Wawrinka sulla questione infortuni: “Bisogna scegliere bene quali tornei giocare, invece di lamentarsi”

Wawrinka sulla questione infortuni: “Bisogna scegliere bene quali tornei giocare, invece di lamentarsi”

Lo Svizzero considera gli infortuni come un fatto normale dopo molti anni nel circuito, ed è contrario al parere espresso da Nadal.

di Gabriele Congedo

C’è un clima di calma apparente che regna in questo momento nel circuito ATP, ma che potrebbe esplodere in qualsiasi momento. Infatti, le novità previste a breve termine, come l’introduzione del time clock in campo ed il numero delle teste di serie nei Grand Slam ridotte a 16, hanno già sollevato un bel polverone tra i giocatori, e formato diverse fazioni con opinioni differenti. In questo clima non certo rilassato, l’eterna discussione riguardo al calendario dei tornei continua a rivestire un ruolo fondamentale nel modo di vivere il tennis da parte dei protagonisti del circuito, e di certo alcune dichiarazioni rilasciate da Rafael Nadal dopo il suo ritiro per infortunio nei quarti a Melbourne contro Cilic, hanno ulteriormente alimentato la questione, creando pareri concordi e contrari fra i suoi colleghi.

Il maiorchino aveva infatti dichiarato, dopo il match con Cilic, che “Le alte sfere dell’ATP dovrebbero pensare un po’ di più alla salute ed al benessere fisico dei tennisti”.

A 32 anni, Stan Wawrinka non si è fatto sopraffare dalla frustrazione per essere stato molti mesi fuori dal circuito, ed analizza gli avvenimenti a sangue freddo, evitando di dare la colpa al calendario dei tornei: “Credo che molti degli infortuni della scorsa stagione siano dovuti al fatto che per molti anni abbiamo giocato al nostro massimo livello, ed è normale che ad un certo punto possiamo avere problemi fisici”, dichiara l’elvetico, che esordirà a quest’oggi nell’ATP 250 di Sofia, con l’obiettivo di ritrovare presto il suo miglior ritmo di gioco.Wawrinka, che pochi giorni fa aveva dichiarato in un’intervista di sentirsi ogni giorno sempre in condizioni migliori, lancia anche una frecciatina ai suoi colleghi che avevano recentemente criticato i vertici del tennis. “La cosa più importante è analizzare ogni caso singolarmente senza generalizzare, e, per i giocatori, adattarsi al calendario e scegliere attentamente quali tornei giocare, senza lamentarsi”, dichiarazioni in linea con quelle rilasciate da Roger Federer e Marin Cilic.

Sembra quindi che Rafa Nadal sia stato lasciato da solo, o quasi (Samantha Stosur ha recentemente dichiarato di essere d’accordo con il maiorchino) nella sua battaglia contro un calendario a suo parere con troppi tornei sulla terra.

Ad ogni modo, è ormai chiaro che fra i tennisti vi sono diverse opinioni e punti di vista su questo argomento, che potrebbe in futuro condizionare le decisioni della dirigenza mondiale del tennis. Wawrinka è stato abbastanza chiaro, ma molti suoi colleghi non si sono ancora pronunciati.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Salvatore Bunone - 3 mesi fa

    Lo fanno tutti per soldi per dirne una federer era sempre presente perciò lo fanno tutti quando si tratta di

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gianni Bracciaferri - 3 mesi fa

    Se uno deve scegiere solo tra tornei su cemento dov’è la scelta?Sempre i legamenti ti distruggi a lungo andare..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Felix Fox - 3 mesi fa

    Giusto bisogna sapersi gestire.rafa grandissimo ma per fare il tanto che ha fatto deve chiedere tanto al suo fisico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tomka Subašić - 3 mesi fa

    Ćestitam na pobedi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio Codeluppi - 3 mesi fa

    Bravo wawrinka parole sante ,non te lo ordina il dottore di fare tutti i tornei,anche quelli meno importanti x far cassa o per prendere punti ,nadal non si deve lamentare ,lui dipende dal suo fisico xche’tecnicamente e’ inferiore e di molto a federer se gli cala il fisico lo ripeto all’infinito perde.e’sempre al limite stressa muscolatura e ginocchia ,giochi meno e faccia open usa ,australian open,wimbledon ,roland garros.cosa cavolo fai.montecarlo ,che non conta nulla e lo hai vinto 10 volte ,cosa fai dubai ,cisono i soldini ?dopo non ti lamentare .federer ha quasi 6anni in piu e continua a vincere i tornei piu importanti, la smetta nadal e si gestisca meglio lo zio tony cosa gli dice ……di fare anche il torneo di pinco pallino?tanto non raggiungera’mai federer .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristina Failla - 3 mesi fa

      I tornei più importanti se per quello li vince anche Nadal .Roger continua per passione. ..Rafa per i soldi o i punti…..infatti adesso Federer va a giocare un torneo in Olanda proprio per i punti.Ma dai…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giorgio Codeluppi - 3 mesi fa

      Cristina failla federer va in olanda a perdere e fare allenamento ,stai tranquilla che non forza piu di tanto.posso farti una domanda ? Ti piace di piu il tennis di nadal o nadal ?cosi risolviamo il problema subito , perche’la percentuale di donne che stravedono x rafa e ‘altissima ma siccome il tennis non e’ una sfilata di bellezza ti ripeto tennisticamente parlando che federer oltre a gestirsi con intelligenza vincera’ancora semplicemente perche’federer e’il tennis ,mentre nadal gran bel giocatore per carita’ tra 2 anni ho paura che abbia un calo verticale.non mi sono sbagliato si novak dijokovic ,vedrai che non mi sbaglio per nadal.troppo dipendente dal suo fisico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giorgio Codeluppi - 3 mesi fa

      Scusa cristina mi sono dimenticato di dirti che federer continua a giocare per vincere , e x deliziare gli appassionati di tennis ,perche’quando smettera’ vedremo pallettari e tamburelli sai che noia ,mancheranno back ,volee,rovesci a una mano e tennis allo stato puro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Cristina Failla - 3 mesi fa

    Nadal si adatta al cemento…Il grandissimo Federer non fa lo stesso con la terra rossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Libra - 3 mesi fa

      Si Nadal si adatta al cemento solo quando vince

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Mangiarotti - 3 mesi fa

    Giusto. Capisco agli inizi . Devi fare esperienza . Poi devi gestirti al meglio delle tue possibilità fisiche.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Ma va non l’avrei mai detto….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabriele Terradura - 3 mesi fa

      Nadal asserisce il contrario, non è quindi così scontato. Quando però vince gli Us Open la superficie misteriosamente è perfetta e non dannosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Libra - 3 mesi fa

        Esatto! È lì che Nadal perde ogni credibilità.

        Pensi che il calendario ATP sia troppo fitto e le superfici troppo dure? Ok, ci può stare. Ma se vinci uno Slam sul cemento e non dici niente e poi 4 mesi dopo esci ai quarti di un altro Slam sul cemento e ti lamenti, ma come fai a essere preso sul serio??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Failla - 3 mesi fa

      Per Nadal il cemento non è mai perfetto e mai l’ ha detto!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy