US Open, semifinale: Nadal schiaccia Del Potro e centra la finale

US Open, semifinale: Nadal schiaccia Del Potro e centra la finale

Dopo aver vinto un intensissimo e bellissimo primo set, Del Potro è crollato e ha lasciato a un Nadal pressochè perfetto la strada spianata per la finale e, probabilmente, per il titolo.

È stata la più classica delle “finali anticipate” quella che si è giocata sotto al nuvoloso cielo nero di Corona Park, per prestigio seconda solo al quarto che ha permesso a Juan Martin del Potro di vincere per la sesta volta in carriera contro il divino Roger Federer e di venirsi a giocare la partita appena conclusa contro Rafael Nadal. Prima di passare alla cronaca del match, è bene riportare delle statistiche importanti: DelPo è il quarto tennista con la percentuale più alta di match vinti contro Rafa sul cemento (55.6%). La torre di Tandil ha vinto gli ultimi due scontri sul duro, ma negli head-to-head è in svantaggio cinque a otto. L’unica volta che i due si incontrarono agli US Open, fu in semifinale, nel 2009, nella partita che precedette la finale a cui ebbe accesso Del Potro (e che tutti sappiamo come finì).

PRIMO SET – Giocato su ritmi intensissimi, il primo parziale si è deciso grazie ad un nastro. Infatti, dopo che Rafa aveva salvato la prima palla break del match sull’1-1, nel quinto gioco un DelPo cinico, attento e fortunato, ha trovato il break, in parte propiziato dalla rete che ha fatto cadere la pallina nella metà campo dello spagnolo. L’argentino ha poi vacillato solo nel turno di battuta successivo, in cui è stato costretto ai vantaggi prima di portare il set sul 4-2; sembrava potesse cambiare qualcosa l’incredibile punto che ha portato Rafa 30-15 sul 5-3, in cui si è quasi giocato all’antico pittino per quattro colpi, al termine dei quali il maiorchino ha appunto avuto la meglio. Del Potro non si è comunque lasciato coinvolgere dalla situazione e dal pubblico, e nel turno successivo ha chiuso il set concedendo un solo 15 a Nadal. Tra l’altro, nel turno di battuta conclusivo del set una farfalla ha disturbato il diavolo spagnolo sul 30-15: manco a dirlo, l’animale notturno è stato spietatamente schiacciato da un ball-boy. Primo set dunque in archivio per la torre di Tandil, che ha chiuso in cinquanta minuti col punteggio di 6-3.

SECONDO SET – Dopo un primo set giocato quasi forsennatamente, nel secondo è accaduto l’imponderabile. Nel secondo game Nadal ha immediatamente trovato il break (il primo per lui contro DelPo a New York), aiutato anche da due errori non forzati di dritto dell’argentino e accompagnato dal suo inconfondibile vamos. Da quel momento in poi, il tennista di Tandil è diventato l’ombra di sé stesso, concedendo altri quattro games di fila allo spagnolo, che ha quindi messo le proprie iniziali sulla seconda frazione, conclusasi 6-0 in 30 minuti. Va comunque detto che dall’altra parte della rete, Rafa è riuscito a mettere a punto il suo micidiale dritto a sventaglio e ad aggredire Juan Martin su ogni punto. Di contro, l’argentino non ha più trovato il rovescio né la prima di servizio: basti pensare che ha conquistato la miseria di otto punti in tutto il set.

TERZO SET – È quasi sembrato che Del Potro sia stato vittima di un grande scoramento mentale, derivante dalla presa di coscienza che Rafa, pur non avendo premuto in pieno sull’acceleratore, sia riuscito nel primo parziale a restare a ridosso dell’argentino, che invece andava a tavoletta. Dal primo game del secondo set a tavoletta è invece iniziato ad andarci Nadal, che anche nel terzo parziale è sembrato non volerne sapere di alzare il piede. Pronti via e nel primo turno di battuta di Del Potro, quest’ultimo è riuscito a realizzare un solo punto, concedendo quindi già dall’inizio della frazione il vantaggio alla spagnolo. Bisogna sottolineare che Nadal ha continuato a giocare a un livello quasi sovrumano, variando col rovescio e arrivando su ogni palla col dritto, con il quale ha spesso tolto la polvere dalle righe. Il break guadagnato nel quarto game è bastato per consegnare a Rafa un terzo set di cui non ci sono mai stati dubbi sulla paternità, anche se DelPo ha dato segnali di nuova lucidità nella seconda parte della frazione, in cui si è sporadicamente trasformato in del Thortro. Rafa, comunque, dopo aver infilato la bellezza di nove giochi consecutivi, ha chiuso col punteggio di 6-3.

QUARTO SET Set iniziato con Juan Martin al servizio, che è passato in vantaggio senza troppi patemi. Allo stesso modo Rafa ha subito trovato il pareggio tenendo a zero il proprio turno di battuta. Nel terzo game, due errori di dritto di Del Potro hanno mandato Nadal a due palle break: al maiorchino è bastata la prima, giocata a regola d’arte e finita con un perfetto vincente lungolinea, arrivato subito dopo  un dritto finito quasi all’incrocio delle righe sul quale il nativo di Tandil aveva cercato di difendersi come meglio poteva. È stato un Del Potro ormai rassegnato alla sconfitta quello che ha concesso anche un secondo break al numero uno del mondo, in un quinto game in cui Palito non è mai riuscito a tenere in campo il dritto. Per Nadal è poi stato un gioco da ragazzi mantenere il turno di battuta fino alla vittoria.

Quello appena concluso è stato un match, a dire il vero, che è stato degno di chiamarsi tale solo fino al primo set. Dopodiché, un Del Potro debilitato mentalmente e forse anche fisicamente, ha abbassato la sua percentuale di prime in campo, ha aumentato il numero di errori non forzati e ha così agevolato a Rafa la conquista della sua quindicesima vittoria consecutiva nelle semifinali Slam. Nadal, in ogni caso, è stato pressoché perfetto; domenica in finale affronterà Kevin Anderson.

US Open, semifinale:

[1] R. Nadal b. [24] J. M. del Potro 4-6 6-0 6-2 6-3 

32 commenti

32 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alessandro Mazzoli - 3 mesi fa

    Il ridicolo per i tifosi di Rafa… e poracci li capisco, è il fatto che in finale arriva Anderson(Matrix) … a dimostrazione che il tabellone conta e molto!!! Senza nessuno dei più forti… federer con problemi fisici e Del potro con problemi al polso ormai da anni…. contenti voi di questo slam ora vi illustro L arduo cammino di Dopal … primo turno non Ricordo poi taro daniel… mayer…. dolgopolov… rublev … ora affronta Neo di Matrix… cosa era ?? Un challenger….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Mazzoli - 3 mesi fa

    Ora contro il Sig. Anderson di Matrix per lo slam!!!! Che cagata di torneo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Mazzoli - 3 mesi fa

    Che merdata di torneo… ora contro Anderson per la gloria??? Tutto truccato…. 16 slam 10 su terra ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Davide Lorenzetto - 3 mesi fa

    Spiace

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Massimiliano Fusco - 3 mesi fa

    Giuseppe!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antonella Bonzanini - 3 mesi fa

    Vamossss Rafa!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Camolli Marco - 3 mesi fa

    Non crollare sul più bello. Vamosss…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Agnese Colombo - 3 mesi fa

    Grande !!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ambra Balsamo - 3 mesi fa

    una potenza,una vera forza della natura…ancora dubbi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Marinella Picosanta - 3 mesi fa

    Non avevo dubbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Germa de Micheli - 3 mesi fa

      Che sportività. …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Germa de Micheli - 3 mesi fa

      Fatti vedere da uno bravo via…che ti guarisca dalla maleducazione e b.giornata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Patrizia Venturini - 3 mesi fa

      Ma che dici?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Paolo Serafini - 3 mesi fa

      Livello infantile ne abbiamo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Alessandro Mazzoli - 3 mesi fa

      A Melbourne c’era Roger?? A Miami c’era Roger? A indian wells c’era Roger???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Cristina Failla - 3 mesi fa

    VAmos Rafa!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Rosa Abbati - 3 mesi fa

    VAMOSSSSS RAFAAAAAA!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Francesca Solari - 3 mesi fa

    Immenso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Fulvia Neri - 3 mesi fa

    Vamos!!!!❤

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Angelo Coghe - 3 mesi fa

    Vamooooos Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Stefania Fabiani - 3 mesi fa

    Vamosssss

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Alba Borrione - 3 mesi fa

    Ola ola RAFA. …. sei super

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Sabina Forlani - 3 mesi fa

    Vamossssss

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Alba Durastanti - 3 mesi fa

    Grande Nadal.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Davide Tammaro - 3 mesi fa

    Grandissimo Rafa❤️❤️❤️

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Giuseppe Bordino - 3 mesi fa

    Non sa giocare sul veloce “cit”.
    Eh ma il tabellone era ridicolo “cit”.
    Ah ma se c’era Federer “cit”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tennis Circus - 3 mesi fa

      Grazie Giuseppe, ci facciamo un meme 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Davide Xavi Lecchi - 3 mesi fa

      bla bla bla…vamos rafa andiamo a prenderci lo slam numero 16il sesto sul veloce(ma non sà giocare né)…un fenomeno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gemma Razzoli - 3 mesi fa

      Se c’era Federer avremmo avuto modo di vederli giocare un’altra volta insieme, dato che non sarà poi così semplice, più il tempo passa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Paolo Serafini - 3 mesi fa

      Essendo obiettivi il tabellone di nadal e stato veramente ehm abbordabile…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Camolli Marco - 3 mesi fa

      Invece quello di Federer…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Romualdo Errico - 3 mesi fa

      Ogni torneo è diverso dagli altri ed inimitabile. Varie sono le circostanze. Quindi lasciamo stare il tabellone, gli infortuni ecc. Capita. Delpo ha un tipo di gioco fondamentalmente più forzato da fondo…più potente e più “spettacolare” (ma si è spremuto abbastanza nei precedenti match. Si è confrontato con un giocatore che fa della pressione da fondo con grande rotazione della palla e resistenza da sempre…Cosa poteva accadere???? Solo chi ha un gioco diverso poteva avere migliori chance. Io rimango della opinione che, al top, Federer non lo si supera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy