenziato il risultato raggiunto dal nostro Thomas Fabbiano, che ha superato al termine di una battaglia interminabile lo statunitense Reilly Opelka, con il punteggio di 6-7(15) 6-2 6-4 3-6 7-6(10-5). Per l’azzurro l’ingresso ai sedicesimi di finale rappresenta il miglior risultato raggiunto fino ad ora in carriera.

I punteggi:

[3]R.Federer b. D.Evans 7-6(5) 7-6(3) 6-3

F.Tiafoe b. [5]K.Anderson 4-6 6-4 6-4 7-5

[6]M.Cilic b. M.McDonald 7-5 6-7(9) 6-4 6-4

[10]K.Khachanov b. Y.Nishioka 6-3 6-3 6-3

T.Fritz b. [30]G.Monfils 6-3 6-7(8) 7-6(6) 7-6(5)

F.Verdasco b. R.Albot 6-1 7-6(2) 6-3

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy