Wta Wuhan, secondo turno: disastro Halep. Vincono Pliskova Ostapenko e Radwanska

Wta Wuhan, secondo turno: disastro Halep. Vincono Pliskova Ostapenko e Radwanska

Pessima partita di Simona Halep, battuta da Daria Kasatkina che le lascia solo tre giochi. Vincono Pliskova, Ostapenko, Radwanska e Garcia. Eliminata Svetlana Kuznetsova.

di Monica Tola

DISASTROSA SIMONA HALEP – Pessimo primo set giocato da Simona Halep, che nei tre precedenti mai aveva ceduto un parziale a Daria Kasatkina. Disastrosa al servizio con quattro break subiti, su altrettanti turni di battuta. Il rovescio è l’incubo della rumena che non può contare sul colpo per stringere gli angoli, quanto per centrare vincenti. Anche la tattica di tirare al centro per togliere alla russa la possibilità di angolare non funziona. E’ la Kasatkina a dettare i tempi sia negli scambi prolungati che in quelli che si risolvono velocemente. Dall’1-0 Halep con break, la rumena sparisce letteralmente dal campo e Daria Kasatkina dilaga infilando cinque giochi consecutivi. A nulla serve il break che porta la Halep sul 2-5, con tre set point annullati. La rumena non si scuote, subisce il quarto break. La Kasatkina ringrazia e porta a casa il parziale. Nel secondo set non si registrano segnali di reazione da parte della Halep. Il match scivola velocemente di mano alla rumena che soffre la velocità della palla della Kasatkina e continua a sbagliare tutto. Due break portano velocemente la russa sul 5-1. La giornataccia della numero 2 al mondo si chiude nel gioco successivo, quando la russa va a servire per il match. La Halep accantona momentaneamente la possibilità di superare Garbine Muguruza e portarsi in prima posizione.

PLISKOVA SOFFRE MA VINCE – Karolina Pliskova amministra senza particolari problemi il primo set, in virtù di un break concretizzato nel quinto gioco. Le cose per la giocatrice della Repubblica Ceca si complicano nel secondo parziale quando Shuai Zhang comincia a macinare vincenti alternati a variazioni di gioco che muovono l’avversaria. La ventottene di Tianjin inverte anche la tendenza in battuta. Nel primo set aveva collezionato tre doppi falli e nessun ace. Ma è soprattutto la percentuale di prime in campo a fare la differenza, con un passaggio dal 45% del primo parziale al 75% del secondo. La Zhang cresce anche in risposta e le parti in campo si invertono. Nel secondo set è la cinese a gestire il break ottenuto nel quarto gioco e tutto è rimandato al terzo e decisivo. Il pubblico ci crede e esplode ad ogni punto della beniamina di casa che regge fino al tre pari senza concedere palle break. L’unica del set l’ha invece annullata Karolina Pliskova. Il sogno rischia di infrangersi sul 4-3 Pliskova. Stavolta è la cinese a concedere una palla break, ma con un ace, un vincente che spolvera la riga e un gratuito della ceca, rimette le cose a posto. 4-4 e si continua a lottare. La Zhang gioca benissimo ma è la Pliskova che fa la differenza quando si tratta di chiudere. Finisce 6-4 dopo due ore.

VITTORIA IN RIMONTA PER JELENA OSTAPENKO – Barbora Strycova era avanti di un set e un break. La rimonta della lettone è stata giocata punto su punto. Decisivo l’andamento del secondo set, nel quale sul 6-5 Ostapenko la ceca ha fallito due palle che l’avrebbero portata al tie break. 7-5 per la fresca campionessa del torneo di Seoul e crollo della Strycova nel terzo set.

LA SCONFITTA DELLA KUZNETSOVA E GLI ALTRI INCONTRI – Altra sorpresa di giornata è l’eliminazione di Svetlana Kuznetsova, battuta nettamente da Alizé Cornet. La transalpina ha impiegato un’ora e 18 minuti per avere la meglio sulla russa. Continua il momento negativo della Kuznetsova, uscita al secondo turno anche agli Us Open. Da tempo la russa fa i conti con un problema al polso sinistro che le crea parecchie difficoltà nell’esecuzione del rovescio. Poco incisiva oggi con il servizio, la Kuznetsova si è fatta brekkare ben 6 volte, su un totale di nove turni. Prova convincente per Agnieszka Radwanska che ha la meglio di Julia Goerges in due set e si qualifica per il terzo turno. Quasi un’ora per aggiudicarsi il primo parziale che fino al dodicesimo gioco ha seguito l’andamento dei turni di servizio. Ma, nel dodicesimo gioco, Julia Goerges commette un doppio fallo che offre un set point ad Agnieszka Radwanska. La polacca non si fa sfuggire l’occasione per chiudere e con una risposta, sulla quale nulla può la Goerges, porta a casa il parziale. Aga non riesce comunque a prendere il largo nel secondo set nel quale, al contrario del primo, il servizio diventa meno determinante: per due volte riesce a brekkare la tedesca (nel secondo e quarto gioco) e in entrambe le occasioni restituisce immediatamente il favore. Dal 3-3 in poi la partita torna a procedere in equilibrio fino al 6-5 Radwanska. Ma sarà ancora una volta il dodicesimo, il game fatale alla Goerges. La tedesca va a servire per rimanere nel match ma perde il servizio e l’incontro. Approda agli ottavi anche Caroline Garcia che ha lasciato due soli giochi all’americana Christina Mchale, provenienti dalle qualificazioni e che al primo turno aveva battuto Roberta Vinci. Per la Garcia una importante conferma dopo la vittoria di ieri su Angelique Kerber. Due set sono sufficienti anche a Ekaterina Makarova per avere la meglio sull’americana Lauren Davis. Prosegue il sorprendente cammino di Varvara Lepchenko che, dopo aver eliminato ieri la finalista degli Us Open Madison Keys, elimina Kiki Bertens. Ad attenderla agli ottavi Alizé Cornet.

Risultati

[9] A. Radwanska b J. Goerges 7-5 7-5

C. Garcia b [Q] C. Mchale 6-1 6-1

A. Cornet b [6] S. Kuznetsova 6-3 6-3

E. Makarova b. L. Davis 6-2 6-4

[3] Pliskova b S. Zhang 6-4 3-6 6-4

[Q] V. Lepchenko b. K. Bertens 6-4 6-4

D. Kasatkina b [2] S. Halep 6-2 6-1

[8] J. Ostapenko b B. Strycova 2-6 7-5 6-3

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alfredo Orrico - 2 anni fa

    Kasatkina fortissima. Riconoscetelo. Oggi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniela Vasile - 2 anni fa

    Brutta giornata x Simona…peccato. ..Niente andiamo avanti….Forza Simona!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy