ATP Barcellona: Djokovic eliminato dal 140 del mondo

ATP Barcellona: Djokovic eliminato dal 140 del mondo

Ieri al Real Club de Tenis è sceso in campo anche Nadal, che ha giocato (e vinto) sul campo a lui intitolato.

di Jacopo Crivellari, @JacoCrivellari

Stavolta è proprio il caso di dirlo: che giornata è stata ieri a Barcellona? In campo c’erano tutte (o quasi) le teste di serie del torneo, compreso colui al quale è stata dedicata la pista Centrale del Real Club de Tenis Barcelona. Rafael Nadal ha giocato il proprio match di secondo turno contro Roberto Carballes: e chissà se il numero settantasette del mondo ci ha pensato almeno una volta di star giocando contro Nadal sul campo Nadal.

RAFA SUL NADAL – Fatto sta che lo spagnolo di Granada è entrato in campo con un piglio incredibile, quasi meglio di quanto hanno fatto i suoi colleghi (di disgrazia) la settimana scorsa a Montecarlo contro lo stesso giocatore. Carballes è passato in vantaggio di un break, sorprendendo un Nadal che probabilmente si aspettava solo una giornata di normale amministrazione. E invece il diavolo maiorchino  ha dovuto sudare eccome, riuscendo comunque non senza difficoltà a mandare fuori giri il proprio avversario. Nadal ha rimontato nel primo set e lo ha chiuso in poco meno di un’ora. Nel secondo parziale sembrava essere arrivato il momento del crollo di Carballes, che dopo aver perso il servizio nel primo gioco pareva fosse in grado solo di consegnarsi. E invece, nel sesto gioco, ha breakkato Nadal facendogli fare un solo punto, in barba a chi dice che con quelli come Rafael nei punti decisivi la mano trema. In ogni caso, l’esperienza e il peso del più quotato spagnolo si sono fatti sentire nel turno di battuta successivo, in cui nonostante la strenua resistenza, Carballes ha ceduto la battuta per l’ultima volta nel match. Quest’ultimo sarebbe infatti finito tre game più tardi, con un doppio 6-4 in favore del numero uno del seeding.

DJOKOVIC, IL TUNNEL È ANCORA BUIO – Nel “super wednesday” (ci perdonino a Wimbledon) di Barcellona, è sceso in campo anche Novak Djokovic, uno dei più attesi del torneo. Ebbene, Nole: che è successo da una settimana a questa parte? Il Djokovic visto contro Thiem al Principato di Monaco era un tennista in netta crescita, ancora distante dall’essere l’animale imbattibile di un tempo ma con alcuni colpi d.o.c., da vero Novak, insomma. Ieri, invece, ha perso contro Martin Klizan. E se vi aveva fatto specie la sua debacle contro Taro Daniel, questa è per certi versi ancora più grave. Tralasciando la classifica dei due (Daniel 113, Klizan 140 del ranking), la sconfitta del serbo di ieri è clamorosa perchè arriva proprio quando a The Djoker sarebbe servita fiducia, oltre che tennis. L’ex numero uno del mondo è apparso fallosissimo, poco centrato, in balìa delle accelerazioni e delle palle corte di Klizan, da cui sembrava farsi prendere in giro come un novellino del circuito. Dopo aver perso il primo parziale, Djokovic ha vinto il secondo piuttosto nettamente, facendo pensare alla classica rimonta che ci si aspetterebbe da uno come lui. E invece niente, il serbo residente a Monte Carlo ha ceduto sul più bello nel terzo set, subendo il break nel momento cruciale mandando così Klizan a servire per gli ottavi di finale. L’unico punto per Nole nel nono game è arrivato grazie al doppio fallo dello slovacco, che ha poi chiuso al secondo match point. Djokovic si è limitato ad assistere quasi impotente.

Tra gli altri, da segnalare un Grigor Dimitrov che ha vinto in scioltezza contro Simon, e un Thiem vincente in due set (il primo al termine di un tie-break tiratissimo) su Munar.

Atp Barcellona, secondo turno: 

R. Nadal b. R. Carballes Baena 6-4 6-4

M. Klizan b. N. Djokovic 6-2 1-6 6-3

J. Kovalik b. G. Pella 6-3 6-3

S. Tsitsipas b. D. Schwartzman 6-2 6-1

P. Carreno Busta b. B. Paire 6-3 6-3

D. Thiem b. J. Munar 7-6(8) 6-1

K. Khachanov b. L. Mayer 6-4 6-3

P. Andujar b. B. Fratangelo 6-4 6-3

G. Garcia Lopez b. K. Nishikori 6-3 (rit.)

A. Ramos Vinolas b. R. Dutra Silva 3-6 6-3 6-4 

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vera Angioi - 4 mesi fa

    Peccato .mi dispiace Nole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mino Sciolto - 4 mesi fa

    Con questi risultati negativi, si candida a diventare top ten l’anno prossimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Viviana Colnaghi - 4 mesi fa

    Tutti passano i periodi no….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nonna Raffa - 4 mesi fa

    Quanto mi dispiace!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Amina Costanzo - 4 mesi fa

    Mi dispiace ma non so se tornerà ancora vincitore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Raffaella Di Michele - 4 mesi fa

    i dispiace

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Angela Serusi - 4 mesi fa

    Finito o no, in ogni caso continua a giocare e mettersi alla prova, ci vuole classe anche in questo pur perdendo malamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alessandro Mazzoni - 4 mesi fa

    Non è più questione di fisico logoro (anche se inizia ad avere i suoi anni, dopo aver espresso un grandissimo tennis) ma più che altro gli si è spento il cervello…
    Se vuole ritornare a vincere qualcosa deve resettare e ripartire. Altrimenti, e mi dispiace, non lo rivedremo più il Nole dei vecchi tempi, semmai ritornerà!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alessandro Peritore - 4 mesi fa

    Finito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Viviana Colnaghi - 4 mesi fa

      Lo dicevano anche di altri giocatori e poi sono tornati alla grande

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alessandro Peritore - 4 mesi fa

      Non vuol dire niente. Solo perché Roger e Rafa son ritornati ad altissimi livelli non è matematico che anche Djo ce la faccia. E faccio questo ragionamento anche perchè è 2 anni che non vince nulla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alessandro Bertapelle - 4 mesi fa

    Si ma klizan quando gioca bene vale i primi 30

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy