Gianluigi Quinzi, allarme rosso

Gianluigi Quinzi, allarme rosso

Ennesima sconfitta per il tennista marchigiano, che esce di scena all’esordio anche nel Challenger di Biella e prosegue il suo periodo negativo. Cosa aspettarsi da lui in futuro?

di Antonio Sepe

Attualmente al 338esimo posto della Race con appena 99 punti conquistati, frutto dei quindici match vinti a fronte delle innumerevoli sconfitte. Queste alcune delle statistiche di un disastroso 2019 per Gianluigi Quinzi, protagonista di un notevole passo indietro rispetto alla stagione passata dove era riuscito ad entrare nei Top 150 ed a vincere qualche Challenger nonchè ad esprimere il suo miglior tennis. Si avvia invece verso un’altra’annata anonima il tennista di Cittadella, che non ha trovato costanza ed ha faticato ad imporre il suo gioco, rimediando diverse sconfitte che lasciano l’amaro in bocca. L’ultima in ordine cronologico contro Oscar Jose Gutierrez, tennista brasiliano che staziona intorno alla 400esima piazza del ranking mondiale, il quale ha colto la prima vittoria in stagione a livello Challenger proprio in quel di Biella, contro il classe 1996. Una sconfitta che brucia ancora di più se si pensa che il sudamericano ha poi rimediato un sonoro 6/0 6/1 al turno seguente.

Difficoltà a livello tattico, emotivo o fisico? Difficile ipotizzarlo. Fatto sta che Quinzi, dalla celebre vittoria di Wimbledon Junior, ha incredibilmente faticato nel passaggio verso il tennis professionistico e, nonostante qualche exploit, non ha mai dato l’impressione di poter diventare un buon giocatore, fisso tra le prime 100-200 posizioni. L’anno scorso ci era andato vicino ma poi ha vanificato tutto con questo pessimo 2019, che lo ha rispedito verso il suo passato, verso quel limbo dal quale è difficilissimo uscire per spiccare il volo. Rispetto ai suoi coetanei, Gianluigi ha ovviamente avuto molta più pressione sulle spalle – basti pensare che Matteo Berrettini è più giovane di lui di appena due mesi, ma si è presentato al tennis che conta solamente da un paio d’anni – e probabilmente non è stato capace di gestirla al meglio, prendendo decisioni sbagliate e forse non affidandosi alle persone giuste, come testimoniano i numerosi cambi di allenatore. E’ altrettanto vero che l’età gioca a suo favore e sarebbe assurdo definire Quinzi un giocatore finito ad appena 23 anni, anche in virtù dei numerosi exploit di tennisti italiani e non alla soglia dei trent’anni.

Il suo atteggiamento in campo, ancor più dei suoi risultati, non fa però ben sperare: al di là di tutti i problemi tecnici, Gianluigi dà l’impressione di non essere pronto a soffrire, a lottare su ogni singola palla e ad uscire dal campo consapevole di aver dato tutto. Probabilmente il momento negativo non lo aiuta, anzi condiziona ancora di più il suo modo di giocare e di stare in campo; i risultati ne sono una matematica conseguenza. 

Continuare su questa strada sembra piuttosto inutile, quasi uno spreco di tempo – anche se chissà che Gianluigi non possa riscattarsi da un momento all’altro e sorprendere tutti, dimostrando che era solamente un periodo difficile -; al contrario, potrebbe essere un’idea ripartire con umiltà e spirito di sacrificio, lavorando duramente con un buono staff –  come quello che supporta il suo amico Berrettini – per cercare di dimostrare agli altri, ma ancor prima a sè stesso, di potercela fare. Il talento c’è e su questo non ci piove; piove invece sul bagnato in questo 2019 da dimenticare, che rischia di rappresentare un anno di svolta nella carriera del marchigiano, sia in positivo che in negativo. Tanti interrogativi ma pochissime risposte. Cosa aspettarsi dal futuro di Gianluigi? Riuscirà a rilanciarsi in vista del 2020? Oppure precipiterà in classifica? O ancora si “accontenterà” di una carriera tra le posizioni 200 e 400 del Ranking Atp, alternando apparizioni tra Challenger e Futures? In attesa di poter rispondere a queste domande, un in bocca al lupo al ragazzo di Cittadella è d’obbligo.

47 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. William Viezzer - 4 settimane fa

    L’ho visto giocare a cordenons e perdere 60 62 da Collarino,mi ha dispiaciuto vederlo perdere così ma di più non poteva fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Serafino Paoloni - 4 settimane fa

    Ho sentito dire che all età di 8 o 9 anni lo facevano alzare prestissimo e lo facevano allenare un’ora la mattina prima di andare a scuola.. Ma non è un po’ esagerato se fosse vero? Se otterrà buoni risultati ok, altrimenti parte della fanciullezza se ne è andata via, questa è la mia modesta opinione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Serafino Paoloni - 4 settimane fa

    Ho sentito dire che all età di 8 o 9 anni lo facevano alzare prestissimo e lo facevano allenare un’ora la mattina prima di andare a scuola.. Ma non è un po’ esagerato se fosse vero? Se otterrà buoni risultati ok, altrimenti parte della fanciullezza se ne è andata via, questa è la mia modesta opinione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Serafino Paoloni - 4 settimane fa

    Ho sentito dire che all età di 8 o 9 anni lo facevano alzare prestissimo e lo facevano allenare un’ora la mattina prima di andare a scuola.. Ma non è un po’ esagerato se fosse vero? Se otterrà buoni risultati ok, altrimenti parte della fanciullezza se ne è andata via, questa è la mia modesta opinione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Serafino Paoloni - 4 settimane fa

    Ho sentito dire che all età di 8 o 9 anni lo facevano alzare prestissimo e lo facevano allenare un’ora la mattina prima di andare a scuola.. Ma non è un po’ esagerato se fosse vero? Se otterrà buoni risultati ok, altrimenti parte della fanciullezza se ne è andata via, questa è la mia modesta opinione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Andrea Mennilli - 4 settimane fa

    Troppo robusto, poco reattivo, forse la natura, per essere un professionista del tennis bisogna avere tante qualità. Opinione personale, posso sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Andrea Giacchi - 4 settimane fa

    Evidentemente è scarso…i suoi coetanei che anni fa parteciparono con lui a quel Wimbledon Juniores stanno avendo una carriera più che dignitosa…uno su tutti Kirgios…al netto del suo bipolarismo ovviamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Andrea Giacchi - 4 settimane fa

    Evidentemente è scarso…i suoi coetanei che anni fa parteciparono con lui a quel Wimbledon Juniores stanno avendo una carriera più che dignitosa…uno su tutti Kirgios…al netto del suo bipolarismo ovviamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Andrea Covacich - 4 settimane fa

    Sarà un bravo maestro marchigiano, come molti altri talenti italiani spariti alle porte del professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Andrea Covacich - 4 settimane fa

    Sarà un bravo maestro marchigiano, come molti altri talenti italiani spariti alle porte del professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Andrea Covacich - 4 settimane fa

    Sarà un bravo maestro marchigiano, come molti altri talenti italiani spariti alle porte del professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Andrea Covacich - 4 settimane fa

    Sarà un bravo maestro marchigiano, come molti altri talenti italiani spariti alle porte del professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Andrea Covacich - 4 settimane fa

    Sarà un bravo maestro marchigiano, come molti altri talenti italiani spariti alle porte del professionismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Carla Sottocorno - 4 settimane fa

    Gli auguro di uscire dal tunnel negativo. Forza ragazzo reagisci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Carla Sottocorno - 4 settimane fa

    Gli auguro di uscire dal tunnel negativo. Forza ragazzo reagisci

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy