Martina Hingis ha compiuto 40 anni: “Serena e Roger fantastici, io non ce la facevo più”

Martina Hingis ha compiuto 40 anni lo scorso 30 settembre e per l’occasione ha rilasciato un’intervista al quotidiano svizzero Blick

di Thomas Scarinzi
Martina Hingis ritiro

Martina Hingis è stata la più giovane vincitrice di un titolo a Wimbledon, quando nel 1996, a soli 15 anni ha vinto lo Slam in doppio con Helena Sukova in finale. Ma non si è fermata lì, perché in carriera ha vinto ben 25 slam tra singolare (5), doppio (13) e doppio misto (7). Il 30 settembre scorso, cioè tre giorni fa, la 3 volte campionessa degli AO (in singolare) ha rilasciato un’intervista al quotidiano svizzero Blick, in cui ha toccato moltissimi argomenti della sua vita passata, presente e futura.

Martina Hingis, tua figlia Lia compirà due anni a febbraio. Se dovesse seguire le tue orme, dovrebbe presto prendere in mano la racchetta da tennis. 

“È già in tre club di tennis. Di tanto in tanto gioca con loro, ma è ancora piccola. L’ho anche vista maneggiare una racchetta da ping-pong e la agita regolarmente. Ma come ho detto prima è ancora molto giovane e non so se ha talento o no (ride, ndr). L’unica cosa che voglio per mia figlia è che abbia una vita sana, felice e sportiva “.

Cosa ti passa per la testa oggi quando senti o leggi il termine “bambino prodigio”?
Penso alla mia giovinezza, questo è chiaro. Allora giocavo a tennis per quasi sei ore al giorno molto presto. Ma non ho mai sentito che fosse pressione o costrizione. Ho bei ricordi di quegli anni. Dopo 16 anni sono tornata nella Repubblica Ceca con mio marito e nostra figlia. Volevo mostrare a mio marito dove tutto è iniziato.

Ora l’ex bambina prodigio Martina Hingis ha già 40 anni. Cosa significa?
“Non tanto. I compleanni sono sopravvalutati. Trovo il Natale molto più intenso. Ma cosa mi fa il numero 40, non posso dirtelo. Non ho mai compiuto 40 anni. Ma presumo che domani sarò la stessa persona che sono oggi.

Serena Williams e Roger Federer sono solo un anno più giovani di te e sono ancora nel tour. Ti sei ritirata per la prima volta all’età di 23 anni.
“Serena è fantastica, probabilmente ha anche geni diversi da me. Quello che fa Roger è ovviamente anche incredibile. Fisicamente, non potevo più farlo”.

È così perché tutto è iniziato così presto per te?
Forse. Ma allora, altre erano già professioniste all’età di 14 anni. Steffi Graf, Monica Seles o Jennifer Capriati. All’età di 13 anni mi è stato permesso di giocare tre tornei professionali, a 14 erano otto e a 15 le regole consentivano 15 tornei all’epoca. Da 16 si poteva giocare quanto si voleva.

Ti manca il circuito di tennis?
Per anni sono stato in viaggio per 40 settimane all’anno. E ora ci vado due o tre volte. Naturalmente ci sono momenti in cui il soffitto cade sulla tua testa. Ma probabilmente è così che funziona con tutti. Ecco perché è un peccato che i tornei delle leggende di Parigi e Wimbledon siano stati cancellati a causa del covid. A Parigi avrei giocato in doppio con Mary Pierce.

Hai davvero contatti con il tuo padre biologico?
“Li ho avuti più e più volte. Attualmente vive in Slovacchia. L’anno prossimo festeggeremo il suo settantesimo compleanno”.

Tanti auguri (anche se un po’ in ritardo) alla immensa Martina e speriamo di poterla vedere presto in campo in un torneo delle leggende.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy