Nick Kyrgios: “Al confronto con Wimbledon, il Roland Garros è una m…”. Rusedski: “Ha bisogno di uno psicologo”

Nick Kyrgios: “Al confronto con Wimbledon, il Roland Garros è una m…”. Rusedski: “Ha bisogno di uno psicologo”

Durante una recente diretta Instagram il bad. boy australiano ha apostrofato in malo modo il secondo Slam dell’anno, in scena tra pochi giorni a Parigi.

di Redazione Tennis Circus

Non è un mistero che la terra battuta non sia di certo la superficie preferita di Nick Kyrgios. Il tennista di Canberra ha espresso spesso questa avversione, e forse non a caso in questi Internazionali BNL d’Italia ha fatto una delle scenate più significative della sua ancora breve ma strana carriera di personaggio e sportivo controverso, durante la partita contro il norvegese Casper Ruud (per il quale è stato sanzionato per un totale di circa 20mila euro per tre condotte antisportive in campo). A suo dire, l’australiano non ha particolari obiettivi sull’imminente Slam di Parigi, il Roland Garros. Kyrgios, vincitore lo scorso marzo dell’ATP 500 di Acapulco, ora è a Wimbledon, dove si sta allenando, principalmente con Jamie Delgado, attuale coach di Andy Murray.

Dr. Jekyll & Mr. Hyde: Nick Kyrgios e le sue pazzie

Durante una diretta Instagram a Londra, Kyrgios ha ripetuto più volte definendo in malo modo l’appuntamento parigino: “Tra un paio di giorni dovrò andare a Parigi. Il French Open è una merda paragonato a questo posto. Davvero schifo“.

Un comportamento, che insieme ad altre esternazioni non felici nei confronti di colleghi come Fernando Verdasco e Novak Djokovic, è stato criticato da altri tennisti ed ex giocatori. Secondo l’ex n. 4 del mondo canadese Greg Rusedski, Nick Kyrgios dovrebbe seguire l’esempio di Roger Federer, icona dal punto di vista sportivo e umano. Secondo Rusedski, Nick dovrebbe imparare a concentrarsi su pochi tornei, anche per placare la sua frustrazione sul rettangolo di gioco:

 “Kyrgios non ha un buon team di persone intorno a sé, ed è proprio lui a volerlo. Afferma di non essere facilmente “allenabile”, non vuole nemmeno stare nel circuito. Perché non fa come Federer, e gioca 10 o 12 eventi al massimo? Che si dimentichi le regole, in base alle quali sarebbe costretto a giocare almeno 18 tornei”. Giocare una settimana al mese, ecco cosa gli ci vuole. Ha talento da vendere. Voglio dire, non sarà mai un Rafa, un Roger, un Murray o un Djokovic. Non ha alcuna possibilità in questo  senso, ma deve trovare un programma che funzioni per lui. E poi ha bisogno di uno psicologo, o comunque di qualcuno che lo accompagni nei vari tornei”.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Flavio Castignani - 3 mesi fa

    Un pirlone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giuseppe La Rosa - 3 mesi fa

    Ha assolutamente ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Donatello Sapone - 3 mesi fa

    Il linguaggio è sicuramente sbagliato ma non ha tutti i torti!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carmelo Greco - 3 mesi fa

    È un povero idiota, ignorante arricchito, bruttissimo esempio per i ragazzini che si avvicinano al tennis.Un coglione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giacomo Tuveri Jonko - 3 mesi fa

    Ha perso un altra occasione per stare zitto, idiota…andrebbe sospeso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sergio Sportelli - 3 mesi fa

    Un cafone arricchito e talentuoso, nulla di più!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Flavio Castignani - 3 mesi fa

    Un pirlone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Rosario Occhipinti - 3 mesi fa

    A questo il tennis non piace, è evidente… Gli hanno messo una racchetta in mano e gli hanno detto “Tò, gioca”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Capisco che nn piaccia giocare sulla terra rossa, ma il RG…. cioè stiamo parlando di religione del tennis, è come se io dicessi che venero Giove ma Marte fa cagare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Emanuela Filippi - 3 mesi fa

    Non si smentisce mai …….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy