Stefan Edberg: “Il segreto della longevità di Federer potrebbero essere i suoi figli”

In una intervista rilasciata al sito web tedesco FAZ, il campione svedese ha ipotizzato che il processo di cambiamento che ci ha restituito un Federer così scintillante è iniziato proprio con lui. Sebbene la loro collaborazione non abbia portato al raggiungimento di vittorie Slam, insieme hanno posto le basi per un nuovo periodo di dominio nel circuito.

di Franco Campagna

Edberg ha tessuto le lodi del campione svizzero, raccontando della loro collaborazione e facendo delle considerazioni riguardanti il tennis contemporaneo: “Roger è unico in molti aspetti. Ama giocare a tennis, sta migliorando il suo gioco, trova sempre la giusta motivazione, è in ottima forma atletica e per la sua età è un fatto straordinario. Tutti gli riconoscono un tennis bellissimo, ma la cosa più importante è che lui è da considerare il miglior ambasciatore di questo sport. Ha un ottimo rapporto con la stampa, si relaziona con gli sponsor in un modo unico e ha un feeling speciale con i tifosi. È perfetto. Un giorno sarà quasi impossibile sostituirlo. Non può essere imitato“. Che cosa hai pensato quando a fine 2013 ti hanno chiesto di entrare nel suo team? “Sono rimasto più che sorpreso. Non avevo mai considerato la possibilità di tornare nel circuito come allenatore o come collaboratore, se così si poteva definire il mio ruolo. Per prima cosa dovevo capire se potevo realmente aiutarlo e se ero disposto di nuovo a viaggiare tanto. Poi abbiamo svolto insieme una settimana di allenamenti a Dubai e li abbiamo avuto la possibilità di conoscerci meglio e di confrontarci. Ci accordammo per stare insieme un anno, poi diventarono 2“. Che tipo di lavoro avete fatto? “Voleva portare dei cambiamenti nel suo gioco, quella era la cosa principale. Veniva da un 2013 difficile dove non si era espresso al suo miglior livello di tennis. Quindi era consapevole che per tornare al top era necessario cambiare alcune cose. È stato un grande momento, particolare per me perché lo ho vissuto da allenatore. Roger però ha reso il mio compito sin troppo facile. Riusciva ad apprendere velocemente ed applicare bene tutto quello che gli consigliavo di fare“. Perché erano necessario dei cambiamenti? “Quando superi i 30 anni, devi modificare alcuni aspetti del tuo gioco per rimanere competitivo ad altissimo livello. Doveva assumere un atteggiamento più aggressivo e comandare gli scambi, non subire. Il 2014 è stato sicuramente un anno speciale per Roger. Ha cambiato attrezzo, cambio di allenatore, una nuova tattica di gioco, Ha fatto in fretta a trovare la strada per ritornare in vetta. Per riuscirci oltre al talento serve una forte spinta motivazionale, e devi stare bene fisicamente. Forse sono i suoi quattro figli che lo mantengono così giovane. Ma ciò che è possibile per lui non lo è di certo per gli altri. Con lui ho avuto un rapporto diretto, molto informale“. Questa è stata la versione migliore di Federer? “È difficile da dire con certezza. Statisticamente un’atleta raggiunge l’apice della carriera nel tennis tra i 22 e i 28 anni. Forse proprio a quell’età c’è stato il massimo dominio da parte sua nel circuito, ma guardando all’anno scorso è stato sconfitto solo cinque volte e ha vinto due titoli del Grande Slam: l’Australian Open e Wimbledon. Adesso è riuscito a difendere il titolo a Melbourne. Per certi versi, oggi è sicuramente un giocatore migliore rispetto a dieci anni fa. Certo, forse meno rapido, ma ancora sufficientemente veloce“. Qual è la differenza maggiore che noti tra il tennis di oggi e quello dei tuoi tempi? “Viene posta maggiore attenzione all’aspetto fisico, i giocatori sono più competitivi a livello medio. Le strutture sono migliorate e c’è più conoscenza sui metodi di allenamento, come e quando prendersi delle pause, ascoltare il proprio corpo, nuove conoscenze sull’alimentazione. Ci sono diete ed allenamenti personalizzati. Queste sono le ragioni principali che hanno fatto allungare le carriere dei giocatori ad altissimo livello“, ha concluso.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alessandra Bragion - 3 anni fa

    Tra Stefan ed Ivan , Roger e’ rinato è migliorato , grazie al suo talento !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gianni Bracciaferri - 3 anni fa

    i figli piccoli o meno sicuramente influiscono positivamente e ti fanno vede tutto in un’ottica diversa anche per uno sportivo,Edberg è un saggio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Jose Livia - 3 anni fa

    Fue piña se toco con el mejor Djokovic, no tenia nada que hacer aunque lo intento todo..Nole era demasiado para su pupilo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luca Ravoni - 3 anni fa

    Il segreto del suo successo è la classe,la testa e lo staff.Tutto quello che sta facendo per metà lo deve a se stesso,per l’altra metà a famiglia e staff.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Angelo Lafranconi - 3 anni fa

    Ma basta dire ste cavolate ,
    basta sono ridicoli !!!! Ha 36 anni non 85 ,basta su !!!
    Non siamo negli anni 60 che a 40 andavi al campo santo !! Che tristezza ma non han nient altro da pensare ?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mark Otto - 3 anni fa

      si, ma non gioca al circolo, ha 36 anni e vince slam in cui gioca gente di 20

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Angelo Lafranconi - 3 anni fa

      Ripeto ha 36 anni non 70 !! Con una vita e allenamento dedicato puo tranquillamente vincere contro i ventenni ancora per 5 anni secondo me !!! Quando descrivono le sue vittorie agli slam sembra che descrivono uno che e’piu di la che di qua !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Luca Ravoni - 3 anni fa

      Angelo Lafranconi Il tuo ragionamento potrebbe anche esser giusto.Ma la domanda è una;quello che sta facendo Federer è una cosa che fanno tutti,o che veramente..sta facendo solo lui? è questo il punto.L’avessero fatto tutti,sarebbe uno dei tanti,invece lui è uno dei pochi,anzi,l’unico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Max Laritonda - 3 anni fa

      Mark Otto ma e’ anche vero che quando perse le 2 finali di wimbledon 2014-2015 e quella 2016 us open molti suoi tifosi della quale faccio parte si aggrappavano al fatto che djokovic vincesse con un federer ormai vecchio! Ora in un anno ne ha vinti altri 3! Ecco in questo senso quei successi di djokovic hanno assunto ancora maggior valore a mio avviso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Tommaso Terraneo - 3 anni fa

      Se pensi che Federer a 41 anni possa ancora vincere slam, mi sa che non hai idea del logorio fisico e soprattutto nervoso che comporta vincere 7 partite al meglio dei 5 set in due settimane

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Angelo Lafranconi - 3 anni fa

      Lo stesso che dicevate nel 2009 , nel 2013 , e ridirete nel 2020

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Salvatore Coscarelli - 3 anni fa

    Cumu.vo mangia’ Leo Federer 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy