ATP Shanghai: Nadal, che fatica! Raonic e Gasquet la spuntano al terzo set

ATP Shanghai: Nadal, che fatica! Raonic e Gasquet la spuntano al terzo set

I match del pomeriggio italiano del torneo di Shanghai non hanno regalato moltissime emozioni e quasi tutti i favoriti alla vigilia sono approdati alla fase successiva senza dover fare gli straordinari.

I match del pomeriggio italiano del torneo di Shanghai non hanno regalato moltissime emozioni e quasi tutti i favoriti alla vigilia sono approdati alla fase successiva senza dover fare gli straordinari.

Stan Wawrinka, impegnato nel match contro l’ostico Troicki, impiega più del dovuto a carburare ma alla fine riesce a prevalere dopo esser stato costretto a inseguire nel primo set. Qui, infatti, nonostante lo svizzero abbia avuto per primo le chanche per passare avanti, il serbo lo brekka e si issa fino al 4-1 prima di venir recuperato. Il parziale si conclude al tie-break senza che nessuno dei due tennisti sia riuscito nuovamente ad impensierire l’altro. Il tie-break è un monologo dell’elvetico, che chiude lasciando al suo avversario solo 3 punti.

Il secondo set comincia dove finisce il primo, con Wawrinka nettamente più aggressivo e finalizzatore del suo avversario. Il break, infatti, non tarda ad arrivare nel primo gioco utile, il secondo, sfruttando la seconda palla break del set. Confermato il break dopo un duro gioco al servizio, arrivano anche altre occasioni per arrotondare il risultato, ma in questo frangente è bravo il serbo a non scomporsi e a restare attento. Di lì a poco proprio il 29enne di Belgrado ha una chanche per pareggiare il conto dei break, ma non riesce ad approfittarne. Perso anche l’ultimo treno per rientrare in partita Wawrinka nei game successivi si guadagna ben 4 match point e chiude l’incontro quando stava per scoccare l’ora e mezza di gioco.

Poco da dire per quanto riguarda il match che ha visto in campo il numero 1 del mondo Novak Djokovic e Martin Klizan. Lo slovacco non ha potuto far altro che opporre una strenua resistenza prima di capitolare sotto i colpi del tennista serbo. Già dai primi scambi si poteva intuire che per il tennista di Lubiana c’era poco da fare, tanto che in pochi minuti si è trovato sotto per 4-0. Una reazione d’orgoglio gli ha permesso di strappare un servizio all’avversario, ma nolente o volente ha poi perso il set.

Quello successivo è iniziato sulla falsa riga del primo con Djokovic deciso a combattere su tutti i punti e a rimanere n campo il meno possibile. Arrivati sul 5-0 per il serbo, un game vinto evita il bagel a Klizan, ormai annichilito psicologicamente dalla netta superiorità del tennista di Belgrado. La vittoria del set rappresenta solo una formalità per costui, che ora dovrà vedersela con Feliciano Lopez nel terzo turno del torneo.

pezzo djokovic

A soffrire un po’ di più è stato Richard Gasquet, autore di una vittoria in tre set contro il canadese Pospisil. Le cose per il canadese non si sono messe subito per il verso giusto, trovandosi a fronteggiare le prime due palle break già nel suo primo game di servizio, uscendone però indenne. Nel quinto gioco la situazione si ripete, ma stavolta il transalpino è più concreto e alla quarta occasione in totale piazza il break. Gasquet non incontra affatto difficoltà al servizio nel set inaugurale e ciò gli consente di chiudere a proprio favore con lo score di 6 giochi a 4.

La storia sembra ripetersi quando Pospisil concede un’altra palla break in apertura di secondo set, ma è fortunato nel fatto che il francese non riesce ad approfittarne. Mancanza che gli costerà cara nel proseguo del set, quando il canadese sfrutta un suo passaggio a vuoto per passare a condurre nel risultato. Il 25enne di Vernon, carnefice del nostro Bolelli nel primo turno, prende fiducia e mantiene tutti i propri game di battuta fino alla conquista del set.

Il parziale decisivo si apre con un break in favore di Richard Gasquet, un po’ inaspettato considerato come erano evolute le cose nel set precedente. Il canadese, però, dimostra di saper reagire e pareggia i conti contro-brekkando il suo avversario nel quarto gioco, alla quarta occasione utile. Nonostante ciò è sempre lui a rischiare qualcosa di troppo al servizio, spesso finendo per concedere altre chanche di break al suo avversario. Il decimo game gli risulta fatale dal momento che Gasquet trova il break decisivo alla vittoria del match.

Richard-Gasquet-torna-in-campo-dopo-lacuteernia-del-disco-acuteSto-bene-ma-sono-molto-ansiosoacute-img26420_668

L’altro canadese in tabellone, Milos Raonic, riesce ad approdare al secondo turno riuscendo a battere Bautista Agut solo nel tie-break del set conclusivo. La partita si era avviata in maniera più che equilibrata con lo spagnolo che è entrato in campo più aggressivo e che ha avuto anche due occasioni per passare avanti nel risultato. Alla fine, però, a perdere per primo il servizio è proprio il tennista iberico. Ciò accade nel decimo game e consegna di fatto il match nelle mani del gigante canadese.

Il secondo set è altrettanto equilibrato e stavolta nonostante una palla break per parte si arriva senza troppe emozioni al tie-break. Ad essere più concreto in questa occasione è il 27enne di Castellon de la Plana che si assicura il gioco decisivo per 7 punti a 3. Il set finale è più movimentato, con lo spagnolo che si porta subito sopra per 2-0 salvo essere recuperato pochi istanti dopo. Nonostante altre chance in suo favore per brekkare il canadese e un match point per quest’ultimo, si arriva nuovamente alla lotteria del tie-break. Qui Raonic riesce alla fine a spuntarla dopo oltre 2 ore e mezza di gioco.

Nadal entra in campo un po’ sottotono e Karlovic ne approfitta immediatamente riuscendo a piazzare il break nel primo game del match. Rafa non riesce immediatamente a trovare le contromisure adatte e solo nel finale di set alza l’asticella, facendo emergere la differenza tecnica. Sotto 3-5, infatti, lo spagnolo mette a segno un filotto di 4 game consecutivi, riuscendo a conquistare il set.

Nel secondo set Karlovic riprende vigore e solidità al servizio. Si viaggia on serve e senza particolari scossoni fino al 4-4. Qui, con Rafa al servizio, il gigante di Zagabria si porta sullo 0-40, con tre occasioni per salire 5-4 e servizio. Il maiorchino è però bravo a mantenere la calma e soprattutto il servizio. Arrivati al tie-break il servizio del croato appare quasi ingiocabile e alla fine quest’ultimo vince il set, rimandando tutto al parziale conclusivo. Il terzo set è il meno spettacolare dei tre e si arriva al tie-break senza che nessuno dei due si spinga avanti più di tanto. Stavolta è Karlovic che fa harakiri, con un doppio fallo commesso sul 4 pari che spiana la strada al sofferto successo del tennista di Manacor.

ivo-karlovic-wimbledon-600x335

L’ultimo match a concludersi è stato quello tra Feliciano Lopez e Dominic Thiem. Lo spagnolo è stato autore di una splendida rimonta che l’ha portato a trionfare dopo che il match aveva preso una brutta piega. L’austriaco parte meglio e trova il break nel terzo gioco, rischiando due volte di raddoppiare il vantaggio. Nel gioco successivo Lopez pareggia i conti e rimanda il discorso al tie-break. Qui il 22enne austriaco è più concreto e sfrutta l’occasione di portarsi avanti nel nono punto, riuscendo poi a vincere il set.

Il secondo set parte con game molto brevi e poco combattuti. Nell’ottavo gioco, però, Lopez rischia a più riprese di perdere un break, che probabilmente gli sarebbe risultato fatale. Poco dopo accade la stessa cosa a Thiem ma lo spagnolo gli “restituisce il favore”, non riuscendo a brekkarlo. Il tie-break anche questa volta è inevitabile ma l’iberico non ripete l’errore del primo set e alla fine se lo aggiudica.

Il parziale decisivo è più movimentato, con palle break che fioccano da una parte e dall’altra senza che nessuno dei due tennisti riesca a sfruttarle a dovere. Delle sei totali del set solo una viene sfruttata da Lopez, che passa avanti nel sesto gioco. Thiem ha poi una possibilità per rientrare ma non la sfrutta a dovere e consegna di fatto il match nelle mani del suo avversario che chiude 6-3 in circa 2 ore e 20 di gioco.

I risultati:

(1)Novak Djokovic (SRB) d. Martin Klizan (SVK) 62 61
(11)Richard Gasquet (FRA) d. Vasek Pospisil (CAN) 64 36 64
(9)Milos Raonic (CAN) d. Roberto Bautista Agut (ESP) 64 67(3) 76(5)
(4)Stanislas Wawrinka (SUI) d. Viktor Troicki (SRB) 76(3) 63
(15)Feliciano Lopez (ESP) d. Dominic Thiem (AUT) 67(4) 76(6) 63
(8)Rafael Nadal (ESP) d. Ivo Karlovic (CRO) 75 67(4) 76(4)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy