Ancora problemi al gomito: Kevin Anderson si cancella da Indian Wells

Ancora problemi al gomito: Kevin Anderson si cancella da Indian Wells

Con un post sui social, Kevin Anderson ha rivelato che non sarà ai nastri di partenza del Master 1000 di Indian Wells a causa del gomito che fa ancora male. Al suo posto in tabellone il serbo Kecmanovic.

di Antonio Sepe

Dopo Grigor Dimitrov e Pablo Carreno Busta arriva un altro ritiro a tabellone compilato in quel di Indian Wells. È il turno di Kevin Anderson, il quale, sui social, ha annunciato che non prenderà parte al primo Master 1000 della stagione. La causa è ancora il gomito, che nell’ultimo periodo non gli sta dando tregua e sta compromettendo significativamente la sua stagione.

La brillante vittoria a Pune sembrava essere il preludio di un fantastico 2019, ma già agli Australian Open sono arrivati i primi problemi, con la sconfitta al secondo turno per mano di Tiafoe dove il sudafricano diede l’impressione di non essere al meglio. Dopo uno stop forzato nella speranza di migliorare le sue condizioni fisiche, il rientro era programmato per Indian Wells, ma Anderson non se l’è sentita di rischiare ed ha preferito agire con cautela.

Al suo posto nel main draw il serbo Kecmanovic, sconfitto all’ultimo turno di qualificazioni da Giron, ma ripescato come lucky loser. Miomir esordirà contro il tedesco Marterer in una parte di tabellone dove si aprono spiragli interessanti, con Laslo Djere che avrà una buona chance di raggiungere il quarto turno e Stefanos Tsitsipas che diventa il favorito numero uno per un posto nei quarti.

Ecco il post con cui Kevin Anderson ha rivelato che non sarà del torneo.

“Mi dispiace davvero tanto comunicarvi il mio ritiro dal BNP Paribas Open. É stato fantastico trascorrere del tempo ad Indian Wells ed incontrare i fans nuovamente. Grazie a tutti per i messaggi di supporto. Sto ancora lavorando per migliorare le condizioni del mio gomito; non vedo l’ora di tornare il prima possibile”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy