ATP Finals a Torino: sogno o realtà?

ATP Finals a Torino: sogno o realtà?

Entro venerdì scade il termine per la consegna del dossier definitivo per portare l’evento in Italia e giovedì 14 marzo l’ATP si riunirà per decidere. Ce la farà Torino a prevalere su Tokyo, Singapore, Manchester e Londra?

di Giuliana Cau

Da 39 iniziali a 5 candidate finali. Si stringe quindi il cerchio per le città aspiranti ad accogliere le ATP finals di tennis. Eppure il rallentamento degli ultimi giorni sembra pesare come un doppio fallo nel set conclusivo. Si rischia di perdere il game, la partita e l’incontro, perché non più tardi di venerdì scade il termine per la consegna dell’ultimo dossier e il 14 marzo l’ATP si riunirà per prendere una decisione. Infatti, se entro il 15 febbraio (dopo domani) non arriverà il via libera per assegnare i fondi di garanzia, tramonterà definitivamente la candidatura per ospitare il Masters di fino anno in Italia, l’ultimo prestigioso torneo stagionale che, per una settimana, porterebbe a Torino i migliori otto giocatori del circuito a partire dal Novembre 2021 fino al 2025. La preoccupazione al Coni, a Roma e al Palazzo Civico di Torino è altissima, perché il lavoro di questi mesi, compresa la caccia serrata agli sponsor per coprire i 50 milioni che servono, rischia di essere vanificato se il Governo non troverà i fondi necessari, oltre 78 milioni di euro, per garantire il pagamento della quota d’ingresso quinquennale. “Dobbiamo capire se ci sono le condizioni affinché il Governo, o anche il Parlamento, possa supportare in qualche modo uno sforzo di questo tipo” ha dichiarato, alcuni giorni fa, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, dando ad intendere che la volontà di portare le ATP Finals a Torino è concreta, mentre le risorse economiche lo sono meno. Ecco perché, dopo la delusione delle Olimpiadi del 2026 a Roma, il presidente della Camera di Commercio Vincenzo Ilotte lancia un appello anche su questo fronte: “Le città rimaste sono concorrenti di tutto rispetto, ma per noi, che abbiamo strutture adatte a ospitare gare e allenamenti, questo sarebbe l’evento di un intero territorio“. Ilotte ha ottenuto un vertice con il sindaco di Torino Chiara Appendino, per cercare di smuovere le acque. In più è stata scritta e spedita una lettera, nei giorni scorsi, proprio alla sindaca che sarà diffusa nelle prossime ore anche a Palazzo Chigi, in particolare a Giuseppe Conte e al già citato Giancarlo Giorgetti. “Mi chiedo e chiedo al Governo se dobbiamo far scendere le Madamine in piazza per una cifra di 78 milioni in 5 anni, che non è poi così enorme, rischiando invece l’ennesimo sgarbo a questo territorio. Perché vogliono punire in questa maniera il nostro territorio? La prospettiva è fattibile e questi sono i giorni in cui è necessario spingere per realizzare l’obiettivo” -ha proseguito Ilotte, senza nascondere un tono velatamente polemico in considerazione del freno imposto da Giorgetti. “Dei 50 milioni spesi si stimano ricadute positive almeno doppie all’anno, dunque decuplicate nell’arco dei 5 successivi su cui insiste il progetto -ha aggiunto il presidente della camera di commercio- “Non mi spiego perché questo atteggiamento, soprattutto verso un territorio che dovrebbe essere affine, politicamente, con il governo di Roma. Ci hanno perfino inserito nell’Area di Crisi e poi non ci sostengono in situazioni di questo genere” -ha concluso un Vincenzo Ilotte visibilmente rammaricato. A tal proposito si è espresso anche il presidente del Coni Giovanni Malagò, che qualche anno fa si era apertamente battuto contro la decisione della giunta Raggi di non candidare Roma alle Olimpiadi del 2026. Stavolta i toni sono più pacati e meno pungenti, ma la posizione del presidente è ben chiara: “Abbiamo avuto noi l’idea di portare le ATP Finals di tennis a Torino e sono contento che la nostra candidatura sia considerata eccellente. Gli aspetti delle garanzie finanziarie non riguardano noi per ovvi motivi e dunque non posso aggiungere altro“. Queste le parole di Giovanni Malagò a margine di un evento che per il Coni significherebbe moltissimo se si realizzasse in Italia.

A. Zverev, campione in carica delle ATP Finals, con accanto il suo team
A. Zverev, campione in carica delle ATP Finals, con accanto il suo team

Indiscutibilmente si tratta di una chance importante, forse irripetibile, per Torino e l’Italia, anche se la concorrenza è davvero notevole, oltre che agguerrita. Difatti Londra non vuole rinunciare ad un torneo che ospita con successo dal 2009; Manchester può contare sul secondo palasport più capiente d’Europa (soltanto ad Anversa ce n’è uno più grande); mentre Singapore e Tokyo possono garantire molto denaro sia a priori che a posteriori, aspetto fondamentale nel processo decisionale per l’assegnazione dell’evento. L’Italia in questo momento, è inutile girarci intorno, non gode di una condizione economica così fiorente come quella giapponese e cinese e le previsioni per il futuro non sono rosee. Perciò, sebbene per il mondo dello sport sarebbe una bellissima soddisfazione ospitare un torneo così prestigioso come le ATP Finals, in una nazione dove si parla forse troppo di calcio e forse troppo poco di tennis, bisogna fare i conti col portafogli che, allo stato attuale, appare tutto fuorché pieno. Venerdì, quanto meno, sapremo se il sogno resterà nel cassetto o se, per una volta, diverrà una solida realtà.

Fonti: Tennis World Italia, Repubblica, Il Sole 24 OreTorinoSportiva.it, Ansa

27 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carla Sottocorno - 2 mesi fa

    Forza Torino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lucia Martone - 2 mesi fa

    Magari ma dubito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sabrina Barbon - 2 mesi fa

    Per me vanno a Singapore..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giovanni Morina - 2 mesi fa

    Filippo Antonio Greco, forse qualche speranza c’è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Monica Boiardi - 2 mesi fa

    Ilaria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ilaria Giannone - 2 mesi fa

      La vedo dura, anche perché tutti i giocatori dicono che si trovano benissimo a Londra ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Monica Boiardi - 2 mesi fa

      Io mi chiedo se c’è una location adatta,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Ilaria Giannone - 2 mesi fa

      Se si sono candidati penso di sì …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Monica Boiardi - 2 mesi fa

      Mah, vedremo….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antonietta Ricci - 2 mesi fa

    Non credo proprio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dario Gattuso - 2 mesi fa

      E invece sì. Basterebbe la copertura finanziaria. La commissione ATP ha apprezzato gli impianti. Tutto è nelle mani del Governo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pietro Virzi - 2 mesi fa

    Magari…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Lorenzo Lombardo - 2 mesi fa

    Speriamo di sì

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gianluca Sabatini - 2 mesi fa

    Magari

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Damiano Caravetta - 2 mesi fa

    Prima la TAV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Carmelo Licciardello - 2 mesi fa

    Ciro E Mary Longo Malaponti Sebastiano che ne pensate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Maria Diomede - 2 mesi fa

    Mi auguro di si!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Tiziana Gabba - 2 mesi fa

    Speriamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Sergio Aguiari - 2 mesi fa

    Da amante del tennis spererei di sì, da italiano spero di no, sarebbe l’ennesima mangiatoia per politici puttanieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Marco Perri - 2 mesi fa

    Speriamo bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Simona Vacca - 2 mesi fa

    Sarebbe un sogno avere le ATP finals a Torino, ma dubito che possa prevalere sulle atre città. Torino ormai è una città allo sfascio. Non siamo neanche riusciti a candidarci per le Olimpiadi invernali (ed avevamo già tutto, fiaccola compresa)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barbara Maselli - 2 mesi fa

      Simona Vacca anche io.. Teniamo le dita incrociate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Tommaso Spoggi - 2 mesi fa

    Ma magari facessero le atp final a Torino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Massimo Ankor - 2 mesi fa

    no
    governo infame

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giuliana Cau - 2 mesi fa

      La recessione in Italia è storia vecchia. Occorrono 78 milioni di garanzie, oltre ai 50 provenienti dagli sponsor che non bastano per coprire tutti i costi. Mettici che Il Tennis non vende come il calcio e la frittata è fatta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Leonardo Pasqualini - 2 mesi fa

    No

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dario Gattuso - 2 mesi fa

      La commissione che ha visitato gli impianti, li ha apprezzati. Resta il nodo della copertura finanziaria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy