Atp Umago: Travaglia passa ai quarti per il ritiro di Fognini, Lorenzi cede a Djere

Atp Umago: Travaglia passa ai quarti per il ritiro di Fognini, Lorenzi cede a Djere

Stefano Travaglia si è guadagnato l’ingresso ai quarti di finale del Plava Laguna Croatian Open, a seguito del ritiro di Fabio Fognini, avvenuto all’inizio del secondo set per un problema fisico. I due si trovavano sul punteggio di 6-1 2-1 in favore del tennista ascolano. Per quanto riguarda Paolo Lorenzi, si è arreso in tre set a Laslo Djere.

di Redazione Tennis Circus

Si è superata appena la mezz’ora di gioco nel derby italiano tra Stefano Travaglia e Fabio Fognini, prima testa di serie del torneo, in quanto il ligure all’inizio della seconda frazione è stato costretto al ritiro per un problema muscolare all’altezza del polpaccio. I due tennisti si trovavano sul punteggio di 6-1 2-1 in favore del giocatore marchigiano. Fin dai primi game si era potuta notare la difficoltà del ligure nel muoversi con la necessaria scioltezza, indugiando vistosamente prima di compiere degli scatti e facendo intendere che avesse qualche fastidio. Travaglia disputerà dunque i quarti di finale, per la prima volta in carriera all’interno di una competizione del circuito maggiore. Il suo avversario sarà l’ungherese Attlia Balasz, che ha sconfitto a sorpresa in tre set Filip Krajinovic, sesto favorito del torneo. Per quanto riguarda l’altro italiano presente nella manifestazione, Paolo Lorenzi, è stato sconfitto dal Laslo Djere, terza testa di serie del tabellone. L’azzurro non ha demeritato nel corso della gara, confrontandosi sempre alla pari con il suo avversario. Purtroppo, in prossimità del tie break del parziale decisivo, quando ha avuto l’opportunità di servire per il 5-5, il tennista senese ha ceduto il break decisivo ed il confronto.

I punteggi:

S.Travaglia b. [1]F.Fognini 6-1 2-1(Rit)

A.Balasz b. [6]F.Krajinovic 6-3 6-7(1) 7-6(5)

[8]L.Mayer b. J.Vesely 3-6 6-4 6-4

[3]L.Djere b. P.Lorenzi 6-3 3-6 6-4

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy