Wta Budapest: Timea Babos si afferma profeta in patria

Wta Budapest: Timea Babos si afferma profeta in patria

Finale dei sogni quella dell’Hungarian Ladies Open per i tifosi magiari e per Timea Babos. La ventitreenne tennista ungherese vince il torneo di casa battendo in rimonta, e al termine di due ore e diciassette minuti di battaglia, Lucie Safarova. Per la Babos è il secondo titolo in carriera.

1 Commento

TRIONFO PER TIMEA BABOS – Non era cominciata per il verso giusto l’attesa finale dell’International di Budapest per Timea Babos. L’avversaria per il titolo, Lucie Safarova, nel primo set si ritrova sotto 4-2 andando in difficoltà sulle seconde di servizio. La mancina di Brno recupera il break di svantaggio e il set si porta nella medesima condizione in cui giunse ieri il primo segmento della semifinale tra Timea Babos e Julia Goerges, con Lucie Safarova costretta a servire per portare la sfida al tiebreak. Questa volta la Babos non riesce a infliggere il break risolutivo e il set si decide al jeu décisif.

Lucie Safarova, trent'anni.
Lucie Safarova, trent’anni.

La ex numero 5 del ranking Wta sale sul 5-1, la tennista magiara prova il disperato recupero accorciando sul 5-4, ma i successivi due servizi della Safarova sono decisivi e danno la prima partita della finale alla quattro volte campionessa di Fed Cup con la sua nazionale.
Spinta dal pubblico a favore, Timea Babos non si lascia condizionare dal set appena perduto e nella seconda frazione comincia a martellare la sfidante. Anche quattro aces a coronare il secondo set appannaggio della magiara per 6-4.
Il set decisivo è equilibrato e teso come una corda di violino. Il punto di rottura che indirizza la finale avviene al quinto gioco: la Babos riesce a strappare il break ai vantaggi e la ceca cede. La numero 1 del seeding si porta avanti di due break sul 5-2 e con il servizio disponibile per chiudere la sfida. L’ungherese trema, rendendo con un doppio fallo un break alla sfidante, ma nel gioco successivo approfitta di una Safarova ormai giunta allo stremo per mettere la parola fine alla finale e concedersi alla più sfrenata gioia per il trionfo ottenuto in casa.

Per la ventitreenne magiara è il secondo titolo Wta dopo la datata vittoria al Monterrey Open risalente esattamente a cinque anni fa – era il 26 febbraio 2012 quando impose un doppio 6-4 ad Alexandra Cadantu. Per Lucie Safarova è invece il decimo k.o. all’ultimo atto di un torneo, ma non il più doloroso considerato che la ceca ha perso anche in una finale Slam, il 6 giugno 2015 al Roland Garros contro Serena Williams.

Hungarian Ladies Open – Finale
[1] T. Babos b. [2] L. Safarova 6-7(4) 6-4 6-3

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Complimenti Timea!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy