Gael Monfils: “Vedere gli spalti vuoti è scioccante”

Gael Monfils: “Vedere gli spalti vuoti è scioccante”

Tre giorni fa il numero 9 al mondo, Gael Monfils ha rilasciato un’intervista all’equipe dove ha parlato del suo rientro nel circuito dopo tanti mesi e anche della squalifica di Djokovic

di Thomas Scarinzi

Il tennista francese Gael Monfils ha recentemente rilasciato un’intervista al quotidiano francese L’Equipe, dove ha parlato di tutta l’attualità del mondo del tennis, soffermandosi sulla sua preparazione, data la lunga assenza dai campi da tennis. Inoltre, il giocatore francese ha parlato dell’incidente accaduto a Novak Djokovic all’ultimo US Open 2020 di cui tutti abbiamo sentito parlare.

“Sto molto bene. Mi sono allenato molto duramente in questi mesi e per me è incredibile giocare di nuovo un torneo e competere contro i migliori giocatori del circuito. È vero che in allenamento quando si aumenta un po’ il ritmo, a volte sento un po’ di stanchezza, ma è una cosa del tutto normale dopo tanto tempo senza poter giocare. Sento che avrò bisogno di partite per tornare al livello che avevo mostrato prima di questa pausa tennistica. Posso dire di avere sentimenti contrastanti in allenamento che devo dimostrare in un incontro” ha detto riguardo il suo stato di forma.

Sulla decisione che lo ha portato a saltare gli US Open ha dichiarato: “C’erano molte ragioni. Io e la mia squadra ci siamo incontrati pochi mesi fa per decidere quale piano avremmo seguito. Abbiamo un programma molto serrato. Chi ha fatto un buon lavoro agli US Open questa settimana non è a Roma. Il passo dal duro alla terra battuta è molto difficile ed era chiaro che il mio obiettivo era fare un buon lavoro sulla terra“. Parlando invece dei suoi connazionali ha espresso dispiacere per la bolla di New York, causata dal fatto che Paire è risultato positivo al covid: “Non sono stati molto fortunati in questo senso. Molti giocatori hanno fatto bene in una bolla, ma i miei amici hanno trovato abbastanza difficile. Quando ho sentito la notizia ero molto triste per loro.”

Gael ha poi espresso il suo parere sulla mancanza di pubblico nei tornei: “Non so se giocare senza un pubblico può danneggiarmi. Quando giocherò la mia prima partita vedrò come mi influenza e poi ti racconterò com’è stata l’esperienza. La prima cosa che ha attirato la mia attenzione quando sono arrivato alle strutture è stato vedere i campi vuoti sugli spalti, senza tifosi che guardano i nostri allenamenti. È scioccante “. Ha poi continuato il discorso citando il Roland Garros: “Sicuramente sarà un torneo totalmente diverso rispetto agli anni precedenti. Non ho idea di come sarà. So che ci sarà un nuovo campo, che possiamo giocare di notte, che se piove si può giocare al chiuso … Ce ne sono tanti, tanti domande su come sarà il Roland Garros quest’anno.

E per finire ha concluso con l’avvenimento più chiacchierato del momento: la squalifica di Djokovic.“Sono molto triste per Novak. Lo apprezzo moltissimo e sono rimasto sorpreso da tutto quello che è successo. I supervisori hanno fatto bene il loro lavoro, poiché hanno applicato la regola alla lettera. È molto difficile discutere guardando le immagini”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy