E se l’arbitro fa il coach?

E se l’arbitro fa il coach?

Curioso siparietto nel match tra Kyrgios ed Herbert, con al centro della polemica l’arbitro Lahyani.

di Alex Bisi, @AlexBillyBisi

Ormai potrebbe diventare uno spot pubblicitario :”Dove c’è Kyrgios c’è polemica”.

Questa volta però l’australiano non è il diretto responsabile ma è stato involontariamente coinvolto dall’arbitro Mohamed Lahyani.

L’episodio incriminato si è verificato durante il match tra Nick Kyrgios e Pierre Hugues Herbert con l’arbitro che è sceso dalla sedia per incoraggiare Nick durante un cambio campo.

Siam nel secondo set dell’incontro, Kyrgios ha perso il primo con il punteggio di 6-4 ed è sotto 3-0 nel secondo, forse qualche acciacco fisico lo sta inducendo a non impegnarsi.

L’arbitro mosso a compassione, scende e gli dice :”Nick tu non sei questo, sei meglio di così. Ti voglio aiutare non è un bello spettacolo quello che stai offrendo.”

Ecco dall’account Twitter di Ben Rothenberg il video incriminato.

Ovviamente il gesto ha creato grosso scalpore, in un’epoca in cui si è costantemente controllati il comportamento di Lahyani, arbitro tra l’altro molto esperto, non è passato inosservato e si son accese subito le polemiche.

Difficile capire quanto abbia inciso nell’esito della partita il gesto di Lahyani, abbiamo già visto Kyrgios assente per una parte di partita accendersi in un momento e girare le sorti del match a suo favore, e il suo avversario lo ha fatto notare in un Tweet.

Il francese sottolinea come gli atleti vengano puniti in caso di errore, auspicando probabilmente ad un provvedimento verso il giudice arbitro.

Naturalmente nell’era dei social network ognuno dice la sua, e anche Donna Vekic interviene sulla questione, trovando tra l’altro l’appoggio di Johanna Konta nella conversazione che ne segue.

Nick non è stato certo inerme ed ha risposto cinguettando che è ironico sentire questo ammonimento da parte di una che ha il coach in ogni torneo, tweet poi modificato ma che non è sfuggito al popolo di Twitter, tanto che qualche follower lo ha postato nella conversazione.

Tra gli uomini però arrivano commenti più pungenti, Andy Murray su Instagram commenta un post dell’australiano con la frase:“Non sapevo che avessi assunto Lahyani come coach.” e persino Thiem risponde definendo Murray una leggenda.

40421217_1934084403321370_9022460012278054912_n

Anche l’ex tennista Andy Roddick è intervenuto al riguardo cercando di smorzare le polemiche sul nascere; secondo l’americano infatti l’atteggiamento dell’arbitro è stato ingenuo fato con il solo tentativo di aiutare un giocatore in difficoltà e spera che siano clementi con lui.

A questo punto la posizione ufficiale qualè? Per ora è stato diramato un comunicato dove si difende la posizione dell’arbitro sceso, a detta dell’organizzazione, per sincerarsi delle condizioni fisiche del giocatore.

Dopo il terzo game del secondo set sul campo 17, l’arbitro ha lasciato la sua sedia per chiedere le condizioni fisiche di Kyrgios perché, a causa dell’alto rumore al cambio campo, voleva essere sicuro di comunicare effettivamente con il tennista – si legge nella nota – Lahyani era preoccupato per le condizioni di Kyrgios dicendogli che se fosse ammalato il torneo gli avrebbe consentito un intervento medico e che se avesse continuato a mostrare scarso interesse per il match avrebbe preso provvedimenti. Al successivo cambio campo sull’1-4 Kyrgios ha chiesto l’intervento del fisioterapista”.

Ora Kyrgios si appresta ad affrontare Federer,vittorioso su Benoit Paire, a cui non è assolutamente piaciuto l’atteggiamento di Layhani, se vogliamo pensare male affrontare Herbert è tutta un’altra cosa paragonato all’australiano, ma non è sicuramente quello il motivo del suo sdegno.

Federer vestito di rosso e con la racchetta di nuovo nera.
Federer vestito di rosso e con la racchetta di nuovo nera.

“Con me non succederà. Non è compito dell’arbitro scendere dalla sedia, l’arbitro deve rimanere al suo posto. Non so e non mi interessa ciò che ha detto- ha proseguito lo svizzero- Una cosa è chiedere:’Come ti senti?’ E lui che risponde: ‘Non mi sento molto bene’. E torni. Ma è stato lì per troppo tempo e le conversazioni possono cambiare la tua mentalità.”

Staremo a vedere l’evolversi della situazione, perché la polemica non si placherà a breve sopratutto nel caso se Kyrgios dovesse eliminare Federer, in ogni caso Atp per non rischiare la figuraccia dovrà prendere un provvedimento.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Rosy Banni - 3 mesi fa

    Comunque io lo avrei caxxiato pubblicamente no sostenuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rosy Banni - 3 mesi fa

    Poteva farsi gli affari suoi…ora tocca a Roger incontrarlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rosario Occhipinti - 3 mesi fa

    Se l’altro non si fosse chiamato Herbert?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Elisa Moro - 3 mesi fa

    Il pubblico va a vedere Roger non Kyrgios e tantomeno in serbo bipolare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Riccardo Barra - 3 mesi fa

    Forza Kirgios,vai e prendi a pallate Roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Claudia Moreno - 3 mesi fa

    Attenzione! Vogliono fare in modo che REROGER si inervosisca. GUAI A LORO!!! 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy