Kyrgios: un passo oltre la vergogna

Kyrgios: un passo oltre la vergogna

Il comportamento tenuto dalla star Australiana nel match perso a Shanghai contro Mischa Zverev ha superato le precedenti performances in termini di oltraggio a pubblico, avversario, senso della sportività. Un pessimo manifesto per questo sport.

Diceva il grande Totò, ironizzando attraverso l’arma del surreale, che “ogni limite ha una pazienza”. Dal punto di vista logico nessuno si sognerebbe di dargli torto. Il genio napoletano non poteva però immaginare che il limite del surrealismo, non tanto quello della sopportazione dei tifosi nonché dell’etica sportiva, è stato ampiamente superato. Il match tra il tedesco Mischa Zverev, fratello più anziano e sfortunato della “next big thing” del tennis mondiale Alexander, e il numero 12 del seeding asiatico, ovvero l’aussie Nick Kyrgios, ha segnato il confine tra l’accettabile e l’inaccettabile su un campo da tennis. Il comportamento tenuto da Kyrgios, evidenemente non in vena di giocare a tennis, è noto a tutti. Per riassumerlo, basterebbe il video:

Purtroppo però le prestazioni, per così dire, offerte in campo, ovvero tutto il campionario di strafottenza e provocazione, un misto tra maleducazione e irritante stupidità, ha trovato un clamoroso “sequel” nella conferenza stampa post-match. Nel momento in cui un’assenza sarebbe stata quanto meno consigliabile, Kyrgios ha pensato bene di chiarire il suo punto di vista circa il suo comportamento. In sintesi: faccio quello che mi pare, chi è venuto a vedermi giocare non l’ho chiamato io (su questo in campo aveva dato già un assaggio della propria sagacia), non accetto consigli da questa gente dato che non hanno il talento per stare al mio livello e non mi pare di vederli nel circuito (pressappoco).

Un campionario degno davvero del Kyrgios-pensiero (anche qui, è doveroso aggiungere un “per così dire”). Non devo alcun rispetto, anzi, se non mi apprezzano possono anche andare. E poco male se hanno pagato un biglietto, nemmeno troppo economico per essere là, così come qualche milionata di persone che è abbonata a pay-tv in giro per il mondo, magari con l’obiettivo, tra gli altri di godersi lo spettacolo dei Master1000, o, guarda caso, se tra quelle persone nello stadio o a casa ci sono giocatori che (chissà come) sono suoi supporters e foraggiano con racchette e abbigliamento il suo munifico sponsor (che magari potrebbe pure fare qualche telefonata in Australia, giusto per fare un’operazione arcobaleno).

Kyrgios "serve" e si disinteressa del gioco

Difficile dire cosa sia stato più oltraggioso. Se qualcuno, e chi vi scrive in passato ha anche difeso la spacconata fatta nei confronti di Stan Wawrinka, pensa di poter trovare un minimo di giustificazione al comportamento dell’australiano, dovrebbe rapidamente rileggere la “Critica della Ragion Pratica” del buon Immanuel Kant. Gli altri come mezzo, e mai come fine. Ma Kyrgios non l’ha letto Kant (tra gli altri), e da buon ragazzo viziato pensa che il mondo gli giri attorno. Speriamo che l’ATP o qualsiasi agenzia per suo conto, decida di prendere provvedimenti contro questo giocatore. Potrà essere fortissimo, il prossimo numero uno, o qualsiasi altra cosa. Poco importa. Di certo, e senza spendere troppo tempo per dimostrare quello che è già evidente di per sé, questo stile cafonal (che ormai impera a tutte le latitudini) va fermato, perché è il peggior manifesto per il nostro sport.

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daniela Casaglia - 2 mesi fa

    Forse, meno se ne parla, e meglio e’ ! Non ha bisogno di pubblicita’! E’ soltanto un gran SONATO .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Gasperotto - 2 mesi fa

    Gioca a tennis con grande attitudine ed e piacevole vederlo giocare,…gia’ …giocare…peccato che sia la cosa che fa meno quando sta dentro un campo da tennis!!! e’ giovane ma ha avuto gia’ modo di mostrare la sua maleducazione tante volte…uno sbruffone vittima di se stesso e della sua poca intelligenza!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gianni Tognaccini - 2 mesi fa

    SBRUFFONE!! È un vero pagliaccio peccato perché i colpi lì avrebbe purtroppo la testa conta molto di più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Enrico Ferrarese - 2 mesi fa

    L’INUTILITA’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tennis Circus - 2 mesi fa

    Rimani aggiornato con le ultime news del tennis!
    Unisciti al canale Telegram di Tennis Circus, che conta già oltre cento iscritti, per non perdere più nulla dello sport con la racchetta! È gratis!
    Clicca qui per entrare >> telegram.me/tenniscircus

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Francesca Angerame - 2 mesi fa

    Un maleducato sbruffone!!! Peccato xké le qualitâ x giocare a tennis ce l’ha! Non ha però cervello!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Francesca Mazzitelli - 2 mesi fa

      Come chi ha i denti e non ha il pane e viceversa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lui Achy - 2 mesi fa

    ..mezzo ingobbito anche…
    Una star….,ma va laaaaa!!!
    Cosa ha vinto?????ma dai!!!!
    Buffone!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marisa Stronati - 2 mesi fa

    Infatti Francesca Mazzitelli sono pienamente d’accordo ! Federer allora come dovrebbe essere chiamato? Ma fate il piacere giornalisti del cavolo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Nico Nikko - 2 mesi fa

    Un “pennellone” sopravvalutato !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Marisa Stronati - 2 mesi fa

    Ma cosa aspetta l’ATP per squalificarlo a vita ! Il tennis deve assolutamente ripudiare individui così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Giselda Meneghetti - 2 mesi fa

    Un vero cretino !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Francesca Mazzitelli - 2 mesi fa

    Già chiamarlo “star” mi sembra un oltragio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Libra - 2 mesi fa

    Completamente d’accordo. Il tennis non ha bisogno di personaggi come Kyrgios, che nel calcio sono la norma, ma nel tennis non possono esistere.

    Inoltre, quello che ci hanno insegnato i Fab Four è che non importa quanto talento hai, perché se non è accompagnato da dedizione e duro lavoro non ti porterà da nessuna parte.

    Quindi non c’è possibilità di vedere Kyrgios numero uno del mondo o vincitore di slam: mi sembrerebbe molto più probabile sentire che lascerà il tennis a breve perché annoiato (se non lo buttano fuori prima). E quel giorno sarà un giorno di festa per tutti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Stefano Colombo - 2 mesi fa

    Un pagliaccio non sarà mai nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy