Australian Open uomini, secondo turno: bene Nadal e Cilic. Dimitrov passa a fatica

Rafael Nadal è avanzato al terzo turno senza incontrare particolari ostacoli. Nella sfida che l’ha visto contrapposto a Leonardo Mayer si è imposto nettamente in tre set. Anche Marin Cilic ha realizzato una buona prova, superando il portoghese Joao Sousa. Mentre Grigor Dimitrov ha rischiato l’eliminazione contro Mackenzie McDonald. Il 22enne californiano ha messo in grande difficoltà la testa di serie numero tre del seeding, il quale, solo al quinto set è riuscito a spuntarla, dopo aver subito un passivo di 6-0 nel parziale precedente.

di Federico Gasparella

Nadal avanza senza problemi – La testa di serie numero uno del seeding si è imposto su Leonardo Mayer, con il punteggo di 6-3 6-4 7-6(4). Il campione spagnolo, durante la prima frazione di gara, ha variato il gioco con insistenza, costringendo Mayer ad eseguire faticosi recuperi da fondo campo. Questa condizione, peraltro, non ha permesso all’argentino di trovare gli spazi necessari per poter compiere delle azioni offensive. In merito al punteggio, Nadal si è avvantaggiato di un break al quarto game. Mayer, nonostante si sia ben comportato dal punto di vista difensivo, non è mai riuscito a rendersi pericoloso durante i turni di servizio dello spagnolo. Di conseguenza, Nadal ha potuto conservare agevolmente il vantaggio sino alla conclusione del set. Nel secondo parziale il tenore della partita non è mutato: lo spagnolo ha continuato a gestire gli scambi con autorevolezza. Nel game di apertura si è conquistato il break con il quale poi ha chiuso il set. Va sottolineato come la battuta di Nadal si sia rivelata particolarmente insidiosa in questa sfida, in quanto lo spagnolo l’ha eseguita sempre con molta precisione e potenza, lasciando pochi spiragli di manovra al suo avversario in occasione delle risposte. Nella partita conclusiva, infine, la sfida si è fatta più equilibrata. Il tennista argentino ha aumentato i ritmi del proprio gioco. In particolare, ha mostrato un atteggiamento più propenso a rischiare durante gli scambi. Tuttavia, al nono game, Mayer ha avuto un piccolo passaggio a vuoto, che ha permesso a Nadal di conquistare il break. Ma l’argentino ha prontamente recuperato lo svantaggio, portandosi sul 5-5. I due contendenti hanno deciso le sorti del parziale al tie break, dove Nadal ha chiuso la partita vincendo per 7-4. Al terzo turno lo spagnolo troverà il bosniaco Damir Dzumhur, che ha avuto ragione di John Millman al quarto set.

Bene Cilic. Dimitrov rischia l’eliminazione – Marin Cilic, testa di serie numero sei del seeding, ha avuto la meglio sul portoghese Joao Sousa, con il punteggio di 6-3 7-5 6-3. Cilic ha dominato il confronto, rivelando un’ottima condizione fisica e mentale. Del croato, ha impressionato in particolar modo la grande abilità nel condurre favorevolmente i propri turni di servizio. Le statistiche, al riguardo, parlano chiaro: 20 ace, con il 93% di probabilità di conquista del punto con la prima. E’ verosimile ritenere il tennista di Medjugorje come uno dei papabili per la vittoria finale. Al terzo turno incontrerà lo statunitense Harrison, che si è imposto a sorpresa su Pablo Cuevas (testa di serie numero 31) per 6-4 7-6(5) 6-4. Per quanto riguarda Grigor Dimitrov, il giocatore bulgaro si è salvato proprio all’ultimo, strappando letteralmente dalle mani la qualificazione a Mackenzie McDonald (numero 286 del ranking). Il punteggio definitivo del confronto è stato di: 4-6 6-2 6-4 0-6 8-6.  Nella prima partita, Dimitrov ha subito evidenziato una serie di difficoltà nell’arginare il gioco dell’americano. Appena McDonald ha mostrato un atteggiamento intraprendente, Dimitrov non ha saputo reagire in modo adeguato, dimostrandosi, peraltro, insicuro. In merito al punteggio, dopo aver ceduto la prima partita, il bulgaro si è portato in vantaggio di due set, ma al quarto parziale è successo l’irreparabile: in breve tempo ha subito un passivo di sei giochi a zero,  rivelandosi inerme di fronte alle iniziative del 22enne americano. Dimitrov, in particolare, ha avuto dei seri problemi nel’esecuzione del rovescio, con il quale ha commesso una serie interminabile di errori. Nella partita decisiva, che si è sviluppa ad oltranza, Dimitrov è rimasto aggrappato al match principalmente grazie al servizio. La svolta c’è stata tredicesimo, sul 7-6 per il tennista bulgaro, quando una serie di errori al servizio del californiano gli hanno permesso di aggiudicarsi il set e la partita.

Passano Kyrgios e Rublev – Relativamente agli altri incontri della giornata, Nick Kyrgios ha avuto la meglio su Viktor Troicki, per 7-5 6-4 7-6(2). Il tennista australiano ha confermato di trovarsi in un’ottima condizione. Nella gara odierna ha concesso poche occasioni al proprio avversario, dando prova di grande maturità nella gestione della partita. Mentre Andrey Rublev si è imposto su Marcos Baghdatis, per 6-4 7-6(5) 4-6 6-2. Da evidenziare, invece, è stata la vittoria di Ivo Karlovic su Yuichi Sugita. Il croato, dopo battaglia interminabile, è riuscito a spuntarla al quinto set. Il punteggio definitivo è stato di: 7-6(3) 6-7(3) 7-5 4-6 12-10. In conclusione Aleksandr Dolgopolov ha superato Matthew Ebden per  7-6(0) 6-3 6-4. Mentre Casper Ruud è stato sconfitto nettamente da Diego Schwartzman, con il punteggio di 6-4 6-2 6-3

Tutti i risultati:

https://ausopen.com/scores/results

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy