Avanti Italia: grandi imprese di Baldi e Sonego

Avanti Italia: grandi imprese di Baldi e Sonego

Sorridono subito i colori azzurri a Roma. L’upset di giornata è addirittura doppio: Lorenzo Sonego avanza al secondo turno degli Internazionali battendo il più quotato Adrian Mannarino, mentre solo un’ora dopo è il turno di Filippo Baldi, che centra una storica qualificazione al tabellone principale battendo nell’ultimo match delle qualificazioni l’esperto spagnolo Guillermo Garcia-Lopez. Scopriamoli insieme.

di Aureliano Fiorini

Due wildcard decisamente wild. Sono le 12 quando inizia il match sul campo Centrale fra Lorenzo Sonego, numero 142 ATP, e il francese Adrian Mannarino, numero 27 e decisamente favorito per il passaggio del turno; in meno di 40 minuti la partita si fa subito in salita per Lorenzo, che non riesce a trovare le contromisure adatte al gioco da fondo di Mannarino, che si porta a casa il primo set con un facile 6-2. Nel secondo set l’inerzia del match sembra girare, quando Sonego si trova avanti 3-2 con break: il francese riesce però a rientrare subito in partita, ed accorcia immediatamente le distanze, fino a portare la partita sul 6-6. A questo punto, anche grazie al pubblico che si fa sempre più numeroso sugli spalti del Centrale, Sonego gioca un tie-break perfetto e chiude magnificamente il parziale per 7 punti a 4 con rovescio vincente, chiusura a rete e ace finali. Il pubblico continua a spingere Lorenzo, chiamando a gran voce l’impresa, che arriva infine nel terzo parziale, grazie al grande tennis espresso da Sonego e al crollo fisico del suo avversario, chiudendolo sul 6-3. Quasi contemporaneamente, in ritardo di circa un’ora, sul campo Pietrangeli va in scena un copione molto simile. Gli attori principali stavolta sono Filippo Baldi, numero 368 ATP, e lo spagnolo Guillermo Garcia-Lopez, numero 69 e vecchia volpe del circuito professionistico, in particolare sul rosso. I due si giocano l’ultimo match di qualificazioni, valevole per l’accesso al tabellone principale, mai raggiunto in carriera da Filippo. La sua impresa sembra quindi ancora più proibitiva rispetto al connazionale, ma solo il giorno prima il 22enne di Vigevano era riuscito, anche e soprattutto grazie alla spinta proveniente dal calorosissimo tifo che sta invadendo i campi degli Internazionali, ad eliminare un altro giocatore assai più quotato, l’ungherese Fucsovics, che solo pochi mesi fa se la giocava al quarto turno degli Australian Open contro Roger Federer. Anche in questo caso, il primo set gira male per Baldi, che perde il servizio in apertura e si ritrova presto sotto 6-4. Filippo non si dà però per vinto, e riesce a ribaltare la situazione nel secondo set, replicando al suo avversario con un 6-4, infiammando il pubblico fino al tie-break finale del terzo set, chiuso al fulmicotone per 7-5.

filippo baldi

Due imprese che arrivano però da lontano. Per il 23enne Lorenzo Sonego la wild card al tabellone principale è arrivata grazie ai buoni risultati degli ultimi mesi, con la vittoria del Challenger di Ortisei sul finire della scorsa stagione e la prima vittoria in uno Slam agli Australian Open di quest’anno, oltre al successo nel torneo delle prequalificazioni; sarà la sua prima volta ad un secondo turno in un Master 1000, dopo aver solo sfiorato l’accesso al tabellone principale di Roma nelle ultime due edizioni.

Per Filippo Baldi invece la strada per il tabellone principale è stata spianata da straordinarie prestazioni durante le qualificazioni; sorprendente la tenacia dimostrata dal ragazzo di Vigevano, scuola Country Club di Palermo sotto la sapiente guida di Francesco Cinà (che ha allenato fra gli altri Roberta Vinci) e di Francesco Aldi, che lo segue costantemente come main coach. Dopo anni di sacrifici e tanto lavoro, Filippo, giovane prodigio italiano insieme a Quinzi, ha saputo resistere ad una breve parentesi di crisi che lo ha portato ad una girandola di allenatori e tanti dubbi, per entrare, speriamo tanto, nel tennis che conta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy