Felix Augere-Aliassime: “Il razzismo lo tocchiamo con mano ogni giorno”

Il giovane talento canadese parla del razzismo e di come sia una piaga radicata non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo.

di Jonathan Zucchetti, @J_Zucchetti

“Avete mai subito atti di razzismo? Mio padre si, qualche anno fa a Montreal”, così inizia l’intervista rilasciata da Felix Augere-Aliassime alla Gazzetta dello Sport. “Lui è nato in Togo ed è poi emigrato in Canada, dove ha sposato mia madre, bianca e canadese. Un giorno stava tornando a casa con la sua Mercedes, quando si accorse che la polizia lo stava seguendo”.

“Gli agenti lo hanno fermato e interrogato su perché stesse guidando una macchina così costosa: un nero non poteva di certo permettersela e doveva averla rubata. Ha dovuto dimostrare di aver effettivamente acquistato l’auto. E’ una sciocchezza in confronto a cos’è successo a George Floyd, però ci fa capire che il razzismo lo si può toccare con mano nelle piccole cose di ogni giorno”.

Parlando della sospensione delle competizioni, dice: “Quando ci hanno detto che non si sarebbero disputati Indian Wells e Miami ero in Florida. Sono rimasto qualche giorno là con la mia ragazza e poi sono tornato a Montreal dalla mia famiglia. E’stato bello passare così tanto tempo con i miei, anche se nella difficoltà”.

Fonte: tennisworlditalia.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy