Del Potro, una marca XL di tennis

di Greta Pettazzoni

Se state sperando di vedere Juan Martin del Potro cedere quelle vesciche dritto e rovescio pungenti prima della fine dell’anno, io suggerirei di prenotare un biglietto aereo in questo momento per Kuala Lumpur, o Tokyo.

Entrambi i tornei stanno rappresentando Delpo nei loro materiali promozionali, ma quella promessa implicita e un centesimo potrebbe ottenere una stringa-a-ling. Eppure, la vera notizia è che a meno di un miracolo non saremo a guardare Delpo cercando di trascinare quella “vecchia Delpo” (circa 2009) back up fuori dal suo corpo ferito o messa a dura prova lo spirito agli US Open. Ho delle ottime fonti.

E così la saga di Juan Martin del Potro va avanti, ed è diventato parabola da una parte e parte ammonitore. Ti ricordi abbastanza bene come è cominciato: del Potro ha incominciato la sua strada dellla ribalta nel 2008, vincendo quattro titoli consecutivi. Due di questi eventi sono stati sulla terra in Europa, gli altri due sul cemento negli Stati Uniti, Delpo accumulato una striscia vincente di (in ultima analisi) 23 partite che d’estate, la ATP seconda più lunga striscia vincente da un adolescente nell’era Open (dietro Rafael Nadal ). Era ancora 19 enne.

Ma anche allora ci sono stati segnali inquietanti: Chi si ricorda che all’inizio di quell’anno breakout, Delpo è stato strappato da infortuni e così afflitto dalla sua condizione, che ha finito per cambiare allenatori così come il suo allenatore fisico? Testa di serie numero 7 a Adelaide, era sconvolto al primo turno. Doveva ritirarsi contro David Ferrer nel secondo turno degli Australian Open per un infortunio. E ‘stato spento il tour fino a marzo, e da aprile era giù al n 81.

Nel maggio del 2008, ha dovuto chiudere un match contro Andy Murray nel Masters di Roma 1000, questa volta con un mal di schiena. Delpo ha lottato le successive settimane, ma vincendo una partita a ciascuno dei primi major estivi. Andò in Europa per giocare l’emergente del circuito mini-argilla soprattutto perché la sua squadra ha voluto mettere alla prova la sua idoneità. Si potrebbe dire che Delpo ha superato il test fisico. Sarebbe una delle rare volte che lo avrebbe fatto.

Entro la fine di quell’anno, Delpo è stato il più giovane membro della Top 10 (n ° 9) e il più alto rango Sudamericana. La scena era pronta per Del Potro a scuotere il mondo, o almeno quella parte di esso che aveva un interesse per il tennis.

2009 è stato l’anno di carriera e un anno da sogno. Delpo ha vinto Auckland (il suo primo evento dell’anno), ma è sceso al n ° 2 di semi di Roger Federer nei quarti di finale degli Australian Open. Ha quasi rovinato un’occasione d’oro di Federer di vincere finalmente l’Open di Francia (grazie a Robin Soderling upset sbalorditivo di Rafael Nadal) allungando Federer per 6-4 nel quinto nella loro semifinale.

Ancora con ricordi sulla sua mente, del Potro ha messo insieme un altro colpo duro dopo Wimbledon, questo un 18-1 striscia. In primo luogo, ha vinto ancora una volta Washington (d. Roddick). Poi Delpo è arrivato secondo a Andy Murray nella finale del Masters canadesi. Ha seguito con quello che rimane la sua più grande vittoria – un trionfo di Roger Federer nella finale degli US Open.

Se avete visto quella partita, vi ricorderete che Del Potro ha portato il gioco a un livello più versatile, che Federer rimase stupito. Delpo è 6-foot-6, e in quell’occasione la corte dalla parte di Federer della rete sembrava espandersi in proporzione mentre la propria meta è rimasto di dimensioni normali. Colpire con grande potenza, la profondità e l’angolo, del Potro sembrava trovare ettari su ettari di spazio su entrambi i lati o dietro Federer. Ha preso tempo lontano da Federer, lo spinse indietro e lo punì quando Federer si rifiutò di andare.

Del Potro ha vinto in cinque set, diventando il primo giocatore a intromettersi nel Grande Slam e a  bloccare giù Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic aveva messo in gioco per 18 major dritto.

Poi tutto è crollato. Come esperti sono stati inneggianti alla marca XL del tennis che Potro stava giocando, il polso destro ha ceduto. Ha avuto un intervento chirurgico e ha giocato solo tre eventi nel 2010 ha fatto un forte ritorno nel 2011, vincendo due delle tre finali di guadagnare ATP Comeback Player of the Year. L’anno successivo ha portato un successo ancora maggiore: quattro titoli in cinque finali, una carriera di alto 65 partite vittorie, una medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici, e un ritorno alla Top 10.

Del Potro è salito più in alto n ° 5 l’anno scorso, vincendo quattro tornei ATP 500 di grado. Ma a quel punto sembrava anche chiaro che mancava qualcosa, o in possesso del Potro tornato dalla duplicazione sua più grande impresa. Allo US Open nel 2009, aveva battuto, nell’ordine, Juan Carlos Ferrero, Marin Cilic, Rafael Nadal e Federer. L’anno scorso, ha mostrato che, mentre era ancora in grado di battere qualsiasi dei “Big Four”, battendo due o più di essi in successione si stava rivelando troppo da chiedere.

Ma a volte il gioco riabilitato di Delpo aveva una qualità studiata. Rimase esplosivo, ma aveva cominciato a essere imprevedibile. Uno stratega esperto, allenatore o un giocatore, ha sempre avuto idee su come battere Delpo, nessuno delle loro misure disperate del tipo che qualcuno ha cercato, nel tentativo di far deragliare Federer o Nadal. Buono come egli era, del Potro sembrava un uomo con un bisogno di una grande vittoria, alla fine dello scorso anno, tanto per la sua fiducia, come per qualsiasi altra cosa. Stava andando a costruire la sua promessa del 2009, o diventare una versione gigante di David Ferrer?

A Del Potro è stata negata la possibilità di ottenere quella grande vittoria all’inizio del 2014, quando il polso ha ceduto di nuovo. Questa volta, è stato il sinistro. Si ritirò dal suo primo turno match a Dubai e ha lasciato il tour, ancora classificato n 5 ma nel frattempo, ha subito un intervento chirurgico di nuovo e cominciò a colpire timidamente le palle sul penultimo giorno di maggio.

Quindi non c’è nessuna possibilità che Del Potro troverà e ha colpito un pulsante di reset da qualche parte nella sua mente o il corpo e riprendere la sua corsa del 2009 a Flushing Meadow – almeno non quest’anno. La “XL” di marca di Delpo del tennis non si riferisce solo al suo gioco più, si distingue anche per la durata della sua assenza forzata dal gioco: Extra Long. E ancora senza fine, o un segno di ciò che il futuro potrebbe portare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy