Atp Lione: Thiem rimonta e vince a un passo dal baratro

Atp Lione: Thiem rimonta e vince a un passo dal baratro

Sotto di un set e di un minibreak nel tie-break del secondo set, Dominic Thiem fa sua la finale e porta a casa il titolo di Lione superando Simon in tre set

di Simone Marasi, @Simone_Marasi

(1)Dominic Thiem d. Gilles Simon 36 76(1) 61

Finale, quella dell’Atp di Lione, che ha consacrato come facilmente pronosticabile alla vigilia Dominic Thiem campione dell’Open Parc Auvergne-Rhône-Alpes. L’andamento del match, però, non è stato certo quello che tutti si aspettavano: sopra di un set e di un break, Gilles Simon non è riuscito a chiudere la partita, dilapidando un ulteriore vantaggio di un minibreak nel tie-break del secondo set, prima di sciogliersi come neve al solo sotto i colpi di un Thiem versione Dottor Jekyll e Mr Hyde. Decimo titolo per il tennista austriaco, l’ottavo ATP 250 della sua carriera e il terzo in Francia, considerando la doppia vittoria a Nizza nel 2015 e nel 2016.

Dominic Thiem

IL MATCH – Primo set che vede partire meglio Gilles Simon, riuscendo per primo a trovare due break point nel quarto gioco. Occasioni che Thiem riesce a salvare, ma il suo tennis non è brillante come al solito e due game più tardi finisce con il cedere il servizio. Praticamente inoffensivo in risposta l’austriaco, neutralizzato dalla buona percentuale di prime del suo avversario (64%) e dalle ottime percentuali di realizzazione (rispettivamente 81% e 78% di punti vinti con la prima e la seconda nel primo parziale). Il secondo set parte ancora male per l’ex numero 4 del mondo, costretto nuovamente a cedere per primo la battuta, stavolta nel gioco inaugurale. L’occasione per rientrare in partita arriva prima nel game successivo, non riuscendovi, e poco più in la, nel sesto game, dove da un iniziale vantaggio di 0-40 non riesce a finalizzare nessuna delle tre palle break a disposizione. Le occasioni perse rimangono nella testa del 24enne di Wiener Neustadt, che rischia il Caporetto nel game successivo, quando per sua fortuna riesce ad annullare due palle break dal sapore di match point. Stavolta, però, a pagarne le spese è Simon che continua a concedere tanto al servizio, fino a cedere il controbreak alla quinta occasione del parziale. L’inerzia sembra invertirsi, ma arrivati al tie-break un diritto lungo di Thiem consegna il minibreak in apertura al suo avversario. Sembra l’inizio della fine, stavolta, ma il francese è capace di peggio: con scelte tattiche discutibili (incluso un doppio fallo) perde i successivi 7 punti consecutivi, consegnando il secondo set a Thiem. Stavolta l’austriaco non se lo fa ripetere e in un batter d’occhio sale 3-0, con due break, nel parziale decisivo. Nel quarto gioco Simon ha tre occasioni consecutive di rientrare nel match ma non c’è nulla da fare e lascia passare quello che sarebbe stato l’ultimo treno per provare a riprendere un match che era nelle sue mani. Dopo 2 ore e 25 minuti di gioco, al secondo match point, Dominic Thiem porta a casa il titolo, chiudendo il match con un sonoro 6-1.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy