Us Open, Nadal: “Match solido con pochi errori. Ho controllato bene la partita”

Us Open, Nadal: “Match solido con pochi errori. Ho controllato bene la partita”

Il tennista maiorchino ha parlato al termine del suo match contro Alexander Dolgopolov, vinto in 3 agevoli set. Lo spagnolo è soddisfatto del livello di gioco espresso, in una partita caratterizzata da pochi errori per il numero 1 al mondo. Inoltre resta concentrato all’incontro contro Rublev, senza pensare all’ipotetica sfida contro Federer in semifinale.

Commenta per primo!

Alexander Dolgopolov era sempre stato un avversario ostico per Rafael Nadal, ma stavolta è andata diversamente. La solidità dello spagnolo gli ha permesso di trionfare sul folle Dolgopolov, il quale non è riuscito a mettere in difficoltà il maiorchino. Al termine del match Nadal ha rilasciato la consueta intervista, dove ha trattato vari argomenti oltre alla partita odierna, come il suo prossimo avversario ed anche qualche accenno a Federer.

IL MATCH – Match vinto con il punteggio di 6-2, 6-4, 6-1, un’ottima partita dello spagnolo che grazie ad una solida prestazione si aggiudica un posto nei quarti di finale. A tal proposito il maiorchino ha analizzato il suo incontro odierno: ” Ho giocato un match molto solido, con pochi errori,  precisamente non so quanti ne ho commessi ma credo siano stati pochi. Rispetto agli altri giorni mi sento più tranquillo, lo sono stato dall’inizio fino alla fine del match. La cosa più importante è trovare il tempo giusto sulla palla, pochi colpi mi hanno sorpreso e a differenza degli altri giorni, oggi non sono arrivato in ritardo sulla palla.”

SU RUBLEV – Il suo avversario di quarti di finale sarà Andrey Rublev: il russo è la rivelazione di questo torneo, il quale dopo aver eliminato Grigor Dimitrov al secondo turno, si è spinto fino ai quarti dove incontrerà il suo idolo fin da piccolo: Rafael Nadal. A tal proposito il numero 1 al mondo ha espresso la sua sul 19enne: “Naturalmente è giovane e quando lo sei è tutto nuovo per te, però ha già vinto molte partite nel tour e non è quel tipo di giovane alle prime armi, è nel circuito già da un bel po’ ed è un tennista molto solido. Riguardo l’età del suo avversario ha aggiunto: “I 19 anni sono la migliore età poiché ha molti tempo per goderti gli anni nel circuito e per goderti la vita. Certamente per me meglio averne 19 che 31 di anni.”, inoltre ha detto qualcosa anche riguardo la sua di età: “Vorrei esser sempre giovane, quando avevo 8 anni non ero molto contento il giorno del mio compleanno poiché avrei compiuto 9 anni, lo stesso avviene oggi, a 31anni non sarò contento il giorno che ne compirò 32, non voglio invecchiare.

Andrey-Rublev-US-Open-2017

SU FEDERER – Nella sua conferenza stampa ha aggiunto qualche parola anche sul campione svizzero, il quale potrebbero essere il suo ipotetico avversario in semifinale: “Rublev ha battuto Dimitrov e Goffin in tre set, dunque non è il momento di parlare di Federer, se dovessi vincere allora ne parlerò.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy