Djokovic: “Murray numero uno? Dipende anche da me”

Djokovic: “Murray numero uno? Dipende anche da me”

#Djokovic: “Mi congratulo con #Murray. Vincere il Roland Garros mi ha tolto molte energie”

È un Djokovic molto tranquillo quello che si è presentato alla conferenza stampa di Parigi Bercy. Tra i tanti temi trattati spiccano quelli sul numero uno del mondo, a rischio più che mai, e l’ultimo periodo opaco, in cui il serbo non è riuscito a raccogliere quanto ci si poteva aspettare.

MURRAY E IL N°1 – “Mi congratulo con lui per tutto quello che è riuscito a fare negli ultimi tre o quattro mesi. La sua seconda metà della stagione è stata piuttosto sorprendente. Ha vinto un sacco di partite e, probabilmente, sta giocando il miglior tennis della sua vita. In questo momento è molto forte. Sicuramente merita di essere in condizione di finire l’anno come numero 1. che questo avvenga o meno dipende non solo da lui. dipende anche da me. Sono stato in questa situazione di classifica anche prima quindi so cosa devo fare , fare cose semplici “.

L’ULTIMO PERIODO – “Penso che questo non è il momento di guardarsi indietro. È sempre importante prendere tempo per ridefinire ciò che si vuole, quali sono i prossimi passi che si desidera fare come professionista. Vincere il Roland Garros di quest’anno mi ha portato un sacco di gioia, ma d’altra parte mi ha portato via un sacco di energie. Mi sono sentito un po’ esausto. E devo dire forse anche meno motivato. Così ho dovuto ritrovare quelle sensazioni positive in campo. Credo che mi ci è voluto un po’ di tempo, più tempo, e semplicemente… sono in un migliore stato mentale rispetto a qualche mese fa, questo è tutto.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy