Eugenie Bouchard preferisce essere allenata da una donna

Al podcast di Tennis.com l’ex numero 5 del mondo spiega perché preferisce essere allenata da donne e non da uomini.

di Redazione Tennis Circus

Eugenie Bouchard è rientrata nel circuito maggiore al torneo di Praga dove ha centrato i quarti di finale, battuta al terzo set da Elise Mertens.

Durante un’intervista rilasciata a Tennis.com, la tennista canadese ha parlato dei mesi di sosta forzata a causa della pandemia e del lockdown e degli aiuti speciali che ha ricevuto da dei grandi campioni come André Agassi e Steffi Graf: “Durante il lockdown avevo intenzione di migliorare la mia forma fisica e così ho deciso di trasferirmi a Las Vegas senza pensarci due volte. Sono stata molto felice e ringrazio tanto André e Steffi che mi hanno aiutato con il mio tennis, devo dire che ho davvero una squadra fantastica“.

Bouchard a Praga si è allenata con la ex numero uno del mondo di doppio Rennae Stubbs e ha rivelato che preferisce lavorare con le donne: “Capiscono meglio il lato emotivo, un allenatore maschio non comprende facilmente questi particolari importanti per le donne nel corso di una competizione. Mi trovo a mio agio con Rennae che mi aiuta a migliorare il mio gioco di volo“. 

Raggiungendo i quarti a Praga l’attuale numero 332 delle classifiche mondiali WTA dovrebbe ritornare nelle prime 300 al mondo. Malgrado non abbia attualmente una classifica adeguata alle sue possibilità, la 26enne canadese rimane una delle giocatrici più famose del circuito WTA. Gil Reyes, in passato allenatore e mental coach di Agassi, fa parte dal 2016 dello staff della canadese e ha parlato molto bene di Bouchard in un recente podcast: “Sono rimasto colpito dalla sua dedizione, è da ottobre scorso che lavora con intensità per migliorare la sua forma fisica. Devo riconoscere che tra tutti coloro che ho allenato ultimamente, Eugenie è quella che mi ha fornito le maggiori soddisfazioni professionali“.

Nicola Devoto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy