I vuoti di Djokovic tra punti da difendere e tanti dubbi

I vuoti di Djokovic tra punti da difendere e tanti dubbi

Altro tonfo per Novak Djokovic, che dopo la vittoria con Del Potro fa a tornare sulle spine i suoi tifosi. E ora ci sono i Master americani 2000 punti da difendere e tanti dubbi.

7 commenti

Dov’è finito Novak Djokovic? Lo spietato cannibale che fino a poco tempo fa sbranava avversari e non lasciava briciole neppure nelle esibizioni. Ebbene sì perché da quasi un anno ormai il ragazzo cresciuto sotto le bombe di Belgrado non predica più tennis come d’abitudine.

EX DOMINATORE – Il lento declino del cyborg serbo è iniziato dopo un 2015 da urlo, che l’ha visto vincere l’impossibile, in una stagione paragonabile al 1984 di Mcenroe o al 2005 di Federer. Nel 2016 la marcia non sembra fermarsi, a giugno conquista il Roland Garros, titolo che gli permette di sedersi finalmente al tavolo degli immortali. E dopo questa vittoria scatta qualcosa, forse è appagato dopo una vita di sacrifici, il fatto che nei successivi sei mesi è accaduto l’impensabile con la perdita della prima posizione mondiale.

Australian Open 2017, la stretta di mano tra Djokovic e Istomin
Australian Open 2017, la stretta di mano tra Djokovic e Istomin

DA ISTO-MAN A  NK – In questo 2017 le pretese erano quelle di tornare ai livelli pre crisi e il primo torneo sembrava confermare questa speranza, con Nole che sconfigge il N.1 Murray in quel di Doha. Agli Australiani Open, torneo dove parte sempre con un marcia in più, esce clamorosamente al terzo turno al coro kazako “One man IstoMan”. Torna in campo a marzo e dopo due prove conviventi tra cui la rivincita con Del Potro, si schianta sull’esuberanza di Nick Kyrgios. Tanti i meriti dell’australiano al servizio praticamente perfetto, ma Djokovic è parso a lunghi tratti svogliato e colpevole di errori non da lui, ritratto del match è l’ultimo game dove al servizio regala con tre gratuiti il match all’australiano.

E ADESSO? – Il 2017 di Novak Djokovic dovrà carburare al più presto perché da qui a Wimbledon i punti da difendere sono tantissimi, complice una prima parte di 2016 dove gli avversari non erano del suo stesso calibro. Settimana prossima lo aspetta il cemento americano con Indian Wells e Miami dove è imbattuto dal 2015. Qui non può sbagliare, i punti da difendere sono 2000 e se la campagna americana finirà male rischia di trovarsi a solo 2000 punti dal terzo posto di Wawrinka. Serve un repentino cambio di marcia, perché rispetto all’anno passato la situazione è molto diversa. I giovani capitanati da un Kyrgios sempre più grande spingono per trovare posto, Murray grazie al numero uno ha sempre più fiducia nei suoi mezzi e ci sono gli immortali Federer e Nadal che non vogliono stancharsi di dire la loro.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Francesco Genna - 6 mesi fa

    Fa a tornare…??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio Fabbri - 6 mesi fa

    Ragazzi la gnocca è una brutta bestia eh !? Questo è il punto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Loscalzo - 6 mesi fa

    Ci sta….è un calo naturale…quest’anno tocca a lui.compie 30 anni.sono 5 anni che vince senza sosta.ora tocca a Nadal risalire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carmine Cantile - 6 mesi fa

      A Federer, più che altro :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giselda Meneghetti - 6 mesi fa

    Il mondo gira sempre e mai si ferma !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gabriele Puntoni - 6 mesi fa

    Ragazzi è un calo fisiologico dopo tanto dominio,niente allarmismi tornerà ai suoi livelli ma non credo proprio che dominerà come ha fatto nelle ultime stagioni,deve fare come federer e Nadal attenzione alla programmazione,puntando sugli slam e qualche 1000 sopratutto Cincinnati per realizzare un risultato leggendario il golden master

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele Panatta - 6 mesi fa

    Nn riesce più a mantenere il ritmo…speriamo bene!!!vedremo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy