Diario degli Us Open: giorno 12

Diario degli Us Open: giorno 12

Nadal ed il falso mito di un giocatore forte solo sulla terra. L’eterno campione schiaccia Del Potro e raggiunge la terza finale Slam in stagione.
Anderson ed un sogno che continua.
Tutto il meglio, ed il peggio, della dodicesima giornata all’Open degli Stati Uniti.

3 commenti

-Prima ancora che il match inizi, noto in Nadal un chiaro segno di tensione. Durante il palleggio di riscaldamento si gira spesso di dritto, evitando di offrire il rovescio all’argentino, e tenta il vincente.
Strano, mi dico.
Pronti via ed è subito un gran match, scambi lunghi ed intensi. Delpo, oltre ai soliti proiettili che ormai non sono nemmeno più in grado di far cronaca, manovra con il rovescio, abbandonando quasi totalmente l’utilizzo del back come già gli avevo visto fare nel quarto che, due giorni fa, lo vide opposto a Federer. La sfida, oltre che per qualità degli attori, è splendida anche a livello uditivo. Il suono del dritto di Nadal e Del Potro, all’impatto, è totalmente diverso. Quello dell’argentino, per intenderci, è il rumore tipico che un barattolo emette la prima volta che viene aperto. Uno schiocco sordo e preciso, che non lascia spazio a repliche.
Nel caso dello spagnolo, invece, assistiamo ad uno schiaffo, meno potente ma più subdolo.
Delpo vince il primo set dominando pressapoco tutti gli scambi. Dall’ultimo punto del primo parziale, però, la partita cambia rotta. Nadal fa cose che nessuno è in grado emulare, pensando magari, dopo ogni palla corta accarezzata con dolcezza o passante liberato con disumana forza, a quanto assurde siano le teorie che lo descrivono soltanto come fisicato randellatore. Ogni tanto la Torre tenta di risalire, prova, con l’aiuto del pubblico costretto al boato di stupore dopo ogni suo dritto, a riagganciare un match già perso. Non può, perché Nadal è troppo forte e tatticamente intelligente.
Che precisione, che determinazione nel rincorrere ogni palla.
Di nuovo in finale agli Us Open, dopo quattro anni da quel 2013 che, insieme al 2010, rappresenta per lo spagnolo la miglior stagione in carriera.
Il commentatore, nel tentativo di esprimere un commento durante il quarto ed ultimo set, è capace soltanto di dire “just phenomenal”.
Già, just phenomenal, raggiungendo la terza finale Slam dell’anno che giustifica, se mai ce ne fosse bisogno, il perché Nadal sia tornato numero 1 del mondo. Quello di stasera, dopo aver patito e subito con fermezza l’inizio esaltante di Delpo, è il Nadal migliore della stagione.
E non è ancora finita.

-Il vostro effervescente cronista è costretto, a causa di una fase particolarmente acuta della propria “malattia tennistica”, nonché per una voglia difficilmente ignorabile di narrarvi le splendide gesta degli eroi americani con la massima precisione possibile, ad una lunga notte in bianco.
Prego, non c’è di che.
Il primo singolo di giornata, dopo aver assistito alla finale del doppio maschile vinta da Robert e Tecau sui due Lopez, non è la miglior medicina per destarmi dal torpore che la tarda ora porta con sè come naturale conseguenza. Esperti mi suggeriscono di guardare Anderson, ‘fidati, gioca bene’. Mi fido e decido di autoimpormi il tremendo supplizio, salvo poi scoprire che, effettivamente, il sudafricano ha dalla sua parecchie qualità.
Un servizio tremendamente efficace. La seconda, ancor più della prima, è impressionante per traiettoria del rimbalzo. Dritto meglio del rovescio, ma entrambi, per traiettorie e penetrazione, sono in questo torneo fondamentali dall’altissimo tasso di rendita.
Ricordo un giocatore esprimere in questo torneo un tale livello di gioco, soffocando gli avversari con inaudita violenza. Si tratta di Marin Cilic, e tutti quanti sappiamo cosa accadde nel 2014. Kevin, domenica, partirà ovviamente sfavorito con Nadal, ma giocando a mente libera riuscirà senza dubbio a togliersi le proprie soddisfazioni.
Sta di fatto che, fattore ben più importante, volge finalmente al termine la landa della desolazione, incoronando Anderson come proprio raggiante campione. Premio alla carriera e targhetta d’ottone da appendere al muro.
Thank you Sir.

A domani, forse.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Diego Indennimeo - 2 settimane fa

    nadal resta un giocatore molto forte anche sul cemento, 3 slam conquistati su questa superficie lo testimoniano. Non è certo questo us open, nel quale ha battuto si e no un top 25, (tra l’altro cotto dopo il primo set) ad avercelo detto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo Poeta - 2 settimane fa

    Concordo con il commento precedente, un professionista serio, cura in modo puntuale l.aspetto della preparazione dentro e fuori dal campo,sia con rublev che con delpo abbiamo visto una superiorità di preparazione indiscutibile capace di rendere meno offensive le leve di.gioco degli altri. Mi sembra che meriti alla grande il titolo di grande e numero 1 del ranking

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Francesco Fiori - 2 settimane fa

    Da tifoso di federer ma amante del tennis e dello sport in generale, non si può non elogiare un campione come rafa, uno capace di unire forza, spirito di sacrificio e indubbio talento, e vincere per anni praticamente in ogni superficie..uno in grado di andare oltre le difficoltà e gli infortuni con un carattere da vero campione..al di là delle caratteristiche che chiaramente lo agevolano sul rosso, e dalle preferenze di noi appassionati, Nadal è un grande uomo di sport, esempio da seguire e da elogiare..il resto probabilmente sono chiacchiere da bar e da rosiconi..!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy