Caso Giorgi, Binaghi irremovibile

Caso Giorgi, Binaghi irremovibile

Tathiana Garbin, neo capitana di Fed Cup aveva dichiarato di voler tentare di ricucire lo strappo fra Camila e la Federazione, ma il presidente Binaghi non sembra disposto a tornare sui suoi passi: “Il capitolo è chiuso”.

11 commenti

Sembra destinata a restare irrisolta, la querelle fra Camila Giorgi e Angelo Binaghi, iniziata con il rifiuto della convocazione per l’ incontro di Fed Cup fra Spagna e Italia, da parte della marchigiana, e conclusasi con l’ esclusione della stessa Camila dalle convocate per le Olimpiadi di Rio, per volere del presidente della FederTennis.

IL GRANDE GELO-  Tutto incominciò con il già citato rifiuto della Giorgi, che non concesse la sua disponibilità per lo spareggio fra le azzurre e le iberiche, poi conclusosi con la retrocessione delle nostre portacolori; durissima la reazione di Binaghi, che parlò di accordi violati, da parte della bella Camila, alla quale venne anche chiesto di restituire la somma di 160 mila euro, frutto di accordi con la FIT. (“Difficile restare in buoni rapporti con chi una volta trovata si in condizioni critiche ti ha chiesto aiuto, e dopo aver vinto qualche partita, si dimentica di te”).

In una recente dichiarazione, il numero uno del tennis italiano ha rincarato la dose, dichiarando che non c è posto per chi come la Giorgi, ha dimostrato di non avere valori etici e morali, chiudendo con un “siamo due razze diverse”, che non sembra lasciare spiragli.

TATHIANA CI PROVA?- Con ogni probabilità, le dichiarazioni di Binaghi, mettono un grande freno alle intenzioni del capitano di Fed Cup Tathiana Garbin, che aveva manifestato l’ intenzione di incontrare la venticinquenne marchigiana a Melbourne, per tentare di spiegarle alcune cose, e per mettere una pietra sopra alla diatriba con la Federazione. Dopo la semifinale raggiunta da Camila nel primo impegno stagionale, che porta una ventata di ottimismo per il 2017 del tennis azzurro, una presenza della Giorgi nel delicato impegno di febbraio, contro la Slovacchia di Dominika Cibulkova, avrebbe alimentato le nostre speranze di vittoria, che restano così riposte, sulle spalle delle acciaccate Errani e Vinci, e della inossidabile Schiavone.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabio Bravo - 8 mesi fa

    Ora che Camila è seguita da chi di dovere, arriverà dove merita. E binaghino tornerà a mandarle SMS per chiamarla in fedcup

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mario Frasca - 8 mesi fa

    Il sardo non si smentisce!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Florian Andrea - 8 mesi fa

    Mafia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alfonso Morrone - 8 mesi fa

    Gesù perdona, Binaghi no, perché è superiore a Gesù……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio Salvini - 8 mesi fa

    tanto è pippa…
    avevo preconizzato 10 anni di purgatorio e tanto sarà, prima di riveder qualche talentuccio far qualcosa di livello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alex Conte - 8 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paola Anaclerio - 8 mesi fa

      Ah ..e la Giorgi sarebbe una campionessa?? Ma dove!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Fabio Fabbri - 8 mesi fa

    La politica lasci spazio a sport e sportivi ! ORRORE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Luca Dal Fitto - 8 mesi fa

    Ditegli che con la fed cup si prendono soldi e cambierà idea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Paolo Guida - 8 mesi fa

    giokiamo con knapp skiavone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Emanuela Filippi - 8 mesi fa

    Binaghi sbaglia. In fed cup non abbiamo questa vasta scelta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy