Australian Open, secondo turno: Bolt sfreccia, Chung out

Australian Open, secondo turno: Bolt sfreccia, Chung out

Vittoria al quinto per l’australiano, mentre esce di scena il semifinalista della scorsa edizione.

di Alessandro Leva

Tutto era a favore di Gilles Simon nella sfida che vedeva opposto il francese ad Alex Bolt, ma l’australiano ha dimostrato che dargli una wild card per questo Slam sia stata una scelta giusta. Dopo 4 ore di gioco, Bolt batte Gillou in un match thrilling che ha avuto il punto di svolta nel quarto set: il transalpino non è riuscito a convertire 4 match point ed ha ceduto il parziale all’avversario. Bolt, riportatosi in parità di set, conquista il quinto set e la partita con il break decisivo alla fine dell’estenuante incontro.

Vittoria al quinto set anche per Joao Sousa, che esce vincente dalla battaglia contro Kohlschreiber. Il portoghese, avanti due set a uno, si fa rimontare, ma è cinico nel brekkare il suo avversario all’inizio dell’ultimo set e indirizzare dalla sua parte la partita; Kraijnovic batte in tre set Donskoy: la partita è subito dominata dal serbo che si complica la vita nel secondo e sopratutto nel terzo set, dove per chiudere l’incontro non basta un vantaggio di 4-1 ma è necessario il tiebreak. David Goffin, invece, soffre un set, ma alla fine la spunta in quattro su Copil.

Infine, Chung conferma il suo inizio di 2019 negativo uscendo prematuramente dal torneo che lo scorso anno l’ha visto come protagonista assoluto. Il semifinalista del 2018 cede in quattro set a Herbert, riuscendo ad aggiudicarsi solo il secondo set per 6 giochi a 1. Gli altri tre sono stati vinti piuttosto agilmente da Herbert, che non ha avuto problemi ad amministrare i break una volta ottenuti.

AUSTRALIAN OPEN SECONDO TURNO MASCHILE – RISULTATI

Sousa b. Kohlschreiber 75 46 76(4) 57 64

Herbert b. Chung 62 16 62 64

Kraijnovic b. Donskoy 64 76(8) 76(2)

Goffin b. Copil 57 75 62 64

Bolt b. Simon 26 64 46 76(8) 64

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy