Simona Halep trionfa a Montréal: superata col brivido Sloane Stephens

Simona Halep trionfa a Montréal: superata col brivido Sloane Stephens

La numero uno del mondo si aggiudica la finale del torneo canadese. Rimpianti per una pur ottima Stephens che sfiora una epica rimonta.

di Simone Marasi, @Simone_Marasi

 

Pronti, via con il primo gioco dell’incontro vinto dalla statunitense al servizio. Risponde Halep pareggiando subito i conti. Nel game successivo Stephens commette diversi errori e arriva il primo break della finale di Montreal. Simona trasforma infatti la seconda palla break a disposizione, passando a condurre nel punteggio. sembra non essere in grado di trovare una soluzione agli ottimi colpi dell’atleta rumena. Al momento di confermare il doppio vantaggio arriva uno dei due controbreak in favore di Stephens, nel game più lungo finora disputato. Per Halep iniziano però ad arrivare diversi errori non forzati, che permettono alla sua avversaria di rientrare anche mentalmente nel match. L’intervento di Cahill al cambio campo successivo non sembra riuscire a farle sgombrare la testa dagli spettri di una rimonta che prontamente si materializza con il secondo controbreak: è 4-4. Al momento di tornare a condurre la statunitense tentenna e concede nuovamente un break alla terza occasione, mandando la sua avversaria a servire per il set. Niente da fare, con Halep che non ne vuole sapere di chiudere e con diversi errori al servizio, tra cui pochissime prime, riequilibra il risultato sul 5 pari. Due game più tardi la rumena rischia il Caporetto per ben due volte, riuscendo però ad annullare entrambi i set point in favore della sua avversaria. Si arriva al tie-break, dove la numero uno del mondo è nervosa e poco efficace tanto da girare sul 5-1 in favore di Stephens. Riesce comunque ad annullare altre due palle set prima di completare la rimonta e aggiudicarsi il tie-break per 8 punti a 6.

Seconda frazione che parte con l’americana che trova il break in apertura, approfittando di un leggero passaggio a vuoto della sua avversaria. Poco male per la rumena che trova l’immediato controbreak a zero. Continua però la serie di servizi persi, con Halep che fatica non poco con questo fondamentale negli ultimi game. È Stephens la prima ad interrompere questa serie di servizi persi, confermando per prima il break e issandosi sul 3-1. Due game più tardi Halep ha la possibilità di rientrare nel set, ma non sfrutta nessuna delle due palle break, perdendo il game ai vantaggi. Un ultimo break, nel nono game, consegna il set all’americana, che sembra aver trovato nuove soluzioni a discapito della rumena. Per quest’ultima gioco troppo passivo in questo parziale, come evidenziano anche le statistiche, che riportano appena un vincente per la tennista di Costanza.

Medical time-out per Simona Halep a inizio terzo set per trattare le vesciche al piede. Al rientro in campo la rumena trova il break in apertura, confermando egregiamente nel gioco successivo. È solo un vantaggio temporaneo, con l’americana che nel quarto game rientra in carreggiata, sfruttando un momento di appannamento fisico della sua avversaria. La chiave del set è riassumibile tutta nel game seguente: con l’inerzia ora spostata dalla parte della statunitense, Stephens si porta in pochi istanti sul 40-0, e dopo un apparentemente innocuo doppio fallo perde anche i successivi 4 punti e conseguentemente il break ai vantaggi. Ora la rumena sembra rinata nonostante fino a qualche minuto fa le parti erano pressoché invertite. Portato a casa il sesto game riesce nuovamente a strappare il servizio alla sua avversaria, che sembra quasi aver tirato i remi in barca. La numero 3 del mondo le tenta tutte, chiamando il coach al cambio campo, che le suggerisce di essere più aggressiva. Consiglio prontamente raccolto, tanto da riuscire immediatamente a fare suo un immediato controbreak e a salire pochi minuti più tardi fino al 4-5, fronteggiando nell’ottavo game un match point in risposta su cui Halep ha commesso un ingenuo doppio fallo. Alla seconda occasione al servizio per il match Halep, però, non sbaglia e dopo due ore e 41 minuti può finalmente alzare le braccia al cielo per la seconda volta in carriera a Montréal, dopo il successo del 2016.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pavel Ana - 2 mesi fa

    Ottima Stephens…..Simona Superottima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Radu Rodica - 2 mesi fa

    La numero uno del mondo, Simona Halep !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabrizio Bassani - 2 mesi fa

    Simona vera n1.donna e tennista top

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuliana Cau - 2 mesi fa

    Molto brave entrambe. Halep, in questo momento, è la più forte. Vincere Parigi le ha tolto pressione e reagisce meglio alle difficoltà. Bella partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniela Vasile - 2 mesi fa

    Grande Simona,!! Complimenti Sloane!! Brave!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy