Il M5S denuncia Renzi per l’uso dell’aereo di Stato alla finale degli US Open

Il M5S denuncia Renzi per l’uso dell’aereo di Stato alla finale degli US Open

E’ notizia di oggi l’esposto alla Corte dei Conti da parte del deputato del Movimento 5 Stelle, Andrea Colletti, nei confronti del Presidente del Consiglio Matteo Renzi colpevole, a suo modo di vedere, di aver fatto un uso improprio del volo di stato in occasione della scorsa finale degli US Open.

E’ notizia di oggi l’esposto alla Corte dei Conti da parte del deputato del Movimento 5 Stelle, Andrea Colletti, nei confronti del Presidente del Consiglio Matteo Renzi colpevole, a suo modo di vedere, di aver fatto un uso improprio del volo di stato in occasione della scorsa finale degli US Open.

Molte le critiche al premier da parte del panorama politico e anche da una parte della popolazione, non totalmente d’accordo con la scelta del Primo Ministro. A sua “discolpa” quest’ultimo ha più volte dichiarato frasi su questa linea:

“Ho letto molte polemiche per la mia scelta. Fosse stato il calcio, non avrebbe detto niente nessuno. Ma è tennis, tennis femminile, e allora in tanti hanno storto la bocca come fosse sport di serie B. Rispetto tutti. Ma credo che un grande Paese come l’Italia, una comunità nazionale stia insieme anche grazie a emozioni condivise e non solo a statistiche. Quelle ragazze ci hanno emozionato e reso orgogliosi. L’Italia con i suoi rappresentanti, con il suo Comitato Olimpico, era lì con loro. A dire brave, a dire grazie, a dire al mondo che ci guardava che l’Italia è capace di tutto. Chi vuole vivere di rancore, faccia pure. Noi oggi ci teniamo stretti questa inattesa felicità”.

Tra qualche tempo il verdetto della Corte dei Conti farà finalmente luce su questa diatriba, rigettando o avvalorando, dunque, le ragioni del deputato grillino che lo hanno portato a presentare l’esposto. In particolare viene chiesto di accertare la sussistenza dei presupposti per usufruire del volo di Stato in conformità delle vigenti disposizioni normative in materia e, più in particolare, di verificare se la competizione sportiva, seppur storica per tutto il movimento azzurro, si possa considerare una missione o impegno pubblico che legittimi l’utilizzo dell’aereo a disposizione per gli impegni istituzionali”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy