Djokovic: “Ho un buon rapporto sia con Federer sia con Nadal. Non è necessario che la gente crei tensioni tra di noi”

Djokovic: “Ho un buon rapporto sia con Federer sia con Nadal. Non è necessario che la gente crei tensioni tra di noi”

Intervistato a Miami sul caso Kermode, Novak Djokovic spiega che, nonostante la divergenza di opinioni sull’operato della presidenza ATP, non esiste alcun problema tra lui e i suoi storci avversari. A tal proposito invita la stampa e gli appassionati a non fomentare polemiche inutili, su uno scontro che di fatto non è mai avvenuto.

di Giuliana Cau

Novak Djokovic si trova ora a Miami, torneo che lo ha incoronato per ben sei volte campione e nel quale, nel lontano 2007 a soli 19 anni, vinse il primo di una lunga serie di titoli che tra Masters 1000, Slam e ATP Finals lo issano a quota 53 Big Titles. Il campione di Belgrado era molto affezionato allo storico circuito di Crandon Park in quel di Key Biscayne ma, come nel suo carattere, ha accolto con entusiasmo lo spostamento presso lo Hard Rock Stadium, tempio dei Miami Dolphins e nuova sede del torneo. Ospitato al Media Day, in presenza della stampa accreditata dall’ATP, Djokovic ha ripercorso tutte le soddisfazioni ottenute all’interno del Miami Open: “Per me Miami è un posto molto speciale perché è qui che ho vinto il mio primo Masters 1000, nel 2007. Quella vittoria mi ha spianato molte porte e mi ha fatto credere ancora di più in me stesso. Adesso sto cercando di recuperare quei ricordi e, nonostante la nuova sede, mi sento pronto a fare bene anche qui” -ha confessato Nole, che conoscerà il suo primo avversario dopo la conclusione della sfida tra Bernard Tomic e Thiago Monteiro. Il serbo avrebbe dovuto affrontare Tomas Berdych, ma il ceco è stato costretto a dare forfait a causa di un risentimento alla schiena. Secondo Novak Djokovic il cambio di sede del Miami Open è da considerasi un successo: “Penso che sia stato un passo coraggioso trasferire il torneo in uno stadio di calcio, per creare un’atmosfera molto diversa da quella che abbiamo visto fin’ora; è un passo importante che può portare molti benefici al nostro sport“.

Chris Kermode, il presidente ATP sfiduciato la scorsa settimana.
Chris Kermode, il presidente ATP sfiduciato la scorsa settimana

Ovviamente, dopo tutte le polemiche sorte a riguardo, non può essere evitata una domanda inerente alla sfiducia nei riguardi di Chris Kermode, il presidente dell’Atp che a fine anno sarà sostituito da un nome di cui ancora non si conoscono i dettagli. Ciò che maggiormente interessa sapere è se veramente questa decisione abbia creato delle divisioni o dei malumori tra Nole e i suoi storci avversari, Roger Federer e Rafael Nadal. “Non ho notato nessun astio né da parte loro, né tanto meno da parte mia. Non è necessario creare ad arte tensioni o divisioni tra di noi; io ho un buon rapporto con entrambi, ci siamo sempre rispettati. Siamo rivali, quindi è difficile essere amici, ma non ci sono malintesi tra noi” -ha precisato Novak Djokovic. “Abbiamo bisogno di curare il dialogo, di fare in modo che sia aperto a tutti e che le persone che hanno opinioni diverse le esprimano. L’Atp è una società democratica e tutti dobbiamo cercare di farne parte. Per questa ragione daremo il benvenuto sia a loro (Federer e Nadal) come a qualsiasi altro giocatore che voglia aderire ai dibattiti politici del Consiglio. Siamo sempre in trattativa e cerchiamo continuamente la collaborazione con i Rappresentanti dei Giocatori. Roger e Rafa sono state e sono tuttora icone, punti di riferimento, del nostro sport da moltissimi anni e il loro parere è estremamente importante per chiunque. Se vogliono rientrare a far parte di tutto questo sarà un bene per tutti, un apporto assolutamente positivo” -ha aggiunto il numero uno del mondo, che ha incontrato Roger Federer all’inaugurazione dello stadio centrale del complesso, assieme a Serena Williams. “Non abbiamo avuto molto tempo per parlare, spero di poterlo fare nei prossimi giorni” -ha puntualizzato il belgradese.

Serena, Federer e Djokovic inaugurano il centrale di Miami
Serena, Federer e Djokovic inaugurano il centrale di Miami

Infine Nole ha assicurato che si presenta al torneo di Miami senza alcun obiettivo prefissato. “Non mi aspetto niente; sto solo lavorando per raggiungere la migliore versione di me stesso e per cercare di recuperare il livello che ho espresso agli Australian Open. Se ci riuscirò, avrò la possibilità di arrivare lontano nel torneo“.

Fonte: Punto de Break

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fiorella Giacomella - 4 mesi fa

    bravo nole avanti per la tua strada e non fare più partite come l’ultima a indian che ci fai soffrire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Lupi - 4 mesi fa

    Comunque i Miami Dolphins sono una squadra di football americano non calcio. Tirare le orecchie al traduttore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 4 mesi fa

      Alessandro Lupi. Sono le sue parole, lui non precisa e parla solo di “fútbol”. L’intervista è in spagnolo, non ho usato nessun traduttore 😉 Cmq lo aggiungo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alessandro Mazzoli - 4 mesi fa

      Alessandro Lupi principe a volte si sono rivolti a me come tennista anziché come debosciato, capita

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio Remus - 4 mesi fa

    La stanno tirando troppo lunga sta storia….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniela Narducci - 4 mesi fa

    Certe volte i media tendono ad ingigantire troppo certe situazioni. Trovo che il rapporto fra i tre non sia conflittuale, aldilà di quanto ci vogliano far credere. Già Nole si attira antipatie solo per il fatto di esistere (certi amanti di Federer e Nadal lo snobbano od odiano addirittura… e mi chiedo come si possa anche solo fare una cosa del genere), figuriamoci poi cosa gli possono rimproverare ora, che sembra che la bocciatura di Kermode sia opera sua. Quando poi in realtà lui non ha alcun potere decisionale diretto. Posso solo sperare, per lui, che tutto questo non lo distolga troppo dal tennis giocato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Perri - 4 mesi fa

      Daniela

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Biagio Zaccaria - 4 mesi fa

      Personalmente avevo detto qualcosa di simile tempo fa, ma evidentemente l odio del tifoso prevale sul dato sportivo e umano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Viviana Colnaghi - 4 mesi fa

      Daniela Narducci io non lo odio ci mancherebbe , però non mi é simpatico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Perri - 4 mesi fa

    Come al solito, i giornalisti sono fenomenali nel creare polemiche ad arte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 4 mesi fa

      E meno male che qualcuno, senza troppi peli sulla lingua, glielo fa notare con classe 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco Perri - 4 mesi fa

      Giuliana, la classe che i suoi haters se la sognano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giuliana Cau - 4 mesi fa

      E che non sanno che il blocco non basta, dato che c’è l’applicazione della gazza net a scoprire gli altarini 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Stefano Pedrazzini - 4 mesi fa

    Ambiguo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy