Fognini: “Fisicamente inizio a sentirmi meglio. Tornerò a Montecarlo”

Fognini: “Fisicamente inizio a sentirmi meglio. Tornerò a Montecarlo”

Uscito al terzo turno del Masters 1000 di Miami, il tennista ligure racconta le difficoltà cui sta andando incontro in questo periodo, alimentando la speranza di ottenere risultati migliori in futuro.

di Marco Tocci

Che non fosse un buon momento per Fabio Fognini lo avevamo già intuito: dopo il terzo turno agli Australian Open non ha vinto alcun match nemmeno nei tornei disputati sulla terra, superficie da sempre più consona al tennista ligure; al Masters 1000 di Miami questa scia negativa si è interrotta, ma non abbastanza da portare Fabio fuori pericolo.

Dopo un match d’esordio piuttosto sofferto (vinto poi in rimonta ai danni di Guido Andreozzi), Fognini è stato eliminato al terzo turno per mano di Roberto Bautista Agut; lo spagnolo, che è riuscito ad imporsi con il punteggio di 6-4 6-4, deve in realtà molto ai numerosi errori gratuiti commessi dal tennista italiano, il quale non ha mai avuto abbastanza lucidità da sfruttare le occasioni presentategli.

Intervistato da Tennis World Italia, Fognini fa riferimento alla sua prestazione di ieri: “La verità è che ho avuto parecchie occasioni, soprattutto nella seconda metà di gara. Anche nel primo ero riuscito a recuperare il break, ma ho perso nuovamente il servizio subito dopo.
Nel secondo parziale sono stato sempre avanti ma non sono riuscito a chiuderla. Contro un giocatore come lui non te lo puoi permettere, specialmente in questo periodo“.

Sicuramente le condizioni fisiche del giocatore ligure hanno parecchio influito sulla sua performance: oltre al solito problema alla caviglia, Fabio ha infatti accusato un lieve fastidio al gomito.

Dunque un inizio di stagione non brillante per l’azzurro che, tuttavia, non si scoraggia e cerca di pensare positivo: “Io continuo a giocare, fisicamente mi sento meglio e proverò a dare il massimo come sempre. Dopotutto l’anno è appena iniziato. Non mi pongo obiettivi. Il prossimo torneo sarà Montecarlo e da lì giocherò fino a Parigi“.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cédric Scappaticci - 4 mesi fa

    Troppi errori gratuiti ieri e nessuna pazienza. La qualità dei colpi invece è rimasta intatta

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy