Caso Cornet: la francese chiude il discorso criticando la FFT

Caso Cornet: la francese chiude il discorso criticando la FFT

Si spengono le polemiche riguardanti l’episodio che ha coinvolto Alize Cornet nella gara di martedì contro la Larsson

di Marco Calore

Chiuso definitivamente il caso Alize Cornet, la tennista di Nizza che durante la sfida valevole per il primo turno degli Us Open (perso in tre set contro la svedese Larsson) era stata sanzionata con un warning dal giudice di sedia, rea di essersi cambiata la maglietta in campo nel corso di una pausa di gioco dovuta al forte caldo americano. “Non avrei mai pensato che l’episodio diventasse così popolare in meno di 24 ore. In campo sembrava un errore dell’arbitro e niente di più. Penso che il giudice di sedia sia stato probabilmente sopraffatto dalla situazione e forse non ha preso la decisione giusta. Certo, sono rimasto sorpresa quando appena cambiata la maglietta ho ricevuto il warning, non me l’aspettavo e gli ho detto che era piuttosto strano. Ma lui è rimasto sulla sua posizione mentre io ho continuato a giocare cercando di vincere la partita”. Queste le recenti dichiarazioni della ventottenne francese in merito a quanto accaduto lo scorso martedì a Flushing Meadows. Sulla questione è intervenuta poi la Wta, la quale ha immediatamente preso le difese dell’ex numero 11 del ranking, affermando che nella stessa World Tennis Association non siano previste regole precise e definite inerenti al cambio di abbigliamento in campo e ritenendo quindi ingiusta la sanzione inflitta alla tennista. Subito dopo l’accaduto, anche la Usta (United States Tennis Association) si era schierata dalla parte della giocatrice, scusandosi per la decisione presa dall’arbitro nel corso del match.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Franca Corradini - 2 mesi fa

    A me questa cornet sta molto sulle scatole, ma chi si crede di essere, prima non si fa trovare per tre volte ai controlli doping, poi si cambia la maglia in campo dicendo che lo fanno anche i maschi, questo è vero, allora il coach in campo lo togliamo anche a loro. Mi sembra una gran presuntuosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy