Roland Garros: Djokovic domina il match con Zverev e torna in semifinale a Parigi dopo tre anni

Roland Garros: Djokovic domina il match con Zverev e torna in semifinale a Parigi dopo tre anni

Zverev parte bene, poi si sgretola. Djokovic ne approfitta e senza patemi s’impone in tre set, staccando il pass per la semifinale che mancava dal 2016. Il serbo troverà Dominic Thiem.

di Antonio Sepe

Dal 2011 al 2016 era sempre approdato almeno in semifinale; poi Thiem e Cecchinato lo hanno fermato ai quarti nei due anni seguenti. Con la vittoria odierna ai danni di Zverev, Novak Djokovic torna ad essere presente nel penultimo atto del Roland Garros e domani si giocherà l’accesso alla finale proprio contro Dominic Thiem. Non ha faticato particolarmente il serbo quest’oggi per superare Zverev in tre set, ma è dovuto stare attento per non rischiare di complicarsi la vita, riuscendo effettivamente a qualificarsi per la semifinale, lasciando appena nove giochi al suo avversario.

Primo set ostico per il numero uno del mondo, bravissimo ad annullare tre palle break in modo da evitare l’allungo di Zverev, ma costretto a rispondere per restare nel set sul 4-5, appena dopo aver subito il primo break dell’incontro. I vincenti per il tedesco sono però diminuiti e Djokovic è dunque salito in cattedra, conquistando tre giochi consecutivi, strappando tra l’altro la battuta al suo avversario in due occasioni, e facendo sua la prima frazione in un’ora di gioco circa. Punteggio finale: 7-5.

Demoralizzato per l’esito del primo set, dove non aveva oggettivamente giocato per nulla male, Zverev ha faticato a restare attaccato al secondo parziale tanto che, dopo aver subito un break in apertura, ha persino dovuto fronteggiare una palla del doppio break in favore del serbo. Malgrado Sascha sia riuscito a muovere il punteggio e, quantomeno, a dare del filo da torcere al suo avversario, un pessimo ottavo gioco ha consegnato il break ed il secondo set a Djokovic. Non passano ovviamente inosservati i tre doppi falli consecutivi con cui Zverev ha chiuso il set, toccando peraltro quota sei solo in questo parziale. Punteggio finale: 6-2.

Novak Djokovic
Novak Djokovic

Nella terza frazione, Zverev è tornato alla carica per cercare di dar vita ad un’insperata rimonta ed ha tentato sin da subito di mettere in difficoltà il suo avversario, il quale ha però resistito agli attacchi ed ha fatto suo il game d’apertura, dopo aver annullato due palle break. Nonostante parecchi errori non forzati, da parte di entrambi, la situazione è rimasta in equilibrio fino al 3-2, quando Djokovic ha messo il turbo ed è scappato via. Dopo aver breakkato il suo avversario nel sesto gioco, Nole ha infatti cancellato altre due opportunità di break nel game seguente ed ha chiuso in volata, strappando un’altra volta il servizio a Zverev ed imponendosi 6-2. Dopo due ore e dodici minuti, il numero uno del mondo vola in semifinale e domani se la vedrà con Thiem.

35ª semifinale in uno slam, ma soprattutto 26ª vittoria consecutiva in un major. Djokovic non perde infatti da oltre un anno – Cecchinato, Roland Garros 2018 – e non sembra avere intenzione di farlo neppure questa settimana. Il serbo è infatti l’unico dei quattro giocatori in semifinale ad aver raggiunto il penultimo atto del torneo senza ancora aver perso set. Con Thiem è avanti 6-2 nei precedenti – l’ultimo risale a poche settimane fa, semifinale di Madrid, anche se l’austriaco ha già battuto Novak proprio al Roland Garros – ed il pronostico domani sarà tutto dalla sua parte. Chissà che in un’ipotetica finale, magari con Nadal…

[1] N. Djokovic b. [5] A. Zverev 75 62 62

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Massimo Morandini - 1 settimana fa

    Vincera lui anche se io tifo per federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carla Gileno - 1 settimana fa

    Mi chiedo perché Zverev va a rete se non ci sa stare?Bah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Deborah Costanzi - 1 settimana fa

    Samo napred Kralju!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco Perri - 1 settimana fa

    Bravo Nole a non mollare di testa, ma deve servire meglio contro Thiem

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vera Angioi - 1 settimana fa

      Marco Perri speriamobene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Perri - 1 settimana fa

      Vera Angioi con Nole la speranza è sempre l’ultima cosa a morire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bete Cattai - 1 settimana fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. William Viezzer - 1 settimana fa

    Non mi piace ma e una macchina da tennis impressionante!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy