Maria Sharapova è l’ora del ritorno?

Maria Sharapova è l’ora del ritorno?

Maria Sharapova accede agli ottavi di finale del “Mutua Madrid Open” mostrando esponenziali miglioramenti di gioco.

di Giuseppina Marrazzo, @MarraLucy84

Tremate tremate, bloody Mary sta par tornare. È tempo di terra rossa e su questa superficie l’ex numero uno al mondo, Maria Sharapova, si è sempre distinta per l’ottimo tennis mostrato.

Nata tennisticamente parlando sui campi di cemento della Florida (all’ Accademia di Bollettieri), esplosa agli onori della cronaca per la vittoria sull’erba londinese a soli 17 anni ( seconda tennista più giovane nell’era Open a vincere Wimbledon), paradossalmente però è proprio sui campi che meno amava da piccola, ossia quelli su terra, che negli ultimi anni ha mostrato il meglio del suo tennis.

amd-sharapova-jpg

Evidentemente ci voleva proprio la sensazione dell’amata terra rossa sotto i piedi, per spezzare il digiuno di vittorie più lungo della carriera di Maria Sharapova, pensate che la russa, prima di arrivare a Madrid veniva da ben 4 mesi di tennis senza vittorie.

Dopo aver sconfitto Mihaela Buzarnescu ed Irina Camelia Begu, Maria dunque è riuscita ad accedere agli Ottavi di finale del “Mutua Madrid Open”. In virtù della vittoria contro la Begu e consapevole dell’ottimo tennis mostrato la russa in conferenza stampa è apparsa decisamente raggiante. “Ho dovuto faticare molto nel primo set oggi e nonostante non giocassi al mio miglior livello, sono riuscito a vincere. Non è stato facile, dal momento che ho perso il servizio all’inizio di ogni set. Nelle ultime sei partite, tuttavia, sono riuscita a giocare molto meglio. La chiave è stata l’essere più aggressiva, il che mi ha aiutato a giocare meglio. Senza dubbio questa settimana ho una buona occasione” ha affermato la tennista russa.

Al prossimo turno per Maria l’ asticella della difficoltà si alzerà ulteriormente, dovrà infatti vedersela con la francese Kiki Mladenovic. Della prossima avversaria, l’ex numero uno ha detto: “La mia partita contro la Mladenovic sarà molto complicata. Ha molte risorse, un ottimo rovescio e sa anche difendersi bene con colpi tagliati. Credo che sia una giocatrice molto versatile. Dovrò mostrare il mio miglior livello se voglio vincere”. 

I suoi tifosi continuano ad aspettarla, che sia dunque questa la volta buona per il definitivo ritorno ai vertici della campionessa russa?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy