L’Inghilterra oggi apre ai doppi di tennis, ma rispettando il distanziamento sociale

Usciranno oggi nuove disposizioni volute dalla LTA in accordo col governo inglese per permettere di nuovo i doppi nel tennis e il coaching, anche di gruppo.

di Maurizio Petti

In Inghilterra i tennisti amatoriali possono ora riprendere a giocare con chiunque, non più solo con i familiari, grazie all’ulteriore allentamento delle restrizioni causa virus; il governo gallese, invece, non permette ancora alcuna forma di tennis giocato e il governo scozzese ha fatto un mezzo passo, permettendo di giocare con palline personalizzate anche al di fuori della proprio cerchia di parenti e congiunti.

La Lawn Tennis Association ha ulteriormente ammorbidito le restrizioni, si diceva: sono state redatte nuove linee guida, pubblicate ieri, domenica, e in vigore da oggi, lunedì, dove viene specificato che si potrà praticare sia il tennis in singolo sia in doppio anche con amici e non più solamente con i propri “cari”.
La LTA afferma che le regole del distanziamento sociale di due metri devono ancora essere applicate in ogni momento, anche se la nuova guida aggiunge anche un “per quanto possibile“, che lascia intendere che ci si deve affidare al buon senso laddove le condizioni di gioco non dovessero permetterlo.

Una domanda è sorta spontanea a molti addetti ai lavori: come si potranno fare i doppi dovendo mantenere le distanze sociali?
La LTA consiglia di “concordare in anticipo quale giocatore colpirà la palla, se questa viaggia verso il centro del campo“.

E, aggiunge la LTA in un altro paragrafo, i giocatori non dovranno contrassegnare chiaramente le proprie palline da tennis ma, se usano palline condivise, “bisognerà fare molta attenzione a non toccarsi il viso durante il gioco, e sarà opportuno lavarsi le mani prima di giocare e subito dopo aver finito”; posizioni queste non condivise ancora dalla Scozia, dove il governo ha continuato a insistere sull’uso di palline da tennis contrassegnate e permettendo di giocare il doppio solo con parenti e congiunti.

Capitolo coaching: ammesso in Inghilterra, anche di gruppo, fino a un massimo di sei persone, e sebbene non sia consigliabile condividere le attrezzature, la guida afferma che le racchette possono essere condivise se vengono pulite accuratamente prima e dopo l’uso.
Posizione anche in questo caso opposta in Scozia, dove il coaching è limitato alle sessioni individuali e ai giocatori viene detto di non condividere alcun equipaggiamento, comprese le racchette.

Via libera anche per i tornei LTA Youth Box, e c’è la speranza che questi tornei minori possano allinearsi con le date di luglio imposte per ora da ATP e WTA.
La LTA ha affermato che le nuove disposizioni “sono state sviluppate in accordo con il governo, con una serie indicazioni pratiche stilate per aiutare i circoli e gli allenatori a fornire coaching in totale sicurezza“.

Un elemento chiave per la stesura di queste nuove direttive è il fatto che c’è un rischio più elevato di contrarre il virus in luoghi chiusi invece che in grandi spazi aperti; tuttavia, sono già arrivate lamentele e preoccupazioni di vario tipo, mentre un club di tennis – Tower Hamlets Tennis – ha detto ai propri membri che potrebbe volerci del tempo, più tempo del dovuto, per adattarsi alle ultime linee guida.

Le nuove regole del tennis seguono l’andamento generale delle norme di comportamento volute dal governo inglese, sia per quanto riguarda il coaching che la possibilità di giocare i doppi. Queste vanno di pari passo con la possibilità accordata ora di riprendere gli sport di squadra a piccoli gruppi, di riprendere sport come il golf, fino a un massimo di quattro persone, sempre con la regola “madre” del distanziamento sociale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy