Tommy Haas: “Sascha ha perso fiducia in se stesso, litiga troppo”

Tommy Haas: “Sascha ha perso fiducia in se stesso, litiga troppo”

L’ex tennista di Amburgo, in un’intervista rilasciata alla rivista tedesca “Sport Bild”, ha parlato della crisi che sta attraversando Alexander Zverev.

di Federico Gasparella

Tommy Haas ha rilasciato una serie di interessanti affermazioni riguardanti la crisi che sta vivendo l’astro nascente del tennis tedesco, Alexander Zverev, in occasione di un’intervista rilasciata di recente a Sport Bild. Secondo l’ex tennista di Amburgo le attuali difficoltà del giocatore dipendono esclusivamente da una sua condizione psicologica poco favorevole. A tal riguardo ha dichiarato: “La fiducia in se stesso l’ha persa, litiga troppo spesso e in questo modo peggiora la situazione, tirandosi ancora più giù a livello di morale“. La separazione dalla fidanzata Olga e quella con l’ex manager Patricio Apey, inoltre, sembrerebbe abbiano influito profondamente sul pessimo rendimento in campo di Sascha, anche perché sono stati eventi concomitanti e avvenuti di recente. Haas si è poi soffermato sull’aspetto tecnico, affermando che dovrebbe in questo periodo praticare un tennis meno imbrigliato dal punto di vista tattico: “Gioca quasi sempre allo stesso modo, ma può essere ancora più aggressivo, per esempio andare a rete più spesso ed in maniera rapida. Dovrebbe cercare di conseguire il punto con maggiore rapidità “. Relativamente agli imminenti Open di Francia, infine, si è detto convinto che qualora riesca a sbloccarsi e a ritrovare un po’ serenità interiore, potrà riemergere: “Se riuscisse a vincere almeno tre partite di seguito la sua fiducia ritornerebbe e allora batterlo risulterà difficile per tutti“. Si ricorda che comunque il 22enne tedesco l’anno scorso ha vinto solo sei partite su dodici disputate sulla terra rossa, rivelando qualche difficoltà di troppo su questa superficie, a prescindere dalla crisi attuale. Non a caso prima di volare a Parigi giocherà l’Atp 250 di Ginevra, dove esordirà domani, direttamente ai quarti di finale, al fine di collaudare al meglio le sue potenzialità sul terreno da gioco lento.  

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy